Scarica il file GPX di questo articolo

Da Wikivoyage.
Jump to navigation Jump to search

Ein Avdat
עין עבדת
Il canyon
Tipo area
Stato
Regione
Sito istituzionale

Ein Avdat è un'area protetta situata nella Deserto del Negev.

Da sapere[modifica]

Il Parco Naturale di Ein Avdat comprende la sezione del Nahal Tsin dove il torrente scorre profondamente scavando un canyon con un'impressionante stratificazione di calcare e selce, formando varie cascate e stagni.

Cenni geografici[modifica]

Il Parco Nazionale Ein Avdat copre una sezione del corso superiore del fiume Nahal Tsin, il fiume Tsin (o "Zin") sorge vicino al cratere Makhtesh Ramon e corre in direzione nord-est fino a sfociare nel Mar Morto. La parte più alta del Nahal Tsin è secca per la maggior parte dell'anno, cioè solo durante i periodi di pioggia nel Negev trasporta grandi quantità d'acqua. Situata ai piedi di una possente scogliera, la sorgente di Ein Avdat ha acqua tutto l'anno, motivo per cui in questo tratto del Nahal Tsin scavato in un profondo canyon si è sviluppata un'oasi con uno stagno e un pioppeto. L'acqua cade dalle "piscine superiori" attraverso una cascata verso le "piscine inferiori", creando una ricca vegetazione nell'area del parco divenendo secco, soprattutto nei mesi estivi.

Da nord, la valle laterale Nahal Havarim sfocia nel Nahal Tsin, il ruscello Havarim porta acqua solo nel periodo di piogge occasionali.

Il Deserto Zin è un deserto e non una fertile valle fluviale come veniva riportato nei resoconti biblici.

Flora e fauna[modifica]

Lo stambecco nubiano

Lo stambecco nubiano (Capra nubiana) si incontra spesso nella zona dell'ingresso della gola del parco, i gerbilli spesso scompaiono nelle tane vicino al sentiero dopo l'ingresso; gli avvoltoi nidificanti possono essere visti sulle sporgenze delle scogliere a strapiombo, insieme ad altri uccelli.

La flora corrisponde a quella che si trova nel Negev. Eccezionale è la popolazione di pioppi (nella parte superiore dello stagno) e delle orali alofitiche (che possono prosperare in acque leggermente saline). Una popolazione di palme si è sviluppata lungo l'area del parco inferiore.

Quando andare[modifica]

Il clima è desertico e arido, a gennaio le temperature medie sono intorno ai 15 gradi durante il giorno e intorno ai 4 gradi la notte, in piena estate intorno ai 33 gradi durante il giorno e 19 gradi nelle notti, anch'esse fresche nel deserto, ma si raggiungono spesso temperature oltre i 40 gradi.

Cenni storici[modifica]

La valle del fiume Ein Avdat era abitata già in epoca preistorica: sopra la cascata sono state trovate tracce di un mulino dell'età della pietra e testimonianze della produzione di utensili in selce.

Probabilmente in epoca bizantina gli eremiti si insediarono in grotte artificialmente ampliate sulla parete rocciosa della gola. L'acqua del Nahal Tsin è stata probabilmente utilizzata fino al Medio Evo. Scanalature nella roccia all'ingresso superiore testimoniano che secchi su funi venivano calati nel canyon per raccogliere l'acqua.

Nel 1952 fu fondato il Kibbutz Sde Boker sulla strada principale 40 che porta a Eilat sopra l'uscita inferiore del Nahal Tsin.

Come arrivare[modifica]

In auto[modifica]

Dalla strada principale 40 Be'er Sheva - Eilat, che corre da nord a sud attraverso il Negev, si dirama per Sde Boker, da qui svoltare a destra ad una rotonda all'ingresso del paese e raggiungerete la biglietteria e il negozio dell'amministrazione del parco nazionale.

In autobus[modifica]

Dalla fermata dell'autobus della linea Be'er Sheva - Eilat (linee 60, 65 di Metropoline) alla rotonda l'ingresso del parco è raggiungibile anche a piedi in 40 minuti di strada asfaltata.

Permessi/Tariffe[modifica]

  • En Avdat National Park, + 972 08-655-5684 , +972 08-655-4418, fax: +972 08-657-0536. Ecb copyright.svg NIS 28/14. Simple icon time.svg estate: Dom-Gio 08:00-17:00, Ven e festivi 08:00-16:00; inverno: Dom-Gio 08:00-16:00, Ven e festivi 08:00-15:00. Cani non ammessi, cuccia a disposizione durante la visita.


Come spostarsi[modifica]

Discesa dall'ingresso superiore vietata

Nel parco naturale ci si muove a piedi. Il sentiero dall'ingresso inferiore nel canyon è ben sviluppato come sentiero escursionistico, ma dal mattino praticamente non c'è ombra. Il sentiero è a tratti stretto, è difficile schivare una scalinata scavata nella roccia, bisogna aspettare un po' se c'è "confusione".

Dal fondo del Nahal Tsin Canyon, è possibile salire un sentiero escursionistico fino all'ingresso superiore. Anche questo sentiero è scavato nella roccia, ma è ben protetto. In un tratto c'è una scala in ferro con ringhiera che conduce per alcuni metri su una parete rocciosa. La si percorre a senso unico, potete solo salirla.# Non è consentito scendere nella gola dall'ingresso superiore, il viaggio di ritorno a Sde Boker risp. per raggiungere l'auto all'ingresso inferiore è necessario organizzarsi da soli, possibilmente facendo l'autostop o accordandosi con altri visitatori (oppure attendere l'autobus per Sde Boker ...).

Dall'ingresso superiore al punto di partenza dell'ingresso inferiore del parco essendo il percorso a senso unico va organizzato. C'è un collegamento in autobus sulla strada 40, ma potreste chiedere un passaggio ad altri visitatori.

Ingressi[modifica]

Il parco naturale è accessibile da due ingressi. Il canyon è percorribile solo dall'ingresso inferiore, cioè dal lato nord di Sde Boker.

  • 30.8320334.771021 Ingresso Inferiore (Ingresso settentrionale). Per visitare il Parco Nazionale Ein Avdat, il biglietto d'ingresso si paga qui, riceverete un biglietto che dovrà essere presentato alla seconda biglietteria. Se fate un'altra destinazione (escursione a Ein Akev, ecc.) sarete ammessi gratuitamente, ma non riceverete la ricevuta per visitare il parco Ein Avdat. Per visitare gratuitamente la tomba di D. Ben Gurion svoltare davanti alla biglietteria a sinistra per il parcheggio.
    Superata una sbarra, si può scendere in fondo al canyon su una strada laterale che si snoda con dei tornanti raggiungendo l'ingresso del parco Inferiore che dista 3,3 km. Numerosi sono i parcheggi parzialmente ombreggiati. Poiché il parco chiude intorno alle 16:00 e dovete lasciare il parco entro tale orario.
  • 30.8224934.760082 Ingresso superiore (Ingresso sud) (accessibile a sud tramite un cul-de-sac dalla strada 40). La strada di accesso all'"ingresso superiore" lascia la strada principale 40 un po' a sud di Sde Boker e termina in un parcheggio. Da qui, percorrendo un breve sentiero di ghiaia, si raggiunge il punto panoramico con la spettacolare vista del canyon. Il biglietto è valido per entrambi gli ingressi. Da qui non è consentita la discesa nel canyon.


Cosa vedere[modifica]

  • Sorgente di Ein Mor (Un po' più a nord dell'Ingresso inferiore). Le cui acque scorrono a nord-est con il torrente Tsin.
  • 30.8297134.768121 Torrente Tsin. Il sentiero dopo l'Ingresso inferiore conduce a Nahal Tsin, una valle ricoperta di vegetazione bassa e cespugli. Qui è ben visibile la stratificazione delle pareti rocciose, sul lato destro vi sono delle grotte, alle quali conducono alcuni stretti sentieri. Nella stagione secca, il torrente Tsin è un magro rivolo. Quando piove l'acqua che scorre a monte nell'altopiano, precipita nel canyon come una cascata. In alto sulle scogliere è possibile avvistare gli avvoltoi nei loro nidi.
  • 30.827534.765252 Scalinata in pietra. Tramite questa scalinata si risale la valle del fiume, ma bisogna attendere il passaggio delle persone in arrivo.
  • 30.82891734.7663373 Diga. Il sentiero qui si biforca. A sinistra scavalca una diga calpestabile, che sbarra l'acqua del torrente per formare uno stagno. Sulla riva destra dello stagno si può camminare per un breve tratto fino alla vasca inferiore della cascata En Avdat. In estate, l'acqua scende per un'altezza di 15 m come un ruscello magro, ma può aumentare enormemente dopo una pioggia.
  • 30.82521334.7632024 Grotte. In questo punto si possono vedere delle grotte nella parete rocciosa sulla riva sinistra, in cui vivevano i monaci eremiti durante il dominio bizantino.
  • 30.82485434.7632615 Pioppi mesopotamici.
  • 30.82379434.7638786 Vasche superiori. Questi stagni stagni sono alimentati dalla sorgente En Ma'arif, un po' più in alto nel corso superiore, ma non sono accessibili ai visitatori.
  • 30.8240634.762967 Scala a senso unico. Da questa scala che conduce all'ingresso superiore si può solo salire, pertanto chi ha lasciato l'auto all'altro ingresso non può tornare sui suoi passi.
    A metà salita, si trova un eremo rupestre visitabile tramite un sentiero protetto da un muro.
  • 30.82313434.7633578 Torre di avvistamento bizantina. Torre a base quadrata e altri edifici assieme a una diga testimoniano l'insediamento intorno al Nahal Tsin in tempi precedenti. Vi sono dei segni di trascinamento prodotti probabilmente dagli allevatori di bestiame o dai monaci i quali hanno tirato l'acqua dal fondo della gola con secchi su lunghe corde sopra i dirupi.
  • 30.82297734.7635399 Punto di osservazione. Questo punto di osservazione è protetto da ringhiere e si gode di una bella vista sul canyon da cui, sulle pareti rocciose si possono vedere a volte gruppi di stambecchi della Nubia. Un sentiero conduce alla cima della cascata, che in estate si prosciuga.


Cosa fare[modifica]

  • Escursioni. L'area è ottima per organizzare vari tipi di escursione.


Acquisti[modifica]


Dove mangiare[modifica]

Nell'edificio della biglietteria dell'ingresso inferiore è presente un negozio di souvenir che vende snack e bevande, servizi igienici e un punto acqua potabile con tavoli da picnic ombreggiati.

Dove alloggiare[modifica]

  • 30.8290434.750631, +972 8-6535777, fax: +972 8-6535888, . Si può campeggiare con la propria tenda, dormire in tenda beduina o in bungalow; mangiare pasti in stile beduino. Offre tour nel deserto in 4x4 o camion con piattaforma panoramica.

La altre opzioni di alloggio sono a Sde Boker.

Sicurezza[modifica]

La balneazione è vietata in tutta l'area del Nahal Tsin. I ranger del parco ricorderanno il divieto più volte.

Le bevande devono essere trasportate nelle giornate calde, i picnic e i fuochi all'aperto sono vietati in tutta l'area del parco.

Problemi di criminalità e terrorismo qui non esistono.

Devono essere presi in considerazione i pericoli derivanti dalla temperatura e dalle condizioni meteorologiche nel deserto. Nelle giornate calde, anche quando visitate il Nahal Tsin considerate che è scarsamente ombreggiato, assicuratevi di avere abbastanza liquidi con voi. Nell'area del parco nazionale (non solo all'ingresso superiore con il belvedere) c'è il rischio di cadere se ci si avvicina troppo ai bordi che scendono ripidi nel canyon, i bambini sono da tenere sotto controllo! Nei mesi invernali, in caso di precipitazioni, che possono verificarsi anche con grande intensità, occorre prestare attenzione affinché le valli fluviali (Nahal Tsin e Nahal Havarim) siano allagate da masse d'acqua in aumento all'improvviso. Quando il livello dell'acqua sale, non dovete provare a guadare o nuotare nell'acqua torbida, è meglio raggiungere un posto sufficientemente alto e chiedere un aiuto professionale.

Come restare in contatto[modifica]


Nei dintorni[modifica]


Altri progetti

ParcoUsabile: l'articolo rispetta le caratteristiche di una bozza ma in più contiene informazioni su come arrivare, sulle principali attrazioni o attività da svolgere e sui biglietti e orari d'accesso.