Tematica:Parchi regionali d'Italia

Da Wikivoyage.
Jump to navigation Jump to search

I parchi regionali sono costituiti da aree terrestri, fluviali, lacustri ed eventualmente da tratti di mare prospicienti la costa, di valore ambientale e naturalistico, che costituiscano, nell'ambito di una o più regioni adiacenti, un sistema omogeneo, individuato dagli assetti naturalistici dei luoghi, dai valori paesaggistici e artistici e dalle tradizioni culturali delle popolazioni locali.

I parchi regionali sono stati regolamentati con D.P.R. 616/77 che ha trasferito alle Regioni le competenze in materia di aree protette. Attualmente l'EUAP - Elenco ufficiale delle aree naturali protette (5º aggiornamento del 2003) prevede 105 parchi regionali che coprono una superficie di circa 1 milione e 200 000 ettari. L'elenco che segue include anche altri parchi regionali non inclusi nell'EUAP.

Valle d'Aosta[modifica]

Piemonte[modifica]

Lombardia[modifica]

  Parchi regionali non inclusi nell'EUAP

Trentino-Alto Adige[modifica]

Veneto[modifica]

Friuli Venezia Giulia[modifica]

Liguria[modifica]

Emilia-Romagna[modifica]

Toscana[modifica]

Marche[modifica]

Molise[modifica]

Umbria[modifica]

Lazio[modifica]

Abruzzo[modifica]

Campania[modifica]

Puglia[modifica]

Basilicata[modifica]

Calabria[modifica]

Sicilia[modifica]

In Sicilia, per la particolare legislazione autonoma, non esistono parchi nazionali, ma solo regionali.

Sardegna[modifica]

  • Parco naturale regionale di Gutturu Mannu (in via di istituzione)
  • Parco naturale regionale di Tepilora, Sant'Anna e Rio Posada (in via di istituzione)
  • Parco naturale regionale del Monte Arci (in via di istituzione)

Voci correlate[modifica]

Altri progetti[modifica]