Scarica il file GPX di questo articolo

Sentieri e Rifugi dell'Altopiano del Sole

Da Wikivoyage.
Jump to navigation Jump to search

Sentieri e Rifugi dell'Altopiano del Sole
Mucche al pascolo in prossimità della malga Creisa
Stato
Regione

Introduzione[modifica]

Sull'Altopiano del Sole, situato in Lombardia, sono presenti numerosi sentieri di tutte le difficoltà. In tutti i rifugi elencati è possibile mangiare e nella maggior parte dei casi dormire, in tal caso è consigliabile prenotare. Non in tutte le malghe, case di contadini dove questi producono formaggi o altri prodotti e attorni alle quali, in genere, si possono vedere i pascoli del bestiame è possibile mangiare, ma talvolta vengono venduti prodotti caseari.

Tutti i sentieri sono segnati dal CAI con i colori rosso e bianco.

Cenni geografici[modifica]

L'Altopiano del Sole comprende i comuni di Malegno, Lozio, Ossimo e Borno e costituisce la valle percorsa dal torrente Trobiolo, perpendicolare alla media Valle Camonica e dominata dalle vette più orientali delle Prealpi Orobiche.

Flora e fauna[modifica]

Nei boschi dell'altopiano sono presenti diverse specie di piante, sia latifoglie che conifere. Ad altitudini più basse si trovano per lo più noccioli, faggi e pochi castagni, mentre salendo si incontrano abeti, larici e qualche pino. Sopra i 1900-2000 m s.l.m. le vette montuose sono invece caratterizzate da piccoli arbusti e da prati.

Il sottobosco è spesso ricoperto di muschio e/o piante di mirtillo e non di rado si trovano ai lati del sentiero piante di more, mirtilli e fragoline di bosco: è comunque sconsigliabile mangiare questi frutti di bosco se non si è completamente certi della loro commestibilità. Durante il periodo estivo, il sottobosco genera inoltre anche i funghi, anche in questo caso è importante essere certi della specie che si sta raccogliendo per non rischiare intossicazioni che, come nel caso nell'Amanita phalloides, possono portare velocemente alla morte. È importante sapere che per raccogliere i funghi è necessario munirsi di un permesso.

Quando andare[modifica]

Il periodo migliore per godere dei sentieri dell'Altopiano del sole è ovviamente quello tardo-primaverile/estivo quando si hanno lunghe giornate per lo più soleggiate. Prima di iniziare un'escursione è comunque consigliabile controllare le previsioni del meteo. Lo stato dei sentieri può inoltre non essere sempre ottimale, soprattutto se nei giorni precedenti all'escursione ha piovuto molto.

Molte delle attività di seguito descritte potrebbero essere aperte solo nel periodo estivo o nelle settimane centrali di agosto.

Cenni storici[modifica]

rifugio Colonnello Ferruccio Lorenzini - Pratolungo

A Pratolungo, dove oggi si trova il rifugio intitolato al Colonnello Ferruccio Lorenzini, l'8 dicembre 1943 avvenne una cruenta battaglia tra 20 partigiani guidati dal Col. Lorenzini e 150 armati delle Brigate Nere. I soldati delle Brigate Nere, avvisati probabilmente da una spia e aiutati dalla nebbia, attaccarono di prima mattina la malga di Pratolungo uccidendo Alessandro Cavalli, Mario Voltolini, Enrico Stefanic e due giovani provenienti dall'URSS, Ivan e Stefano. Armando Pollastrelli, gravemente ferito, venne inizialmente scambiato per morto, ma ritrovato due giorni dopo venne prima curato poi chiuso in carcere a Brescia.

I soldati fascisti catturarono inoltre il Col. Lorenzini, Giuseppe “Beppe” Gheda, Gianmaria Bettoni, Vittorio Bartoli, Giuseppe Bonazzoli, Mauro Moneghini, Guido Rallo, Paolo Castrezzati, Girolamo Prosperi, Dante Rossi, Pierino Berardi, Ettore Gelmetti, Antonio Sbaraini, Jorghu Questas, René Renault. Il 31 dicembre, dopo un breve e sommario processo svoltosi a Brescia, il Colonnello e altri 9 partigiani vennero condannati a morte per fucilazione, gli altri vennero condannati al carcere.

Sul luogo della battaglia oggi si trova una croce, un altare e una lapide a ricordo dei caduti.

Tracce della Seconda Guerra Mondiale si trovano anche nei pressi del Rifugio Gualtiero Laeng dove si trovano i ruderi del Rifugio Coppellotti, distrutto dai nazisti nel 1944 durante un'esercitazione militare.

Sentieri[modifica]


Borno - Balestrini - M.ga Mine - Pagherola
1
Lunghezza: 5 km Dislivello totale della tappa: potrebbero esserci dislivelli maggiori o minori in salita e/o discesa 650 m Tempo 2 h Difficoltà Escursionistico

Malga Mine
Partenza Da: Borno (900 m s.l.m.)   Tempo di percorrenza 1 h
Destinazione A: Balestrini (1171 m s.l.m.)   Per dislivello si intende il dislivello totale della tappa, potrebbero esserci dislivelli più alti sia in discesa che in salita all'interno della tappa 271 m

Descrizione: Dopo aver imboccato la strada che scende a destra del cimitero e aver oltrepassato il torrente Trobiolo, il sentiero prosegue, sempre su strada asfaltata, fino a loc. Dassine, dove si trova la Trattoria la Tegola. Da qui il sentiero inizia a salire su una strada in parte sterrata e in parte cementata, percorribile con autovetture 4x4 autorizzate. Il sentiero entra in pineta e dopo un'ora si raggiunge loc. Balestrini da dove, con il sentiero 2 è possibile tornare a Borno.


Partenza Da: Blestrini (1171 m s.l.m.)   Tempo di percorrenza 30 min
Destinazione A: M.ga Mine (1314 m s.l.m.)   Per dislivello si intende il dislivello totale della tappa, potrebbero esserci dislivelli più alti sia in discesa che in salita all'interno della tappa 143 m

Descrizione: Dopo Balestrini il sentiero prosegue in pineta lungo un falsopiano passando per una fontana (Fonte Balestrì). Sul lato sinistro del sentiero è possibile, a tratti, godere di panorami sulla media Valle Camonica e più in particolare sulla zona attorno a Piancogno.


Partenza Da: M.ga Mine (1314 m s.l.m.)   Tempo di percorrenza 30 min
Destinazione A: Pagherola (1528 m s.l.m.)   Per dislivello si intende il dislivello totale della tappa, potrebbero esserci dislivelli più alti sia in discesa che in salita all'interno della tappa 214 m

Descrizione: Dalla Malga Mine, situata in una conca erbosa ai piedi della Montagna Corna Rossa è possibile sia proseguire sul sentiero 1 che si rimpicciolisce e non è più carrabile sia raggiungere Pian Borno su un sentiero, però, che non è sempre ben segnalato. Anche l'ultimo tratto del sentiero numero 1 non è ben tenuto (2015), anche se ben segnalato. Il sentiero si conclude sulle piste da sci da dove è possibile proseguire sul sentiero 3 per il M. Altissimo e loc. Plai.


Borno - Lazzaretti - F.te Pizzoli - Balestrini
2
Lunghezza: 3,3 km Dislivello totale della tappa: potrebbero esserci dislivelli maggiori o minori in salita e/o discesa 300 m Tempo 1 h e 10 min Difficoltà Turistico
Località Balestrini
Da Borno il sentiero coincide per il primo tratto con Viale Pineta e con il sentiero numero 3. Oltrepassato il torrente Trobiolo, dopo una breve discesa, il sentiero inizia a salire circa dopo 100 m dal Ristorante Corna Rossa il sentiero si separa da quello per il M. Altissimo e svolta a sinistra. Superate delle baite, si arriva alle Fonti di acqua minerale Pizzoli. Da F.te Pizzoli il sentiero si rimpicciolisce e percorre le pendici del Monte Lo (in questo tratto è importante prestare la massima attenzione alla segnaletica) fino a Loc. Balestrini dove si immette sul sentiero 1 per Borno o Pagherola.


Borno - Lazzaretti - B.ta Mensi - Plai - M.ga Pian d'Aprile - Pagherola - M. Altissimo
3
Lunghezza: 5,3 km Dislivello totale della tappa: potrebbero esserci dislivelli maggiori o minori in salita e/o discesa 640 m Tempo 2 h e 40 min Difficoltà Escursionistico

Partenza Da: Borno (900 m s.l.m.)   Tempo di percorrenza 1 h e 30 min
Destinazione A: Plai (1305 m s.l.m.)   Per dislivello si intende il dislivello totale della tappa, potrebbero esserci dislivelli più alti sia in discesa che in salita all'interno della tappa 405 m

Descrizione: Alla rotanda del Pattinaggio Edil Patì il sentiero scende, lungo Viale Pineta fino al Torrente Trobiolo. In questo primo tratto il sentiero coincide anche con il 2 ed è percorribile in macchina. Dopo il bivio per Fonte Pizzoli (2), la strada continua in pineta con una curva a destra. Prima di arrivare a Plai si incontra sulla destra Baita Mensi.


Malga Pian d'Aprile
Partenza Da: Plai (1305 m s.l.m.)   Tempo di percorrenza 40 min
Destinazione A: Pagherola (1528 m s.l.m.)   Per dislivello si intende il dislivello totale della tappa, potrebbero esserci dislivelli più alti sia in discesa che in salita all'interno della tappa 223 m

Descrizione: In questo tratto di sentiero il percorso coincide per lo più con quello delle piste da sci e, essendo a fondo sterrato, è percorribile solo con fuoristrada. Poco oltre Plai si incontra Malga Pian d'Aprile dove è possibile vedere mucche al pascolo.


Partenza Da: Pagherola (1528 m s.l.m.)   Tempo di percorrenza 30 min
Destinazione A: M. Altissimo (1703 m s.l.m.)   Per dislivello si intende il dislivello totale della tappa, potrebbero esserci dislivelli più alti sia in discesa che in salita all'interno della tappa 175 m

Descrizione: Il tratto terminale del sentiero per il M. Altissimo è costituito da una strada sterrata percorribile solo da automobili 4x4. Sulla cima del Monte Altissimo non si trova alcun rifugio poiché la struttura che si trova sulla sommità è aperta solo nel periodo invernale. Dalla cima è però possibile di godere di un'ottima vista sia sul Monte S. Fermo che sui laghi Moro e d'Iseo.


Plai - M.ga Corvino - Fontana di Pradazzo - M.ga Guccione
4
Lunghezza: 1,6 km Dislivello totale della tappa: potrebbero esserci dislivelli maggiori o minori in salita e/o discesa 150 m Tempo 30 minuti Difficoltà Turistico
Malga Guccione
Breve sentiero di raccordo tra i sentieri 3, 5 e 6 attraverso cui è possibile raggiungere località Plai (dove arriva la funicolare nelle settimane centrali di agosto), M.ga Corvino e M.ga Guccione (dove in estate è possibile acquistare formaggi e formaggelle) passando per la Fontana di Pradazzo dove è presente un grande prato, una fontana e una postazione barbecue.


Ogne - via Triangolo (Croce di Salven) - M.ga Corvino - Pozze di Val Sorda
5
Lunghezza: 4,7 km Dislivello totale della tappa: potrebbero esserci dislivelli maggiori o minori in salita e/o discesa 450 m Tempo 1 h e 45 min Difficoltà Escursionistico

Partenza Da: Ogne (960 m s.l.m.)   Tempo di percorrenza 15 min
Destinazione A: Via Triangolo (1046 m s.l.m.)   Per dislivello si intende il dislivello totale della tappa, potrebbero esserci dislivelli più alti sia in discesa che in salita all'interno della tappa 86 m

Descrizione: Il primo tratto del sentiero è quasi totalmente pianeggiante: dopo il campeggio Bosco Blu si imbocca una strada in pineta, quindi un prato. Dopo aver superato una cascina, il sentiero entra nel bosco. Quando si arriva a uno spazio erboso con case sulla destra si è arrivati in Via Triangolo. Proseguendo dritti è possibile raggiungere l'inizio del sentiero 6 che porta in Val Sorda


Malga Corvino
Partenza Da: Via Triangolo (1046 m s.l.m.)   Tempo di percorrenza 45 min
Destinazione A: Malga Guccione (1320 m s.l.m.)   Per dislivello si intende il dislivello totale della tappa, potrebbero esserci dislivelli più alti sia in discesa che in salita all'interno della tappa 274 m

Descrizione: Una volta a Triangolo girare a sinistra (come indicato dalle frecce direzionali). Il percorso prosegue per uno stretto sentiero in salita in un bosco composto per lo più di faggi fino ad arrivare ai prati di Malga Corvino. Benché stretto, il sentiero non è molto difficoltoso, salvo alcuni tratti dove dei sassi creano una sorta di scala. Da Malga Corvino è possibile proseguire sul sentiero 4 (frecce direzionali all'estremità superiore del prato) per la Malga Guccione, dove d'estate è possibile acquistare formaggi e formaggelle prodotti in loco (proseguendo verso il Monte Altissimo) o per Località Plai (proseguendo verso sinistra), dove arriva la seggiovia nelle settimane centrali d'agosto


Partenza Da: Malga Corvino (1320 m s.l.m.)   Tempo di percorrenza 45 min
Destinazione A: Pozze di Valsorda (1386 m s.l.m.)   Per dislivello si intende il dislivello totale della tappa, potrebbero esserci dislivelli più alti sia in discesa che in salita all'interno della tappa 66 m

Descrizione: Dopo aver superato i prati della malga, il sentiero entra in pineta. Questo tratto segue un altopiano, pertanto è per lo più pianeggiante. Dalle Pozze di Valsorda è possibile continuare sul sentiero 6 per il rifugio Pratolungo o per Croce di Salven.


Croce di Salven - Val Sorda - M.ga Pratolungo - M.ga Guccione - M. Altissimo
6
Lunghezza: 7,6 km Dislivello totale della tappa: potrebbero esserci dislivelli maggiori o minori in salita e/o discesa 600 m Tempo 3h Difficoltà Escursionistico

Prati di Val Sorda
Partenza Da: Croce di Salven (1.109 m s.l.m.)   Tempo di percorrenza 1h
Destinazione A: Pozze di Val Sorda (1.386 m s.l.m.)   Per dislivello si intende il dislivello totale della tappa, potrebbero esserci dislivelli più alti sia in discesa che in salita all'interno della tappa 277 m

Descrizione: Arrivati a località Croce di Salven, dove si trova il parco delle Doline, una fontanella e un parcheggio, imboccare la strada sulla sinistra come indicato dalle frecce direzionali. Una volta giunti alla "Casa Vacanze" del comune di Pianborno, la strada svolta leggermente a destra e inizia a salire. Da questo punto non è più possibile proseguire in macchina - la strada è interdetta alla circolazione delle automobili con una sbarra. La strada, sterrata, continua con una lieve pendenza costeggiando il Monte Tauggine, fino ad arrivare alle Malghe di Valsorda, oggi abbandonate, e alla Pozze di Valsorda. Prima di arrivare alle malghe, osservando il panorama sulla destra è possibile vedere il piccolo abitato di Prave.


Malga Pratolungo
Partenza Da: Pozze di Valsorda (1386 m s.l.m.)   Tempo di percorrenza 1h
Destinazione A: Malga Guccione (1427 m s.l.m.)   Per dislivello si intende il dislivello totale della tappa, potrebbero esserci dislivelli più alti sia in discesa che in salita all'interno della tappa 41 m

Descrizione: Una volta giunti alla Pozze di Valsorda è possibile imboccare il sentiero 5 per Malga Corvino o continuare sul sentiero 6 che, come indicato dalle frecce direzionali, vira a destra nella pineta. Dopo una salita si raggiunge un'altra pozza, quindi un passo e il Rifugio Lorenzini/Malga Pratolungo (circa 1 h e 50 minuti). Dal rifugio, seguendo il sentiero che continua dritto, in dieci minuti si raggiunge Malga Guccione.


Partenza Da: Malga Guccione (1427 m s.l.m.)   Tempo di percorrenza 1h
Destinazione A: Monte Altissimo (1703 m s.l.m.)   Per dislivello si intende il dislivello totale della tappa, potrebbero esserci dislivelli più alti sia in discesa che in salita all'interno della tappa 276 m

Descrizione: Da qui la strada inizia a salire e in poco tempo si raggiungo le piste da sci, quindi il Monte Altissimo o, imboccando in sentiero 4 località Plai, dove arriva la seggiovia, e Malga Corvino.


Borno - Lago di Lova - M.ga Moren - Rif. S. Fermo - Rif. Laeng
82
Lunghezza: 11 km Dislivello totale della tappa: potrebbero esserci dislivelli maggiori o minori in salita e/o discesa 1000 m Tempo 3 h e 45 min Difficoltà Escursionistico

Lago di Lova
Partenza Da: Borno (900 m s.l.m.)   Tempo di percorrenza 1 h
Destinazione A: Lago di Lova (1299 m s.l.m.)   Per dislivello si intende il dislivello totale della tappa, potrebbero esserci dislivelli più alti sia in discesa che in salita all'interno della tappa 399 m

Descrizione: Da Piazza Umberto I il sentiero prosegue su Via S. Fermo, quindi su via Navertino passando davanti all'omonima trattoria. Dopo loc. Navertino la strada inizia a salire più decisamente. Proseguendo sul sentiero si incontrano la Cappella di Sedulzo e una fontana in legno. Dopo circa un'ora di cammino si raggiunge un bivio: proseguendo a destra in pochi minuti si raggiunge il Lago di Lova, a sinistra si continua il sentiero.


Partenza Da: Lago di Lova (1299 m s.l.m.)   Tempo di percorrenza 1 h
Destinazione A: Malga Moren (1595 m s.l.m.)   Per dislivello si intende il dislivello totale della tappa, potrebbero esserci dislivelli più alti sia in discesa che in salita all'interno della tappa 296 m

Descrizione: Al bivio per il Lago di Lova tenere la sinistra come indicato dalle frecce direzionali. Dopo aver passato un ponte si raggiungerà prima la cascata di Lovareno e poi i pascoli del Pian di Merì. A questo punto il sentiero prosegue a mezzacosta fino alla Malga Moren.


Partenza Da: Malga Moren (1595 m s.l.m.)   Tempo di percorrenza 30 min
Destinazione A: Rifugio San Fermo (1868 m s.l.m.)   Per dislivello si intende il dislivello totale della tappa, potrebbero esserci dislivelli più alti sia in discesa che in salita all'interno della tappa 273 m

Descrizione: Dopo Malga Moren il sentiero prosegue in falsopiano fino al dosso su cui si trova il Rifugio San Fermo da cui si può godere di un'ottima vista sul Parco del Giovetto, località Croce di Salven e il Lago Giallo.


Partenza Da: Rifugio San Fermo (1868 m s.l.m.)   Tempo di percorrenza 1 h e 15 min
Destinazione A: Rifugio Gualtiero Laeng (1760 m s.l.m.)   Per dislivello si intende il dislivello totale della tappa, potrebbero esserci dislivelli più alti sia in discesa che in salita all'interno della tappa +69/-177 m

Descrizione: Dopo il rifugio, il sentiero sale fino a una pozza dove gira a destra. il sentiero viene da questo punto chiamato "Sentiero Alto" e si affaccia sul Pizzo Cammino. Con diversi saliscendi si percorre Val di Moren per poi scendere fino al rifugio Laeng passando per l'ex rifugio Coppellotti, distrutto dai nazisti nel 1944 durante un'esercitazione militare.


Rif. Laeng (1760 m s.l.m.) - P.zo Camino (2491 m s.l.m.)
82a
Lunghezza: 4 km Dislivello totale della tappa: potrebbero esserci dislivelli maggiori o minori in salita e/o discesa 731 m Tempo 2 h Difficoltà Escursionistico per Esperti
Poco oltre il Lago di Lova, il sentiero 82a si divide dal'82 e prosegue su una mulattiera. A un roccolo (ca 1697 m s.l.m.) si svolta a sinistra e si imbocca un piccolo e tortuoso sentiero che sale lungo le pendici del M. Arano. Una volta nella Valle di Varicla (una pozza ne segna l'ingresso) il sentiero prosegue in falsopiano fino al Rif. Laeng. Dopo il rifugio il sentiero, a fondo ghiaioso, inizia a salire rapidamente. Al bivio con il sentiero 83 tenere la sinistra e procedere fino ad arrivare ad un canalone, da risalire prestando la massima attenzione (oltre che a non cadere) a non fare cadere i sassi in posizione precaria che potrebbero cadere su altre persone.


M.ga Moren - Cima Moren
82b
Lunghezza: 3,7 km Dislivello totale della tappa: potrebbero esserci dislivelli maggiori o minori in salita e/o discesa 823 m Tempo 2 h e 30 min Difficoltà Escursionistico per Esperti
Dopo m.ga Moren, oltrepassata la fontana e il primo tornante, girare a destra in una valletta che risale Cima Moren. Dopo circa 45 minuti si incrocia il "Sentiero Alto" (si veda la quarta tappa del sentiero 82), continuare a salire sulle pendici di Cima Moren circondati da montagne calcaree dall'aspetto molto simile alle Dolomiti


Rif. S. Fermo - P.so del Costone - P.so di Corna Busa - P.so di Varicla . Rif. Laeng
83
Lunghezza: 6,7 km Dislivello totale della tappa: potrebbero esserci dislivelli maggiori o minori in salita e/o discesa +300 / -340 m Tempo 3 h e 30 minuti Difficoltà Escursionistico per Esperti
Rifugio Laeng
Superato il Rifugio S. Fermo continuare a salire verso il monte fino a una pozza dove delle frecce direzionali indicano di girare di sinistra. Oltrepassati dei pascoli, si raggiungerà in poco meno di 30 minuti il Passo Costone. A questo punto il sentiero prosegue attraversando diversi canali fino ad arrivare a un ruscello dove dei cartelli indicano di girare a destra per raggiungere il Passo Corna Busa. Dopo aver attraversato i canali ghiaiosi del versante occidentale del Pizzo Camino e aver raggiunto il Passo di Varicla (2 ore e 45 minuti - 2097 m s.l.m.), il sentiero inizia a scendere fino al Rifugio Gualtiero Laeng, a 1706 m s.l.m.


Borno - loc. Freal - loc. Avendrino - M.ga Mine - Rif. S. Fermo
100
Lunghezza: 4,2 km Dislivello totale della tappa: potrebbero esserci dislivelli maggiori o minori in salita e/o discesa 968 m Tempo 2 h e 30 min Difficoltà Escursionistico

Partenza Da: Borno (900 m s.l.m.)   Tempo di percorrenza 1 h
Destinazione A: Località Avendrino (1363 m s.l.m.)   Per dislivello si intende il dislivello totale della tappa, potrebbero esserci dislivelli più alti sia in discesa che in salita all'interno della tappa 463 m

Descrizione: Salendo dalla Piazza Umberto I si passa per via S. Fermo. Una volta superato il centro storico si incontrerà un bivio con Via Navertino (sentiero per il Lago di Lova), tenere la sinistra. Il sentiero a questo punto continua a salire passando per Via Freal e, poco dopo, entra in pineta. A questo punto il sentiero, largo e percorribile con automobili 4x4 o fuoristrada autorizzate, continua a salire con un'alta pendenza costante.


Partenza Da: Loclità Avendrino (1363 m s.l.m.)   Tempo di percorrenza 45 min
Destinazione A: Malga Zummella (1565 m s.l.m.)   Per dislivello si intende il dislivello totale della tappa, potrebbero esserci dislivelli più alti sia in discesa che in salita all'interno della tappa 202 m

Descrizione: Dopo i prati di Avendrino, il sentiero rientra nel bosco e continua in salita fino a Malga Zummella, da dove è possibile raggiungere Croce di Salven con il sentiero 101.


Rifugio San Fermo
Partenza Da: Malga Zummella (1565 m s.l.m.)   Tempo di percorrenza 45 min
Destinazione A: Rifugio San Fermo (1868 m s.l.m.)   Per dislivello si intende il dislivello totale della tappa, potrebbero esserci dislivelli più alti sia in discesa che in salita all'interno della tappa 303 m

Descrizione: Subito dopo la Malga Zummella, il sentiero inizia a salire decisamente, dapprima in pineta, poi, superati il limite della vegetazione, lungo i prati passando per Malga S. Fermo.


Croce di Salven (1109 m s.l.m) - Dosso Lungo - Val di Calapendrizza - M.ga Zummella (1565 m s.l.m.)
101
Lunghezza: 3,9 km Dislivello totale della tappa: potrebbero esserci dislivelli maggiori o minori in salita e/o discesa 460 m Tempo 1 h e 30 min Difficoltà Escursionistico
Il sentiero inizia in Località Croce di Salven, dove si trova il Parco delle Doline e una fontanella, a 5 km da Borno. Il sentiero inizia su strada asfaltata per un primo tratto, poi su sentieri quindi su una mulattiera a tratti nel bosco. Una volta alla Malga Zummella è possibile percorrere il sentiero 100 per raggiungere in circa mezzora il Rifugio San Fermo.


Giovetto di Paline - M.ga creisa - Roccolo del Gatì - P.so Costone
102
Lunghezza: 6 km Dislivello totale della tappa: potrebbero esserci dislivelli maggiori o minori in salita e/o discesa 832 m Tempo 2 h Difficoltà Escursionistico

Rupe delle Grazie
Partenza Da: Giovetto di Paline (1109 m s.l.m.)   Tempo di percorrenza 1 h
Destinazione A: M.ga Creisa (1459 m s.l.m.)   Per dislivello si intende il dislivello totale della tappa, potrebbero esserci dislivelli più alti sia in discesa che in salita all'interno della tappa 350 m

Descrizione: Il sentiero inizia poco prima dell'area Pic-Nic situata all'ingresso del Parco del Giovetto di Paline. Lasciare l'automobile qui e salire seguendo il sentiero che oltrepassati i tavoli e la fontana, va verso la montagna. Dopo circa 50 metri si incontra il sentiero 102 vero e proprio, proseguire verso sinistra. Il sentiero continua lungo una strada carrabile a tratti cementata e a tratti sterrata in falsopiano con una pendenza per lo più molto bassa. Prima di arrivare al Passo del Giovetto si incontrano: una fontanella con una cappella dedicata alla Vergine Maria, la piccola Biblioteca del Bosco (con una piccola deviazione), una parete con numerosi santini e statue della madonna (Rupe delle Grazie), un'altra fontana. Arrivati al Passo il sentiero prosegue verso destra (continuando dritti si raggiunge Azzone in Val di Scalve) raggiungendo il Roccolo del Giovetto. Il percorso prosegue quindi sul sentiero, che continua a salire fino alla Malga Creisa. Lungo il sentiero si incontra il sentiero 419 che porta in circa 50 minuti alla Malga Costone e in 8 ore a Schilpario, in Val di Scalve.


Partenza Da: M.ga Creisa (1459 m s.l.m.)   Tempo di percorrenza 30 min
Destinazione A: Roccolo del Gatì (1707 m s.l.m.)   Per dislivello si intende il dislivello totale della tappa, potrebbero esserci dislivelli più alti sia in discesa che in salita all'interno della tappa 248 m

Descrizione: Dalla Malga Creisa è possibile godere di una buona vista sulla Presolana e su Prave, un piccolo paese nel comune di Angolo Terme. Il sentiero prosegue lungo una strada sterrata per poi, come indicato da delle frecce direzionali, girare a sinistra e risalire il crinale montuoso fino al Roccolo del Gatì. Proseguendo sulla strada è possibile invece raggiungere il punto di partenza del sentiero 102, il parcheggio del parco del Giovetto, ma il sentiero non è segnalato, quindi se non si ha una cartina ai bivi è possibile sbagliare sentiero.


Partenza Da: Roccolo del Gatì (1707 m s.l.m.)   Tempo di percorrenza 30 min
Destinazione A: Passo Costone (1937 m s.l.m.)   Per dislivello si intende il dislivello totale della tappa, potrebbero esserci dislivelli più alti sia in discesa che in salita all'interno della tappa 230 m

Descrizione: Proseguendo sulle creste, che segnano lo spartiacque tra la Val Camonica e la Val di Scalve, si raggiunge il Passo Costone da cui è possibile raggiungere con il sentiero 83 il Rifugio San Fermo.


Lago di Lova - M.ga Mignone - Periplo M.te Mignone - Lago di Lova
103
Lunghezza: 6,7 km Dislivello totale della tappa: potrebbero esserci dislivelli maggiori o minori in salita e/o discesa 300 m Tempo 2 h e 15 min Difficoltà Escursionistico

Partenza Da: Lago di Lova (1300 m s.l.m.)   Tempo di percorrenza 30 min
Destinazione A: Malga Mignone (Colle Mignone) (1542 m s.l.m.)   Per dislivello si intende il dislivello totale della tappa, potrebbero esserci dislivelli più alti sia in discesa che in salita all'interno della tappa 242 m

Descrizione: Raggiunto il Lago di Lova con il sentiero 82, è possibile proseguire verso il Colle Mignone. Oltrepassato il Chalet Lova e un torrente il sentiero continua su strada sterrata carrabile salendo alla sinistra del Lago. Dopo un primo tratto in forte pendenza, questa si riduce.


Partenza Da: Malga Mignone (Colle Mignone) (1542 m s.l.m.)   Tempo di percorrenza 1 h e 30 min
Destinazione A: Malga Mignone (Colle Mignone) (1542 m s.l.m.)   Per dislivello si intende il dislivello totale della tappa, potrebbero esserci dislivelli più alti sia in discesa che in salita all'interno della tappa n.d. m

Descrizione: Il Periplo del Monte Mignone non comporta un grande dislivello. Durante il percorso, il sentiero, che potrebbe avere il fondo non sempre in ottimo stato a causa del passaggio di mucche e della pioggia, passa per i pascoli d’Averta (circa 30 min da Malga Mignone), da cui è possibile ascendere al Monte in circa trenta minuti, e per la croce di Agolo.


Partenza Da: Malga Mignone (Colle Mignone) (1542 m s.l.m.)   Tempo di percorrenza 15 min
Destinazione A: Lago di Lova (1300 m s.l.m.)   Per dislivello si intende il dislivello totale della tappa, potrebbero esserci dislivelli più alti sia in discesa che in salita all'interno della tappa 242 m

Descrizione: Tornati a Malga Mignone, il sentiero ripercorre lo stesso tragitto dell'andata. È possibile effettuare una deviazione e raggiungere il Lago di Lova sul percorso della gara San Fermo Trail, ma se non si conosce bene il sentiero questo è sconsigliabile.


Cosa vedere[modifica]

  • 1 Chiesetta di S. Fermo, Monte S. Fermo. Eretta probabilmente tra il Xi-XII secolo d.C. e ricostruita negli anni 60 del 1600, il suo edificio è adiacente all'omonimo rifugio. Dalla chiesa parte ogni anno, nel mese di Agosto, la Fiaccolata di San Fermo.
  • 2 Chiesetta degli Alpini (Chiesetta di Val Moren).
  • 3 Chiesetta della Madonna Addolorata.
  • 4 Cappella di Sedulzo.
  • 5 Cappella della Natività della Vergine Maria. Cappella in legno di recente costruzione.
  • 6 Lago di Lova (Accessibile da Borno con il sentiero 82 del CAI). piccolo lago artificiale che occupa il fondo di una conca di origine glaciale, a poco meno di 1300 metri di quota, tra il gruppo montuoso del Pizzo Camino (2491 m) e il monte Mignone (1742 m). L'invaso fu realizzato nel 1935 come bacino idroelettrico, funzione che assolve tuttora. Il lago di Lova si trova inserito in un ambiente naturale tipico delle Prealpi lombarde, con estese foreste di abete rosso che incorniciano il bacino sulla sponda meridionale. Un ampio pascolo, in leggero pendio, contorna invece il lago sul lato settentrionale. Numerose costruzioni rustiche costellano i pascoli attorno al lago. Vicino al lago si trovano anche dei tavoli da pic-nic.
  • 7 Malga Pian d'Aprile.
  • 8 Malga San Fermo.
  • 9 Malga Moren.
  • 10 Malga Creisa.
  • 11 Malga Mine.
  • 12 Malga Corvino.
  • 13 Malga Paghera.
  • 14 Malga Valsorda. diroccata
  • 15 Malga Zummella.
  • 16 Loc. Avendrino. Alcune baite e prati sul sentiero 100, in Località Avendrino è presente anche una fontanella.
  • 17 Piccola biblioteca del bosco.
  • 18 Passo del Giovetto.
  • 19 Roccolo del Giovetto.
  • 20 Roccolo Pianes.
  • 21 Monte Altissimo. Sulla cima del Monte Altissimo, a 1703 m d'altezza, si trova un edificio su due piani, aperto però solo durante la stagione sciistica. Dalla cima è possibile vedere il Monte S. Fermo e il Pizzo Camino e i Laghi d'Iseo e Moro.
  • 22 Loc. Balestrini.
  • 23 Fontana di Pradazzo.
  • 24 Croce di Salven.
  • 25 Pozze di Valsorda.


Acquisti[modifica]

  • 1 Malga Guccione. Nei mesi estivi è possibile acquistare prodotti caseari come formaggi e formaggelle.
  • 2 Malga Mignone. Nei mesi estivi è possibile acquistare prodotti caseari.


Dove mangiare[modifica]

  • 1 Chalet Lova (Raggiungibile con il sentiero 82 da Borno), +39 47 7922271. Presso il Lago di Lova, lo Chalet Lova è un ristorante che offre piatti legati alla tradizione locale.
  • 2 Capanna Plai (Raggiungibile nelle settimane centrali di agosto in funivia o con il sentiero 3 da Borno), +39 3402391089, +39 3280333452. Bar ristorante all'arrivo della funivia con ampio giardino


Dove dormire[modifica]

  • 1 Rifugio San Fermo (1.868 m s.l.m.), +39 0364311704, @ . Simple icon time.svg Aperto solitamente nei fine settimana da maggio a settembre e tutti i giorni in luglio, agosto e durante la seconda metà di giugno e la prima di settembre.. Raggiungibile dal Lago di Lova in circa 2 h e 30 min sul sentiero 82 (Borno) e dal sentiero 100. Il rifugio dispone di 18 posti letto in un'unica camerata più altri 6 in un'altra stanza.
  • 2 Rifugio Laeng (1.760 m s.l.m.), +39 338 2381283, @ . Raggiungibile da Borno in 2 h e 20 min sul sentiero 82a
  • 3 Rifugio Colonnello Lorenzini, +39 339 3232767 (Sig. Poffetti). Situato nella vecchia malga di Pratolungo, ristrutturata nel 2007, è affidato al Gruppo Alpini di Darfo Boario Terme che solitamente lo tengono aperto di sabato e domenica. Il rifugio dispone di 18 posti letto e di un bivacco invernale sempre aperto.


Sicurezza[modifica]

Come per tutte le escursioni in montagna, è importante studiare attentamente il percorso prima di partire, valutare con molta attenzione le condizioni metereologiche e avvisare qualcuno del percorso che si intende effettuare.

Oltre a scarponi da montagna, è bene portare con se anche una giacca impermeabile, nel caso iniziasse a piovere, una felpa o una camicia tecnica (o comunque non elegante) per ripararsi dal freddo o dal vento (ovviamente se si effettuano escursioni in alta quota o in inverno è necessario portare con sé indumenti più adeguati).

Come restare in contatto[modifica]

Telefonia[modifica]

Come in tutte le aeree montuose la copertura del segnale di telefonia mobile non è sempre presente, anche se spesso vicino a malghe o rifugi o comunque nei prati, è possibile effettuare chiamate o per lo meno inviare messaggi.

Note[modifica]

  • Dislivello voy.png: Per dislivello si intende il dislivello totale della tappa, potrebbero esserci dislivelli più alti sia in discesa che in salita all'interno della tappa.
  • Crystal clock.svg: Il tempo di percorrenza indicato è quello indicato sulla segnaletica del CAI.
  • Backpacker.png: La classificazione adottata è la seguente: Turistico per i sentieri più semplici, Escursionistico per quelli di media difficoltà, Escursionistico per esperti per quelli più difficili.
1-4 star.svg Bozza: l'articolo rispetta il template standard e ha almeno una sezione con informazioni utili (anche se di poche righe). Intestazione e piè pagina sono correttamente compilati.