Scarica il file GPX di questo articolo

Programmi frequent flyer

Da Wikivoyage.
Jump to navigation Jump to search

Un elemento spesso presente nell'immaginario collettivo collegato al viaggio in aereo sono i programmi frequent flyer.

Caratteristiche generali[modifica]

Tessera di un membro frequent flyer

La stragrande maggioranza delle compagnie aeree di tutto il mondo ha il proprio programma frequent flyer, cioè permette a chi viaggia spesso con la compagnia titolare del programma di ottenere una serie di vantaggi. Gli elementi fondamentali di un programma frequent flyer sono:

  • un numero frequent flyer, che identifica univocamente il socio
  • una tessera plastificata (simile a una carta di credito) che è il segno tangibile dell'appartenenza al programma e in alcuni casi è sufficiente per accedere ai vantaggi; riporta tipicamente il nome del viaggiatore e il numero frequent flyer
  • la raccolta delle miglia, che se accumulate in numero sufficiente danno origine ai vantaggi
  • i vantaggi, che includono l'acquisto di premi da un catalogo (inclusi biglietti aerei e upgrade a una classe superiore) a fronte di un pagamento in denaro o in miglia, servizi prioritari in aeroporto, sconti presso società partner (spesso alberghi e altri servizi usati tipicamente da chi viaggia per affari o passa molto tempo lontano da casa)
    • i livelli: accumulando un certo numero di miglia, si passa a un livello più alto all'interno del programma, che dà accesso a vantaggi di maggior valore (accesso alle lounge aeroportuali a prescindere dalla classe di viaggio); spesso i soci di livello superiore al primo sono collettivamente indicati come premium o elite, mentre le denominazioni per i singoli livelli variano a seconda del programma tra silver, gold e platinum (diffusi, con piccole variazioni, tra tantissime compagnie) a nomi più distintivi (come frequent traveller, senator e HON circle usati da Miles&More di Lufthansa).

Le miglia[modifica]

Le miglia possono essere viste come la valuta dei programmi frequent flyer: è possibile guadagnarle, accumularle e spenderle; alcuni programmi permettono di trasferirle ad altri soci dello stesso programma, di acquistarle in denaro per sé o come regalo e addirittura di trasferirle tra diversi programmi di fidelizzazione. Normalmente non hanno un valore fisso in denaro (per la precisione, ce l'hanno per le compagnie aeree innanzi tutto a fini contabili, ma queste si guardano dal renderlo noto).

Fino a poco tempo fa c'era un unico sistema di punti nei programmi frequent flyer, basato sulle miglia (nautiche: 1 NM = 1.852 m) volate effettivamente nel corso del volo: fornendo il proprio numero identificativo al momento della prenotazione o del check-in, le miglia vengono accreditate sul conto del socio. Recentemente, sempre più programmi hanno diversificato almeno due categorie di miglia accumulabili: una categoria (miglia premio o semplicemente miglia o punti, a seconda del programma) è la vera e propria valuta e permette di acquistare premi e coupon di sconto, prenotare voli aerei ecc., mentre l'altra (miglia status, miglia qualificanti o punti qualificanti a seconda del programma) è accumulabile ma non spendibile e si usa solo per determinare il raggiungimento dei livelli premium: chi accumula molte miglia qualificanti è un viaggiatore di maggior valore per la compagnia aerea e quindi viene premiato con vantaggi di maggior valore.

Oggigiorno, le miglia premio sono assegnate per:

  • voli con la compagnia aerea titolare del programma o compagnie partner (che includono sempre, ma non solo, le compagnie dell'alleanza cui appartiene la compagnia titolare del programma, vedi oltre). Sono assegnate in base a
    • distanza volata, nei voli a medio-lungo raggio, in base a un moltiplicatore percentuale che va da 0% o 25% delle miglia volate per un biglietto scontato in economy class a 300% per un biglietto di prima classe
    • somma forfettaria indipendente dalla distanza volata, nei voli a corto raggio (all'interno dell'Europa o dello stesso Paese), e sempre in base alla classe di prenotazione (con i biglietti scontati che ricevono meno miglia - anche 0 - dei biglietti a prezzo pieno o di business class)
Ai soci premium viene di solito riconosciuto un bonus sulle miglia premio: alle miglia calcolate secondo i criteri precedenti viene aggiunto un bonus che può andare indicativamente dal 25% al 100%. Un socio FlyingBlue (programma di AirFrance e KLM, assieme ad altre compagnie) di livello Platinum (il più alto) che voli in prima classe intercontinentale può arrivare a raccogliere miglia premio fino al 600% delle miglia effettivamente volate (300% per aver volato in prima classe, con bonus del 100% che raddoppia tale importo)
  • acquisti duty free a bordo dell'aereo, spesso 1 miglio per euro speso (o criterio simile)
  • acquisti di beni o servizi partner, inclusi pernottamenti presso catene di alberghi, noleggi auto, acquisti nei negozi duty free in aeroporto o in negozi online, abbonamenti a riviste
  • acquisti di qualunque tipo (non necessariamente in negozi o presso aziende partner) effettuati con carte di credito partner, dette co-branded perché includono logo e alcuni vantaggi del programma frequent flyer

Le miglia status sono assegnate esclusivamente per voli aerei, con i criteri previsti per le miglia premio. Raramente è previsto un bonus per i livelli elite. Lo status elite è, talvolta, anche concesso a chi effettua un certo numero di tratte nel corso dell'anno. Questo è fatto per non penalizzare chi prende spesso voli regionali rispetto a chi usa soprattutto tratte intercontinentali: i voli regionali sono importanti voci di costo per le compagnie, e quindi c'è un interesse a tenersi stretto tanto chi usa i costosi voli regionali quanto chi vola nelle redditizie tratte intercontinentali.

Strettamente collegato al concetto di miglio è quello di "volo qualificante": solo alcuni tipi di voli permettono di guadagnare miglia (sia quelle spendibili in premi sia quelle che contano per i vantaggi elite). Si tratta generalmente di biglietti a pagamento e appartenenti a determinate classi di prenotazione: di solito sono esclusi dall'accumulo di miglia i biglietti premio e i biglietti superscontati; inoltre nessuna compagnia permette di accumulare miglia sui biglietti acquistati con i voucher dati ai dipendenti della compagnia stessa come benefit sullo stipendio. I programmi che permettono di acquisire lo status elite accumulando tratte volate anziché miglia status di solito contano come tratte volate solo quelle relative a voli qualificanti. Nella maggior parte dei casi un biglietto che ha subito un upgrade con le miglia fa guadagnare solo le miglia relative alla tariffa originaria (mentre un upgrade in denaro spesso fa guadagnare miglia in base alla nuova classe di prenotazione).

Specialmente negli Stati Uniti (dove il panorama dei programmi di fidelizzazione è molto più variegato che in altre parti del mondo), sempre più programmi hanno aggiunto un requisito di spesa per il raggiungimento dei livelli elite: oltre ad accumulare periodicamente le necessarie miglia o tratte qualificanti, è anche necessario spendere una certa somma di denaro in biglietti aerei con la compagnia titolare del programma. Un esempio di questo è il programma SkyMiles di Delta, che richiede il raggiungimento di 3000 Medallion Qualifying Dollars, cioè è necessario spendere cumulativamente almeno 3000 dollari in voli qualificanti).

Vantaggi[modifica]

I vantaggi offerti ai soci base possono includere (non tutti i programmi includono tutti questi vantaggi):

  • acquisto, usando le miglia premio accumulate come valuta, di premi da un catalogo apposito (simile a quello dei punti del supermercato o del benzinaio), tra cui
    • voli premio in tutte le classi
    • upgrade premio, per cambiare una prenotazione già effettuata e viaggiare in una classe superiore
    • oggetti tipici dei cataloghi premi come elettrodomestici, smartphone, tablet, abbonamenti a riviste, pacchetti viaggio
    • coupon di sconto presso negozi o aziende convenzionati
  • prenotazione di soggiorni in alberghi convenzionati usando le miglia come valuta
  • prenotazione di auto a noleggio presso catene convenzionate usando le miglia come valuta
  • accesso, semplicemente in qualità di socio, a sconti su acquisti di beni e servizi convenzionati (noleggio auto, prenotazione alberghi, catene di negozi)
  • accesso a pagamento alle lounge della compagnia aerea quando tale accesso è precluso ai non soci, o a tariffa scontata quando chiunque può accedervi a pagamento
  • tariffa scontata per l'imbarco dei bagagli nella stiva (voli regionali e, in Europa, voli intra-europei), quando prevista
  • possibilità di usare, per tutti i voli (salvo prescrizioni di legge), la tessera del programma per fare il check-in: a tal fine è necessario aver già associato il proprio numero frequent flyer alla prenotazione
  • possibilità di usare, nei voli domestici (o intra-europei) la tessera del programma come carta d'imbarco

Livelli e vantaggi premium[modifica]

Accumulando un numero predefinito di miglia status si accede al livello premium successivo. Il possesso di un livello premium (in alcuni programmi si parla di status e i soci sono detti clienti status) può dare accesso, oltre ai vantaggi previsti per i soci base, a (anche in questo caso non tutti i programmi offrono tutti i vantaggi elencati, e come vedremo non tutti i livelli premium accedono allo stesso insieme di vantaggi):

  • maggiore disponibilità di voli premio e upgrade: per ogni volo, solo un limitato numero di posti è assegnato ai biglietti premio e agli upgrade; di solito un paio di questi sono riservati ai soci status
  • priorità nella prenotazione dei biglietti premio e degli upgrade, quando la procedura di prenotazione del premio prevede che l a compagnia riceva prima tutte le richieste e comunichi in seguito l'approvazione (più comune per gli upgrade)
  • un certo numero di upgrade gratuiti
  • prenotazione garantita di biglietti a pagamento a tariffa piena fino a 24 o 48 ore prima della partenza
  • tariffa azzerata o scontata per l'imbarco dei bagagli nella stiva (voli regionali e, in Europa, voli intra-europei), quando prevista
  • check-in ai banchi di business o prima classe
  • fila prioritaria per i controlli di sicurezza
  • accesso alle lounge in aeroporto: questi spazi sono sostanzialmente dei salotti con bar e talvolta ristorante cui si accede presentando una carta d'imbarco di business class o prima classe della compagnia aerea cui appartiene la lounge o, per l'appunto, una tessera di livello premium del programma frequent flyer della compagnia. In Europa e Asia l'accesso alle lounge di solito include almeno consumazioni gratuite e illimitate al bar e in alcuni casi al ristorante, mentre negli Stati Uniti queste spesso sono a pagamento, e viaggiare in business class o avere un livello premium danno solo diritto ad accedere alla lounge (che comunque resta uno spazio riservato con sedie e divani più comodi lontano dalla confusione del terminal) e talvolta a una consumazione gratuita al bar
  • imbarco prioritario o preferenziale: alcune compagnie hanno una fila apposita per l'imbarco prioritario, altre, nell'annunciare l'imbarco, chiamano prima i passeggeri premium, la prima classe e la business class. Nei voli intercontinentali con aerei a due ponti (Airbus A380 e Boeing 747), dove la business class e la prima classe spesso sono sul ponte superiore, viene dedicato un gate a parte per queste classi e i passeggeri premium se ne possono servire indipendentemente dalla classe in cui volano
  • restituzione prioritaria del bagaglio imbarcato
  • call center dedicato per prenotazioni, reclami e assistenza
  • priorità in lista d'attesa: se un volo è al completo, i clienti status che desiderano acquistare un biglietto sono automaticamente in cima alla lista d'attesa nel caso si liberi un posto
  • priorità in standby: se un volo è in overbooking (un numero di persone superiore ai posti disponibili ha prenotato un biblietto ed effettuato il check-in) i clienti status a cui non è stato assegnato un posto sono in cima alla lista di standby, cioè saranno i primi a vedersi assegnato un posto se qualcuno rinuncia a viaggiare
  • possibilità di regalare (o acquistare in cambio di miglia) a persone care una tessera frequent flyer di livello premium
  • sconti presso i partner
  • trattamento preferenziale presso i partner (file dedicate alla reception nelle catene alberghiere e negli autonoleggi)
    • alcuni programmi hanno come partner organizzatori di concerti o leghe sportive nazionali, per cui potreste ottenere a prezzo scontato o in via preferenziale (o come premio da pagare in miglia) biglietti nella tribuna d'onore di concerti molto quotati o di partite di calcio (o altri sport)
  • se per i soci al livello base è prevista una scadenza delle miglia (v. Quale programma scegliere?), questa è sospesa per i soci premium

La struttura dei livelli include tipicamente un livello base e due o più livelli premium:

  • un primo livello premium prevede di solito un insieme ristretto di servizi preferenziali limitati alla compagnia titolare del programma
  • i livelli successivi prevedono insiemi progressivamente più ampi di servizi e vantaggi, di solito estesi alle compagnie partner, inclusa l'alleanza cui appartiene la compagnia titolare del programma (v. Alleanze e altre partnership)
  • alcuni programmi prevedono livelli vitalizi o speciali: raccogliendo, nel corso della vita, un milione di miglia con lo stesso programma in alcuni casi otterrete premi speciali o il diritto di conservare a vita un livello premium. Quando sono previsti altri livelli speciali (di solito multipli di un milione di miglia) a questi corrispondono premi più prestigiosi o livelli premium più elevati da conservare a vita. Altri programmi riconoscono a vita il livello elite più alto a chi lo mantiene ininterrottamente per almeno 10 anni

I passeggeri premium ricevono una tessera frequent flyer che riflette il loro livello e, con molte compagnie, etichette per i bagagli personalizzate in plastica o pelle.

Iscrizione[modifica]

L'iscrizione è gratuita a tutti i programmi frequent flyer delle compagnie che non abbiano una strategia aziendale di tipo low cost e si effettua su internet o inviando un modulo compilato alla compagnia aerea: molte compagnie aeree includono questi moduli nella rivista di bordo. Di solito i dati minimi da fornire sono i dati anagrafici (anche per verificare che siate maggiorenni o abbiate l'età minima prevista per l'iscrizione), dei contatti e un indirizzo postale, al quale vi verrà spedita la tessera. Di recente alcuni programmi hanno iniziato a introdurre sistemi alternativi alle tessere plastificate, almeno per i livelli non premium: per esempio, i soci neo-iscritti del programma Miles&More (gruppo Lufthansa) non ricevono più la tessera plastificata, ma visualizzano tramite un'app per smartphone un codice QR che permette loro di accedere a tutti i servizi per cui sarebbe necessario avere fisicamente la tessera plastificata.

Va tenuto a mente che uno degli scopi principali dei programmi frequent flyer è profilare la clientela, per cui tutte le informazioni che fornirete saranno usate per questo.

Le compagnie low cost stanno gradualmente introducendo schemi assimilabili ai programmi frequent flyer, anche se con caratteristiche molto peculiari, per le quali si rimanda al paragrafo Compagnie low cost. Tra queste caratteristiche rientra anche il fatto che l'iscrizione spesso è a pagamento.

Quale programma scegliere?[modifica]

Nello scegliere il programma frequent flyer cui affiliarsi bisogna tenere presente una serie di variabili, tra cui:

  • con quali compagnie volo più di frequente?
    • può anche essere opportuno pensare quali compagnie servono meglio l'aeroporto che uso di solito e, similmente, se qualche grossa compagnia aerea ha il proprio hub (cioè il proprio aeroporto principale, quello in cui si concentra la maggior parte dei voli, come Parigi per Air France o Francoforte e Monaco per Lufthansa)
  • verso quali paesi o continenti volo più di frequente?
  • approssimativamente, quanti voli compio all'anno e quante miglia percorro (le compagnie aeree, anche per attirare nuovi soci per i programmi frequent flyer, spesso indicano almeno un valore approssimativo nella prenotazione e a volte nella carta d'imbarco), e in che classe?

In sostanza, si tratta di prendersi qualche minuto per individuare il proprio profilo in modo da poter scegliere il programma che ha le migliori caratteristiche.

Alcuni esempi:

  • Ogni programma ha le proprie regole sulla scadenza delle miglia: mentre infatti le miglia status tipicamente scadono ogni anno (solare o fiscale), ci sono in circolazione diversi sistemi per fare scadere le miglia premio.
    • Nessuna scadenza: raro (perché manca un incentivo a rimanere fedeli a quella compagnia)
    • Le miglia hanno una scadenza collettiva che si prolunga con l'aggiungersi di ogni nuovo miglio (in modo che anche i viaggiatori meno frequenti abbiano incentivo a rimanere fedeli alla compagnia per mantenere valide le miglia guadagnate fino a quel momento). A volte viene detta scadenza per inattività e permette, potenzialmente, di non far scadere mai le proprie miglia; un esempio è FlyingBlue di Air France-KLM, che permette di rinnovare la validità delle miglia effettuando almeno un volo qualificante almeno ogni 20 mesi
    • Ogni miglio ha una propria scadenza, per cui il conteggio delle miglia si erode periodicamente e gradualmente man mano che passano gli n mesi dai singoli voli che hanno determinato l'accredito delle singole miglia. Tipico dei programmi più blasonati, con molti iscritti: in questi prevale l'interesse a mantenere la redditività del programma (permettendo solo ai clienti veramente fedeli di riscuotere i premi) e di riflesso l'incentivo alla fedeltà è rivolto soprattutto ai clienti molto fedeli (d'altra parte spesso il prestigio della compagnia aerea e del programma stesso è l'incentivo a diventare molto fedeli); un esempio è Miles&More del gruppo Lufthansa, che ha una scadenza di 3 anni per ogni singolo miglio: la scadenza viene sospesa per i soci elite e per chi ha una carta di credito co-branded
    • In base alla legislazione del Paese in cui ha sede la compagnia titolare del programma, a volte le miglia scadono in una data uguale per tutti i soci: in Italia, per esempio, i concorsi a premi devono avere una scadenza prefissata e di conseguenza il programma Millemiglia di Alitalia ha sempre una data di scadenza prefissata. Al momento, il concorso 2013-2015 è stato prorogato fino al 31 dicembre 2017 e quindi le miglia, in linea di principio, restano valide al massimo fino a quel momento (salvo ulteriori proroghe). Nel caso di Millemiglia, poi, è anche prevista una scadenza per inattività il cui termine di 24 mesi si rinnova con ogni nuovo miglio guadagnato
Chi vola poco spesso o chi usa una grande varietà di compagnie aeree diverse opterà per un programma più generoso in termini di scadenza delle miglia premio (per esempio per un programma che permetta di rinnovare la validità complessiva delle miglia con ogni nuovo miglio guadagnato).
  • Alcune compagnie hanno, per la propria rete di collegamenti o per via dell'alleanza cui appartengono, una presenza più capillare o di qualità superiore in determinati Paesi o continenti, per cui può essere lungimirante scegliere un programma frequent flyer (e quindi una compagnia aerea) che benefici di collegamenti frequenti e di qualità verso il Paese o il continente che più ci interessa. Per esempio, SkyTeam (l'alleanza che riunisce, tra le altre, Air France, KLM, Delta, Alitalia, ...) ha una presenza molto più solida in Cina di OneWorld (British Airways, American Airlines, Qatar, ...) grazie all'affiliazione di China Southern e China Eastern (la prima ha, tra l'altro, uno dei migliori servizi tra le compagnie aeree della Cina continentale), mentre, per il fatto che le due principali compagnie aeree giapponesi sono affiliate a OneWorld e a Star Alliance (Lufthansa, Singapore, Air Canada, ...), SkyTeam ha una presenza più modesta in Giappone.
  • Le compagnie aeree danno molta importanza ai propri hub, anche nell'ottica dei servizi a favore dei soci dei programmi frequent flyer, per cui se usate di frequente un aeroporto che è hub di una certa compagnia potrebbe essere saggio orientarsi verso il suo programma.
  • Soprattutto nell'ottica di conseguire un livello premium, è fondamentale avere un'idea delle miglia che percorrete nel corso di un anno e del numero di tratte che volate (intese come singoli voli, quindi un viaggio con uno scalo all'andata e uno al ritorno conta come 4 tratte). Si veda a riguardo Alleanze e altre partnership per ulteriori dettagli.
  • Considerate le possibilità che vi vengono offerte in termini di carte di credito co-branded, specialmente se volete ottenere il massimo dal vostro programma frequent flyer. Si vedano comunque a riguardo i paragrafi Carte di credito co-branded e Massimizzare le miglia.

Uso quotidiano[modifica]

Carta d'imbarco KLM che riporta il numero frequent flyer e lo status: Ivory è il livello base di Flying Blue, seguito da Silver, Gold e Platinum

Per accumulare le miglia è necessario associare alle prenotazioni dei voli (e al momento dell'utilizzo o della prenotazione degli altri servizi che permettono di accumulare miglia) il proprio numero identificativo: questo si può fare

  • Per i voli
    • al momento della prenotazione, nel campo apposito quando comunicate i dati del passeggero se prenotate su internet, o comunicando al centralinista il vostro numero frequent flyer se prenotate per telefono. Potete effettuare l'accesso al sito della compagnia aerea con il numero identificativo e la password fornitavi al momento dell'iscrizione e salvare tali dati in modo che essi saranno inseriti automaticamente nella prenotazione ogni volta che prenotate tramite il sito
    • in ogni momento dalla prenotazione al check-in, accedendo su internet alla vostra prenotazione
    • durante il check-in online, nella pagina in cui confermate i dati dei passeggeri
    • al check-in in aeroporto, presso le macchinette automatiche o al banco check-in (quest'ultimo, oggigiorno, è un servizio offerto solo ai passeggeri business class e prima classe e ai clienti status): vi dovrete identificare in altro modo (documento di identità, ma anche la carta di credito usata per acquistare il volo) e poi fornire il numero frequent flyer. Il check-in, sia alle macchinette automatiche sia al banco, è molto più rapido se inserite il numero identificativo prima di recarvi in aeroporto, perché poi è sufficiente strisciare la tessera (o scansionare un codice QR) per richiamare la prenotazione
    • dopo il volo, fino (tipicamente) a 6 mesi dopo: tramite il sito del programma frequent flyer potrete inviare una richiesta di accredito retroattivo. Vi saranno chiesti i dati del volo e le fotocopie della carta d'imbarco e della prenotazione
  • Per altri servizi ci sono tipicamente meno opportunità di fornire il numero frequent flyer, di solito al momento del pagamento o della prenotazione. Informatevi preventivamente, di solito ogni partner ha le sue regole
    • le catene di alberghi spesso richiedono che vi iscriviate prima al loro programma di fidelizzazione associando il vostro numero frequent flyer a tale programma; in seguito, ogni volta che soggiornerete presso quella catena dovrete comunicare il vostro codice cliente (quello del programma di fidelizzazione dell'albergo) per acquisire miglia sul conto del programma frequent flyer (ovviamente avete sempre l'opzione di iscrivervi semplicemente al programma di fidelizzazione della catena di alberghi e guadagnare punti al suo interno per goderne i vantaggi)
    • raramente vi viene offerta la possibilità di chiedere l'accredito retroattivo delle miglia quando non sono relative a un volo

Una volta fornito il numero identificativo, le miglia dovrebbero venire accreditate automaticamente sul vostro conto e ne potrete tenere traccia accedendo con le vostre credenziali al sito del programma. Per i voli effettuati con la compagnia titolare del programma, di solito l'accredito avviene circa 24 ore dopo l'atterraggio (questo più che altro per evitare che si possano utilizzare miglia premio appena guadagnate per ottenere un upgrade all'interno della stessa prenotazione). Per tutti i partner (comprese le compagnie aeree dell'alleanza) ci possono essere ritardi anche di alcuni mesi. Il sito del programma frequent flyer fornisce sempre indicazioni sui tempi massimi normali di accredito, ed è la norma vedersi accreditate le miglia ottenute con i partner nell'ultimo giorno disponibile. Se però l'accredito non avviene nei tempi massimi normali forniti dal sito, dovrete essere voi a richiedere l'accredito, fornendo i dati della prenotazione o dell'acquisto (come detto, per i servizi diversi dai voli di solito dovrete aver già inserito il vostro numero frequent flyer all'atto della prenotazione, del pagamento o del check-in in albergo o all'autonoleggio, non è possibile sanare a posteriori una dimenticanza).

Una volta accumulato un numero sufficiente di miglia premio, potrete prenotare (dal sito della compagnia aerea o talvolta da quello del programma frequent flyer) i voli premio e gli upgrade, o (dai rispettivi siti internet) i premi con altri partner. Accumulando un numero sufficiente di miglia status o di tratte volate accederete al primo livello elite e a quelli successivi: questo vi verrà comunicato con l'invio di una nuova tessera con l'indicazione dello status raggiunto; attenzione al fatto che il numero identificativo che fornite nell'ambito del programma frequent flyer in alcuni casi è il numero della tessera fisica (e non un identificativo del cliente) e quindi può essere che ricevendo la nuova tessera corrispondente al livello elite il vostro numero identificativo sia cambiato (così come potrebbe cambiare chiedendo un duplicato di una tessera smarrita).

Se siete un cliente status e fornite il vostro numero identificativo al check-in o prima, verrà annotato il vostro status sulla carta d'imbarco (e nel codice a barre, in modo che anche i lettori automatici lo riconoscano) e questo vi darà accesso alle lounge e agli altri servizi prioritari. Comunque, se vi dimenticaste di fornire il numero frequent flyer al check-in o prima e quindi non aveste alcuna indicazione di status sulla carta d'imbarco, in molti casi potrete ottenere accesso ai servizi premium in aeroporto mostrando la vostra tessera frequent flyer di livello elite. Si noti che non tutte le compagnie lo permettono e in alcuni casi lo accolgono con sospetto (perché qualcuno potrebbe tentare di usare la tessera elite di un amico o parente giocando su similitudini nel nome).

Lo status elite vi dovrebbe venire riconosciuto appena superata la soglia di miglia (o di tratte volate) necessaria, ma la tessera potrebbe impiegare alcune settimane ad arrivare. Usando la tessera che avevate in precedenza (anche se riporta il livello sbagliato) dovreste comunque ottenere accesso ai servizi premium associati allo status.

Alleanze e altre partnership[modifica]

Una selezione di tessere da svariati programmi di fidelizzazione: in seconda fila c'è una tessera Silver del programma Royal Orchid di Thai Airways; si può vedere che in alto a sinistra riporta il logo "Star Alliance Silver", cioè garantisce un insieme standardizzato di privilegi in tutta la Star Alliance

La partnership più stretta nell'ambito dei programmi frequent flyer si ha quando due o più compagnie condividono lo stesso programma, nel senso che ne sono contitolari: di solito avviene con compagnie aeree che appartengono a un unico gruppo. Alcuni esempi:

  • Flying Blue, programma che gravita attorno al gruppo Air France-KLM, e unisce Air France, KLM, Kenya Airways, TAROM, Aircalin, Hop! e Transavia
  • Miles&More, programma del gruppo Lufthansa, cui fanno capo Lufthansa, Austrian, Swiss, Air Dolomiti, Brussels Airlines ed Eurowings (in precedenza Germanwings); al programma aderiscono come contitolari anche Adria Airways, LOT Polish Airlines, Croatia Airlines e Luxair
  • I programmi di alcune compagnie dell'International Airlines Group, segnatamente British Airways, Iberia, Aer Lingus e altre, basano i propri programmi frequent flyer su un'unico sistema di miglia detto Avios: formalmente i loro programmi frequent flyer sono separati (British Airways ha l'Executive Club, Iberia ha Iberia Plus, ecc.), ma sono altamente integrati e i punti Avios possono essere spesi presso qualunque compagnia contitolare

Un programma che fa capo a più compagnie aeree di solito

  • permette di raccogliere miglia con tutte le compagnie aeree parte del programma
  • permette di spendere le miglia in premi presso tutte le compagnie aeree parte del programma, il che si può tradurre in una maggiore disponibilità di posti destinati ai biglietti premio
    • per esempio, i soci Flying Blue possono acquisire e spendere miglia facendo acquisti online nel Flying Blue Store, presso AirFrance shopping e presso Shop@KLM
  • concede ai clienti status l'accesso a tutte le lounge delle compagnie partner, il che offre una rete di servizi più capillare

Un'alleanza è un gruppo di compagnie aeree che integrano strettamente la propria rete di collegamenti, di hub, di gestione bagagli e prenotazioni e i propri programmi frequent flyer per assicurare ai propri passeggeri un servizio di trasporto aereo con copertura pressoché globale ed omogeneo. I vantaggi per i viaggiatori sono tipicamente:

  • possibilità di integrare voli di compagnie diverse all'interno della stessa prenotazione; inoltre, l'itinerario viene gestito come se fosse interamente seguito con una sola compagnia (in effetti, formalmente vi verrà rilasciato un unico biglietto)
    • poter raggiungere un numero di destinazioni enorme
    • maggiore flessibilità in termini di orari
    • i bagagli imbarcati in stiva verranno riconsegnati alla destinazione finale anche se l'itinerario si compone di voli operati da compagnie diverse. Se invece le due compagnie non facessero parte della stessa alleanza, dovreste ritirare il bagaglio nell'aeroporto di scalo, fare di nuovo il check-in e passare i controlli di sicurezza (col rischio di perdere la coincidenza)
    • in caso di disguidi (cancellazioni, ritardi, perdita dei bagagli, ecc.) è possibile ottenere assistenza dal personale di qualunque membro dell'alleanza; questo include essere riprenotati su un volo equivalente di una di esse
per esempio, mentre Iberia opera solo pochi voli tra la Spagna e alcuni aeroporti statunitensi, l'appartenenza a OneWorld permette ai passeggeri di Iberia di recarsi a New York su un volo venduto da Iberia ma operato da American Airlines o British Airways; i passeggeri, quindi godranno di un'ampia scelta di orari e, grazie alla capillare rete di collegamenti regionali di American (che "gioca in casa"), potranno proseguire il viaggio verso un piccolo aeroporto regionale dell'Ohio dovendo soltanto ritirare i bagagli alla destinazione finale; se il vostro volo KLM viene cancellato potrà venirvi assegnato un posto su un volo Delta con la stessa destinazione, se possibile in modo da non farvi perdere eventuali coincidenze; se perdete il bagaglio andando a Pechino con Lufthansa potrete rivolgervi all'ufficio bagagli smarriti di Air China
  • raccogliere miglia su tutti i voli operati dell'alleanza di cui fa parte la compagnia titolare del vostro programma
  • riconoscimento in tutta l'alleanza dello status elite di tutti i programmi di tutta l'alleanza: chi possiede il primo livello elite in un qualunque programma frequent flyer di una compagnia SkyTeam si vede riconosciuto lo status Elite ogni volta che vola con una qualsiasi compagnia aerea SkyTeam. Questo significa che avrà accesso in tutto il mondo a check-in prioritario, imbarco prioritario e priorità in lista d'attesa. Chi possiede il secondo o il terzo livello elite di una compagnia SkyTeam accede al livello Elite Plus in tutta l'alleanza, che, oltre ai servizi Elite, include priorità ai controlli di sicurezza e al controllo passaporti, priorità nella riconsegna dei bagagli e accesso a qualsiasi lounge SkyTeam in tutto il mondo
    • come accennato in precedenza, questi meccanismi permettono di ottenere uno status premium all'interno di un'alleanza tramite i programmi più generosi ad essa affiliati. Un esempio è Aegean Airlines, che ha un programma in cui è relativamente facile raggiungere il secondo livello elite, il quale a sua volta dà accesso allo status Gold in tutta la Star Alliance (accesso a tutte le lounge della Star Alliance, check-in e imbarco prioritario quando si vola con Star Alliance, ecc), mentre compagnie come Lufthansa e AirCanada hanno requisiti molto più stringenti per accedere allo stesso status. Il "trucco" è che i soci Senator di Miles&More (il programma di Lufthansa) ed Elite 50K di Altitude (AirCanada) hanno accesso, oltre ai vantaggi "standardizzati" dello status Star Alliance Gold, a ulteriori servizi di altissima qualità presso le rispettive compagnie aeree, riservati ai soci dei rispettivi programmi frequent flyer e preclusi a chi è "solo" socio Gold tramite programmi di altre compagnie. Ad esempio, la prenotazione di voli premio sui voli Lufthansa e del Gruppo Lufthansa - Austrian, Swiss, ecc - è permessa prioritariamente ai soci Miles&More e solo in via residuale ai soci di altri programmi partner, come appunto il programma di Aegean: è evidente che un volo premio sulla rete di collegamenti Lufthansa ha un valore infinitamente maggiore a un volo premio sulla rete di collegamenti Aegean
  • l'integrazione delle reti di collegamenti fa sì che i voli intercontinentali siano spesso da un hub a un altro hub (nell'esempio di Iberia, volerete da Madrid a New York JFK, rispettivamente aeroporti di riferimento di Iberia e American Airlines, membri di OneWorld), il che assicura in genere servizi migliori in partenza e in arrivo

Questi due tipi di partnership sono effettivamente simili, perché riconoscono all'interno di una rete di compagnie aeree servizi standardizzati ai soci dei programmi frequent flyer partecipanti. Tuttavia, va notato che i servizi offerti nell'ambito delle alleanze si limitano all'insieme di vantaggi previsto per i passeggeri elite di un certo livello (come visto, il primo livello elite di solito gode di servizi limitati, mentre solo dal secondo livello elite si accede all'insieme più ampio di servizi) che spesso non includono - per esempio - la prenotazione di voli premio con le compagnie dell'alleanza o l'accesso ad alcuni tipi di lounge, mentre i soci di un programma frequent flyer godono di vantaggi molto più ampi e ritagliati "su misura" sulle compagnie parte del programma (e tipicamente sui bisogni dei loro passeggeri). Per esempio, mentre all'interno della Star Alliance un socio HON Circle di Miles&More (livello elite più alto) ha "solo" lo status Star Alliance Gold, all'interno del programma Miles&More ha accesso alle lounge di prima classe di Lufthansa, Austrian e Swiss (l'accesso alle quali è riservato ai passeggeri di prima classe delle rispettive compagnie e precluso anche ai passeggeri di prima classe delle compagnie Star Alliance e ai soci elite di altri programmi frequent flyer) e al sontuoso First Class Terminal di Lufthansa a Francoforte (un intero terminal, completo di controlli di sicurezza e dogana, dedicato alla prima classe), oltre che ad altri vantaggi specifici e riconosciuti sono nelle compagnie titolari di Miles&More solo ai soci HON Circle. Talvolta, per raggiungere i massimi livelli elite contano solo le miglia raccolte con le compagnie titolari del programma (ancora nell'esempio del livello HON Circle, contano solo le miglia raccolte in business class e prima classe con le compagnie titolari di Miles&More). Tutto questo in un'ottica di incentivare, pur all'interno di una solidarietà all'interno dell'alleanza, la fedeltà dei passeggeri verso il proprio programma frequent flyer e non solo verso l'alleanza in generale.

In effetti, una tendenza sempre più diffusa nel mondo dei programmi frequent flyer è di far passare in secondo piano le alleanze in favore di partnership ad hoc tra singole compagnie. Capofila di questa strategia sono le cosiddette "compagnie del Golfo", cioè Emirates, Etihad e (in misura minore) Quatar: le prime due, infatti, sono - per espressa strategia aziendale - al di fuori di qualunque alleanza (Quatar invece è membro di One World), ma tutte e tre hanno partecipazioni in molte altre compagnie aeree e partnership molto specifiche, come la collaborazione di Emirates con Qantas per assicurare migliori collegamenti con l'Australia o Etihad che compra una grossa quota di Alitalia (membro SkyTeam). Questo permette ai soci dei programmi frequent flyer delle due compagnie di guadagnare miglia quando volano nell'intera rete integrata Emirates-Qantas e di usare le lounge di entrambe le compagnie. Un altro esempio è Alaska, compagnia aerea statunitense al di fuori delle alleanze ma con una rete di partnership praticamente equivalente a una piccola alleanza, almeno dal punto di vista dei vantaggi per i soci del programma frequent flyer: permette infatti di guadagnare punti volando con molte altre compagnie, tra cui American (One World), Delta ed Air France (Sky Team) e di trasferire i punti da un programma all'altro. Alaska in particolare, per via della possibilità di trasferire miglia dal programma di un'alleanza (AAdvantage di American) a quello di un'altra (SkyMiles di Delta o Flying Blue di Air France), è piuttosto popolare negli Stati Uniti. Di solito questi accordi variano molto e in questo si differenziano dalle alleanze, per il fatto che una stessa compagnia può avere accordi di diverso contenuto con compagnie diverse, ma non sono nemmeno equivalenti alla contitolarità di uno stesso programma frequent flyer, perché anche se a volte i vantaggi presso i partner (per esempio, per i soci Emirates Skywards quando volano con Qantas) sono più estesi rispetto a quelli accordati all'interno di un'alleanza, di solito non includono i vantaggi più esclusivi, come la prenotazione prioritaria dei voli premio o degli upgrade.

Carte di credito co-branded[modifica]

Quasi ogni programma frequent flyer offre la possibilità di sottoscrivere una carta di credito che permette di guadagnare miglia con ogni acquisto, tipicamente con la formula "un miglio per ogni euro speso". Questo fenomeno è diffuso principalmente negli Stati Uniti, dove ogni programma offre decine di possibilità in termini di sottoscrizione di carte di credito co-branded (dette così perché riportano i marchi sia della società emittente della carta - Visa, MasterCard, American Express, ecc - sia del programma frequent flyer).

I vantaggi offerti dalle carte co-branded spesso consistono nell'estendere ai soci non-premium alcuni dei vantaggi riservati ai soci premium, come per esempio (ciascun programma tipicamente prevede solo alcuni di questi vantaggi):

  • sospensione della scadenza delle miglia (se prevista)
  • supplemento per il bagaglio imbarcato azzerato o ridotto (quando previsto, come nel caso dei voli regionali negli Stati Uniti e, con alcune compagnie, in Europa)
  • accesso alle lounge
  • un certo numero di upgrade gratuiti
  • quando il raggiungimento dei livelli elite è subordinato alla spesa di una somma minima in biglietti aerei con la compagnia titolare del programma, il requisito viene annullato o ridotto se il socio possiede una carta di credito co-branded o se effettua con essa spese per un certo ammontare
  • "bonus di benvenuto": alla sottoscrizione, viene accreditato un certo numero di miglia sul conto del titolare

Ovviamente ci sono alcuni punti da tenere ben presenti prima di lanciarsi a sottoscrivere una carta di credito co-branded:

  • la commissione annuale è tipicamente più alta di quella prevista per carte di credito normali; in generale va considerato che in Italia le carte di credito sono tipicamente offerte come prodotto accessorio legato all'apertura di un conto corrente bancario, e quindi spesso hanno condizioni abbastanza vantaggiose, in modo da essere percepite dai clienti come un servizio supplementare; le carte co-branded non sono offerte tramite la banca, e quindi presentano condizioni contrattuali più "di mercato" (commissioni, interessi per pagamenti in ritardo, ecc)
  • l'accredito delle miglia guadagnate con queste carte di credito è spesso subordinato a una spesa minima annuale, che può essere piuttosto alta: se non spendete tale cifra ogni anno le miglia accumulate andranno perse, ma vi troverete comunque a pagare le già citate commissioni più alte

Compagnie low cost[modifica]

Le compagnie con modello low cost puntano a catturare clientela grazie ai prezzi bassi (spesso meno di metà di un biglietto con una compagnia tradizionale), quindi normalmente non ci sono programmi di fidelizzazione, tanto meno basati sull'accumulo di miglia. Tra le compagnie aeree low cost, alcune si distinguono per aver attivato servizi assimilabili a programmi frequent flyer. Alcuni tra i vantaggi inclusi sono

  • Imbarco prioritario
  • Bagaglio da stiva gratuito o scontato
  • Check-in in aeroporto
  • Bagaglio a meno aggiuntivo gratuito o scontato
  • Fila prioritaria ai controlli di sicurezza
  • Scelta gratuita del posto
  • Accesso gratuito o scontato a lounge aeroportuali
  • Sconti presso i partner
  • Miglior prezzo garantito

Generalmente le compagnie low cost offrono questi servizi a pagamento connessi a singole prenotazioni. Molte compagnie le offrono sotto forma di "abbonamenti" a pagamento (EasyJet offre la tessera EasyJet Plus che per una quota annuale dà accesso ad alcuni di questi vantaggi). Alcune compagnie hanno schemi di fidelizzazione che permettono ai clienti più fedeli di accedere gratuitamente a tali benefit, ma spesso non viene evocato il concetto di "miglia". Alcune compagnie low cost hanno accordi con compagnie aeree tradizionali riguardo la possibilità di accumulare miglia sui voli low cost e riscattare voli premio (British Airways permette di accumulare miglia per i voli con Flybe, compagnia low cost inglese). Il panorama è comunque molto variegato, in continua evoluzione e di solito al di fuori dagli schemi tradizionali dei programmi frequent flyer.

Massimizzare le miglia[modifica]

Nonostante le compagnie aeree cambino continuamente le regole dei propri programmi frequent flyer per impedire ai viaggiatori di trovare cavilli da sfruttare a proprio vantaggio, è possibile mettere in pratica alcune tecniche per ottenere più miglia possibile (e quindi poterne spendere di più al posto del denaro in modo da risparmiare). Esistono interi blog dedicati alla massimizzazione dei programmi frequent flyer, e al lettore comune i consigli descritti sembreranno spesso eccessivi: in effetti è un'attività che richiede un investimento in termini di tempo libero e - nel breve periodo - talvolta anche in termini di denaro. In effetti, come per la scelta del singolo programma frequent flyer, va detto che non tutte le strategie che vanno bene per tutti, e sicuramente è opportuno considerare la scelta con molta attenzione prima di cercare di massimizzare le proprie miglia, ma ci sono sicuramente dei buoni punti di partenza:

  • scegliere con attenzione il proprio programma frequent flyer, tenendo anche in considerazione le opportunità di sottoscrivere carte di credito co-branded
  • non lasciarsi sfuggire nemmeno un miglio: esplorare attentamente il sito del programma e determinare se tra i partner elencati per la raccolta delle miglia ci sono dei marchi che vi possono interessare. Catene di alberghi, di autonoleggi, siti di e-commerce, opportunità di comprare voucher. Una tecnica talvolta seguita è acquistare dei buoni sconto su siti convenzionati col programma frequent flyer, magari con una carta di credito co-branded e poi usare i buoni sconto per acquistare i prodotti nel negozio fisico (che tipicamente non è affiliato al programma frequent flyer)
    • a tal fine, è utile sapere che, mentre la maggior parte delle catene di alberghi richiedono di iscriversi al loro programma di fidelizzazione prima di poter guadagnare miglia tramite i propri pernottamenti, siti come booking.com o pointshound.com permettono di raccogliere punti con il programma frequent flyer di propria scelta (tra quelli convenzionati) senza richiedere ulteriori iscrizioni. Inoltre, mentre l'iscrizione al programma di una grande catena implica di rimanere fedeli ad essa, siti come quelli citati permettono di rimanere liberi da questo tipo di limiti e vi permetteranno di guadagnare miglia anche con pernottamenti in ostelli della gioventù, pensioni di provincia e in generale ogni albergo presente sui loro database
  • sottoscrivere una carta di credito co-branded
    • attenzione ai limiti di spesa minimi, alle commissioni annuali e alle altre condizioni applicate
    • alcune carte di credito offrono - anziché il normale tasso "un miglio per ogni euro" - doppie o triple miglia per ogni euro speso per alcune categorie di acquisti (viaggi aerei, supermercati, ecc)
  • utilizzare le miglia preferibilmente quando la compagnia aerea pubblica tariffe scontate sui voli premio; per esempio, Air France, tramite il proprio programma Flying Blue, offre annualmente sconti del 25% o 50% sui voli pagati con le miglia
  • considerare l'opzione di acquistare delle miglia per raggiungere la somma necessaria a prenotare un biglietto premio; questo è un argomento particolarmente delicato, perché normalmente l'acquisto delle miglia non è conveniente, ma alcune compagnie aeree vendono periodicamente miglia scontate che può valere la pena acquistare
  • mettere in conto che, a meno di prenotare con largo anticipo o avere uno status elite con la compagnia aerea, i posti allocati per gli upgrade sui voli in alta stagione (tipicamente durante le vacanze e verso destinazioni molti popolari) saranno molto difficili da ottenere; molti "professionisti" della massimizzazione delle miglia ammettono di essere spesso costretti ad andare in vacanza fuori stagione (ma si consolano col fatto di soggiornare in alberghi di lusso e viaggiare in prima classe per un quinto del prezzo originario)
  • fare molta attenzione a non spendere di più (o meglio, troppo) pur di ottenere poche miglia extra. In generale è sconsigliabile (per esempio) pagare biglietti a prezzo pieno quando sono disponibili posti scontati: è pur vero che si possono guadagnare molte miglia in più, ma va tenuto presente che le compagnie aeree congegnano i programmi di fidelizzazione proprio per modificare le abitudini di consumo dei clienti, e quindi non è saggio lasciare che ciò accada; similmente, spendere denaro inutilmente pur di raggiungere il limite minimo di spesa della propria carta di credito co-branded è estremamente dannoso dal punto di vista economico e il premio in miglia non vale certamente il sacrificio: è il caso di valutare seriamente se sia opportuno cambiare carta di credito o rinunciare alle carte co-branded
  • si può affermare con ragionevole sicurezza che il peggior uso possibile delle miglia sia spenderle presso i partner (usare le miglia di un programma frequent flyer per prenotare un pernottamento in albergo o per fare acquisti su siti convenzionati); viceversa, come anticipato, l'accumulo di miglia tramite i partner è parte integrante e indispensabile (e tutto sommato non troppo impegnativa) di qualunque strategia si massimizzazione. A titolo di esempio, basta guardare i prezzi in miglia nei negozi di e-commerce convenzionati (Lufthansa World Shop, AirFrance Shopping, Shop@KLM) per oggetti comuni come valigie e portafogli e constatare che per lo stesso ammontare di miglia si potrebbe prenotare un volo intercontinentale in business class del valore di circa 2000 euro
  • sfruttate le opportunità di guadagnare miglia "gratis", iscrivendovi a newsletter, sottoscrivendo programmi di fidelizzazzione partner (per esempio, alcuni programmi frequent flyer offrono un certo numero di miglia gratis se vi iscrivete al programma di fidelizzazione di una catena di alberghi affiliata; nel caso dei programmi associati, è necessario anche compiere una prima spesa (una notte in albergo, un noleggio auto, una consumazione) per poter ricevere le miglia extra. In questi casi, farete bene a iscrivervi per il bonus "strategicamente", cioè quando avete comunque in programma di usare il servizio affiliato.

Esistono persone che hanno fatto della raccolta delle miglia uno stile di vita, quando non una professione, che permette loro di vivere interamente grazie alla raccolta miglia. Le due tecniche più diffuse consistono in:

  • sfruttare errori nella pubblicazione delle tariffe aeree per guadagnare miglia a prezzi irrisori. Soprattutto in passato, era relativamente facile vedere biglietti che sarebbero dovuti essere a tariffa piena (e quindi permettevano di guadagnare un alto numero di miglia) offerti a prezzi estremamente bassi; in alcuni casi la colpa era di una cattiva comunicazione interna tra i vari dipartimenti della compagnia, in altri era colpa molto banalmente di un impiegato che aveva "digitato uno zero in meno"
  • approfittare dei prezzi di bassa stagione per fare "viaggi a vuoto" e accumulare miglia: questo era specialmente efficace in passato, quando la struttura delle tariffe non era sofisticata come oggi, per cui era possibile trovare tariffe che, per un prezzo relativamente basso, facevano guadagnare un numero di miglia apprezzabile; al giorno d'oggi questa pratica, detta mileage run è molto meno redditizia
  • approfittare di imperfezioni strutturali nel sistema delle tariffe che permettono di guadagnare miglia extra per una spesa extra del tutto irrisoria. A volte è possibile viaggiare tra due città direttamente o con uno scalo, e nel caso di voli a corto raggio fare uno scalo può voler dire guadagnare il doppio delle miglia (ricordiamo che nei voli a corto raggio le miglia sono assegnate in somma fissa per numero di tratte), oltre che doppi voli qualificanti, a volte per lo stesso prezzo. Questa tecnica funziona meglio negli Stati Uniti, dove ciascuna compagnia aerea ha svariati hub sparsi in tutta la nazione, per cui ci possono essere diversi itinerari possibili per lo stesso viaggio.

Altri programmi di fidelizzazione[modifica]

Catene di alberghi, di ristoranti e anche società ferroviarie hanno programmi di fidelizzazione tutti modellati sui programmi frequent flyer. Tipicamente questi tendono a essere più focalizzati sulle somme spese per l'accredito dei punti (un punto ogni euro), ma spesso anche il numero di notti prenotate o di pasti consumati rileva, specialmente per il raggiungimento dei livelli elite (in modo simile a come con le compagnie aeree è possibile raggiungere un livello premium compiendo n "voli qualificanti" nel corso di un anno). I punti possono essere accumulati per poi essere spesi in servizi gratis (notti, pasti o viaggi), "upgrade" (una camera migliore, dessert gratis nei ristoranti o viaggiare in una classe superiore in treno). Tra questi programmi, i più simili ai programmi frequent flyer sono quelli delle compagnie ferroviarie (come per esempio la CartaFreccia di Trenitalia):

  • dato che si tratta pur sempre di viaggi, spesso l'accumulo di punti resta legato alla distanza percorsa
  • il concetto di upgrade è più simile a quello dei viaggi aerei, e la struttura tariffaria di una moderna rete ferroviaria ad alta velocità è molto simile a quella di un volo a lungo raggio, con il convoglio diviso tra economy, premium economy, business e prima classe e i prezzi basati su quando si prenota, sulla possibilità di spostare o annullare il viaggio e su altre condizioni del biglietto
  • i livelli elite possono avere accesso a lounge nelle stazioni principali, maggiori possibilità di upgrade, accesso a servizi esclusivi con i partner

Gli alberghi tendono a considerare come unità principale dei propri programmi le "notti", ma tipicamente la valuta del programma è espressa in punti:

  • i premi e gli upgrade sono per notte, non per visita
  • i livelli elite vengono guadagnati con un certo numero di "notti qualificanti"

Il concetto di lounge è mantenuto con la creazione di spazi esclusivi (terrazza panoramica, bar, ristorante) riservati ai soci elite dei programmi di fidelizzazione.

Similmente, catene di bar e ristoranti (come Starbuck's, che però ha programmi separati in ogni Paese) si baseranno tipicamente sul numero di consumazioni e sull'ammontare speso.

Altri progetti

1-4 star.svg Bozza: l'articolo rispetta il template standard e ha almeno una sezione con informazioni utili (anche se di poche righe). Intestazione e piè pagina sono correttamente compilati.