Scarica il file GPX di questo articolo
Europa > Penisola iberica > Spagna > Andalusia > Provincia di Malaga > Ronda (Spagna)

Ronda (Spagna)

Da Wikivoyage.
Jump to navigation Jump to search
Ronda
La città e il Ponte Nuevo
Stemma e Bandiera
Ronda (Spagna) - Stemma
Ronda (Spagna) - Bandiera
Stato
Territorio
Altitudine
Superficie
Abitanti
Prefisso tel
CAP
Fuso orario
Posizione
Mappa della Spagna
Ronda (Spagna)
Ronda
Sito del turismo
Sito istituzionale

Ronda è una città andalusa nella provincia di Malaga.

Da sapere[modifica]

Si trova su una gola profonda attraversata da un imponente ponte, molti turisti della Costa del Sol vengono qui in giornata per ammirare la città. Tuttavia, Ronda è anche una città notevolmente graziosa caratterizzata dalla splendida architettura che va dal periodo islamico fino al XIX secolo, romantiche strade tortuose con case bianche, alcuni interessanti musei e molti buoni posti per mangiare e bere le specialità enogastronomiche andaluse. È anche una buona base per esplorare la zona circostante, dove troverete bellissime montagne e molti degli iconici pueblos blancos (villaggi bianchi) dell'Andalusia.

Cenni geografici[modifica]

La caratteristica più notevole di Ronda è la sua posizione su una grande collina di arenaria che viene tagliata in due dalla gola El Tajo, in cui il fiume Guadalevín scorre circa 120 metri più in basso. Le viste della gola e della campagna circostante sono mozzafiato e meritano la visita in sé.

Quando andare[modifica]

Ronda si trova ad un'altitudine collinare, quindi il clima è molto più temperato rispetto alla pianura Guadalquivir, rendendola una buona scelta se non si riesce a sopportare il caldo estivo spagnolo. Tenete presente, tuttavia, che la stagione invernale (novembre-marzo) è molto piovosa.

Cenni storici[modifica]

Ronda era già abitata nel VI secolo a.C dai Celtiberi che la chiamavano Arunda. I coloni fenici più tardi si stabilirono ad Acinipo, nota anche come Ronda la vieja (Vecchia Ronda), circa 20 km a est. L'attuale città ha origini romane e venne costruita come fortificazione durante la seconda guerra punica (218-201 a.C). Fu elevata allo stato di città al tempo di Giulio Cesare. Dopo il crollo dell'Impero romano, Ronda fu occupata da popolazioni barbare tra cui i Visigoti che governarono fino all'invasione araba del 713 d.C. I Mori la rinominarono Hisn Ar-Rundah ("Castello di Rundah"). La città a quel tempo più o meno occupava l'attuale centro storico (La Ciudad), a sud della gola.

Ronda era uno degli ultimi avamposti del regno islamico in Andalusia, e fu conquistata dagli Spagnoli solo nel 1485. Questi poi allontanarono gradualmente la residua popolazione musulmana. Nel XVII e XVIII secolo, Ronda si estendeva a nord attraverso la gola nella nuova città (El Mercadillo) e il Puente Nuevo fu terminato nel 1793 per connettere entrambe le parti.

Nel XIX secolo Ronda fu prima casa di numerosi guerriglieri che combattevano le truppe di Napoleone e poi banditi (bandoleros). In questo periodo divenne anche una delle destinazioni preferite dai viaggiatori inglesi, francesi e americani che la descrivevano come uno dei luoghi più romantici del mondo. Questa fama è rimasta da allora.

Durante la guerra civile spagnola (1936-1939), Ronda è stata la sede di molti combattimenti e divenne famosa per la vendetta dei partigiani repubblicani su circa 500 fanatici falangisti, gettati nella gola da una casa sul ciglio, ma come quasi tutto nella guerra civile spagnola la verità di questo avvenimento è contestata. Questo crimine di guerra dovrebbe aver ispirato una scena famosa nel romanzo di Ernest Hemingway, "Per chi suona la campana" (1940).

Ronda dovrebbe anche essere il luogo di nascita della tradizione della corrida spagnola e vanta la più antica arena di Spagna, costruita nel 1785.

Oggi Ronda è una città fiorente di circa 35.000 abitanti, la maggior parte dei quali vive al di fuori del centro storico. È la capitale della "comarca" di Serranía de Ronda, che è una delle zone più belle dell'Andalusia.

Come orientarsi[modifica]

Strada del centro storico


Come arrivare[modifica]

In auto[modifica]

Ronda non è su nessuna delle autostrade principali, ma si raggiunge facilmente da Málaga (1h20), Siviglia (1h45) o Cordova (2h10).

Le possibilità di parcheggio sono molto limitate all'interno del centro storico. Il parcheggio sotterraneo si trova nella Plaza del Socorro (0,65 euro all'ora). Guidare nei centri cittadini spagnoli può essere complicato a causa delle strade strette, ma in generale la gente nel traffico è molto gentile.

In treno[modifica]

Ronda è collegata ad Algeciras, Antequera, Cordova e anche Madrid, ma non con frequenza. Controllate il sito di RENFE per maggiori informazioni su orari e costi.

In autobus[modifica]

Ci sono servizi per Ronda da Málaga, Siviglia, Torremolinos e altre località. Gli orari si possono trovare qui.

Come spostarsi[modifica]

Ronda non è molto grande, si può girare a piedi.

Assicuratevi di portarvi dell'acqua: sebbene Ronda non sia così calda come molti luoghi nell'Andalusia centrale, ha lo svantaggio di gravi differenze di altezza che possono rendere il camminare durante il giorno più impegnativo. Fortunatamente, ci sono molte fontane situate in tutto il centro storico da cui si può bere.

Cosa vedere[modifica]

Resti dei bagni arabi
Plaza de Toros di Ronda
Ponte Nuevo

La città è divisa in due parti: 'La Ciudadè il centro storico a sud della gola, approssimativamente l'area della medina medievale. La parte nord della città si chiama 'El Mercadillo' . Vale la pena di esplorarle entrambe a piedi, in quanto hanno un'atmosfera diversa. La Ciudad è un labirinto di piccole strade con case bianche, bellissime chiese e resti di architettura islamica. El Mercadillo è una città spagnola più classica, con strade più ampie e edifici piacevoli prevalentemente risalenti al XVIII e XIX secolo.

  • 1 Puente Nuevo, +34 620 340 148. L'iconico ponte di pietra di Ronda del XVIII secolo è uno dei tre ponti che attraversano la gola El Tajo, ma è di gran lunga il più noto perché il fiume scorre oltre 100 metri più in basso. Ci sono voluti più di 40 anni per costruirlo, e le migliori viste della gola non sono da lì. Sembra poca cosa quando si è sopra ma quando si scende nella gola c'è una magnifica vista. All'interno del ponte c'è un piccolo museo a cui si accede attraverso il corpo di guardia.
  • Baños Árabes, Calle San Miguel, S/N, +34 656 95 09 37. Simple icon time.svg 10-18. Questa spa medievale o hammam fu costruita alla fine del XIII/XIV secolo appena fuori dalle mura della città, nel vecchio quartiere ebraico sul fiume Guadalevín. Dopo il periodo islamico i bagni sono caduti in disuso, sono stati inondati e alla fine dimenticati. Furono in parte riportati alla luce con alcuni scavi nel ventesimo secolo e dovrebbero essere gli esempi meglio conservati di bagni arabi in tutta la Spagna.
  • 2 Plaza de Toros (Real Maestranza de la Caballería de Ronda) (Arena), Calle Virgen de la Paz, 15, +34 952 874 132, @ info@realmaestranza.org. Il nome dell'arena di Ronda si riferisce ai suoi proprietari, alla Real Maestranza de la Caballería de Ronda, una società fondata nel 1573 da re Filippo II per formare i suoi cavalieri in tempi di pace. Oltre all'arena del 1785, la più antica in Spagna, gestisce anche una scuola di equitazione classica spagnola. Il museo racconta la storia della Real Maestranza e della corrida a Ronda. L'arena è utilizzata per le corride solo durante il festival di Pedro Romero a settembre.
  • Palacio de Mondragón, Plaza Mondragón, s/n, +34 952 870 818, @ museoarqueologico@ronda.es. Una volta la casa dei governanti musulmani di Ronda, è ora una meravigliosa miscela architettonica di stili islamici, gotici e rinascimentali, con un bellissimo giardino. Oggi ospita il museo municipale di Ronda, dedicato alla storia della città e dei suoi dintorni.
  • 3 Iglesia de Santa María la Mayor, Plaza Duquesa de Parcent. L'ex moschea di Ronda è stata trasformata in una chiesa cattolica romana dopo che gli spagnoli conquistarono la città. C'è voluto molto tempo per completarla, per cui è possibile ammirare elementi moreschi, gotici, rinascimentali e di stile barocco tutti mescolati insieme.
  • Alameda del Tajo. Questo viale alberato del XIX secolo si trova accanto all'arena ai margini del precipizio, offre splendidi panorami.
  • Puente Viejo & Arco de Felipe V. Questo ponte era l'ingresso della città in tempi arabi ed è coronato da un bellissimo arco eretto durante il regno di re Filippo V nel 1742.


Eventi e feste[modifica]

  • Pedro Romero Fiera e Festival. La tradizionale fiera del quartiere di San Francisco si teneva in origine l'8, 9 e 10 settembre. Oggi è l'evento più importante di Ronda, e prende il nome da Pedro Romero, il famoso toreador. Offre molti eventi, tra cui teatro, spettacoli musicali, flamenco e, naturalmente, corride.
  • Semana Santa (Settimana santa). Simple icon time.svg Settimana prima di Pasqua. Come ogni città andalusa, Ronda festeggia con stile la settimana santa, con i membri delle varie confraternite religiose (hermandandes) che portano statue di Gesù Cristo e della Vergine per le strade, accompagnate da musica.


Cosa fare[modifica]

  • Passeggiate. La passeggiata in fondo alla gola è un must, ed è il posto migliore per le foto. Se c'è una secca estesa, però, la gola può essere puzzolente a causa delle acque di scarico rilasciate nel fiume - siete avvertiti!
  • Bicicletta. Se non vi spaventano le salite, Ronda e i dintorni sono l'ideale per delle escursioni in bici.


Acquisti[modifica]

La principale strada dello shopping è la Carretera Espinel, che va dall'arena verso est. È localmente noto come Calle la Bola, ha guadagnato il suo soprannome quando, dopo una forte nevicata, un gruppo di cittadini ha rotolato una grande palla di neve lungo il suo pendio. Qui potete trovare numerosi negozi di abbigliamento, gioielli e prodotti alimentari locali, che diventano meno turistici spostandosi sempre più verso est.

Negozi turistici si trovano fiancheggiando le strade che corrono fino al Puente Nuevo da entrambi i lati del ponte. Per il resto, tuttavia, a Ronda è stato risparmiato il destino di molte città, con solo un numero limitato di negozi che vendono cianfrusaglie. E anche alcune delle cose turistiche sono abbastanza divertenti, come le t-shirt a tema di mucca di Ronda create da Kukuxumusu.

Come divertirsi[modifica]


Dove mangiare[modifica]

Mentre l'avviso obbligatorio per i ristoranti turistici è valido anche a Ronda, di fatto gli andalusi di solito non provano a vendere roba di scarsa qualità a chi non è del posto. Ma naturalmente, le migliori esperienze le avrete solo in un vero e proprio locale spagnolo. Basta sbirciare dentro: se trovate un piccolo posto con persone anziane che si siedono all'interno del bar, di solito è un buon segno - anche se per i ristoranti migliori bisogna fare affidamento sulle conoscenze locali, come dovunque.

Vicino a Ronda, vini rossi e bianchi di alta qualità vengono prodotti in piccole cantine nella zona di produzione Serranía de Ronda. Dal momento che le viti sono coltivate a quote relativamente alte di 600-1000 m, i vini sono molto più leggeri dei loro omologhi di pianura, anche se possono essere costosi.

A Ronda si produce l'Anís del Tajo, simile alla sambuca italiana e all'ouzo greco. Dolce e secco, con diverse gradazioni alcoliche (36% e 44%).

Prezzi modici[modifica]

  • Huskies Sport Bar & Café, Calle Molino, 8.

Prezzi medi[modifica]

  • Café Bar Bodega San Francisco, Calle Ruedo Alameda, 32. Buon posto per mangiare autentica cucina andalusa, appena fuori le antiche mura del centro storico. Altamente raccomandato dai locali, ma arrivate presto la sera o aspetterete a lungo.
  • Casa Santa Pola, Calle de Santo Domingo, 3, +34 952 87 92 08. Diversi piani che si affacciano sulla gola, anche all'interno e sulla terrazza. Relativamente caro ma il cibo e il servizio sono eccellenti, vale la pena.
  • La Casa del Jamón, Calle Jerez, 28. L'ideale per provare il prosciutto iberico.
  • Maruja Limón Bar, Plaza Mondragón, 6, +34 669 65 71 94. Bel posto dove rilassarsi e gustare qualche tapas.
  • Café Bar Restaurante Almocábar, Plaza Ruedo Alameda, 5, +34 952 87 59 77. Piccolo e grazioso, fuori dalla porta di Almocábar nella parte sud del centro storico. Cucina locale.
  • De Locos Tapas, Plazuela Arquitecto Francisco Pons Sorolla, 7, +34 951 08 37 72. Vicino porta Almocábar, ottime tapas.
  • Bodegas La Sangre de Ronda, Calle González Campos, 2, +34 952 87 97 35, @ recepcion@bodegaslasangrederonda.es. È possibile visitare un'antica cantina e fare una degustazione di vini.


Dove alloggiare[modifica]

Ci sono molti hotel nel centro storico, di tutti i livelli.

Prezzi modici[modifica]

Prezzi medi[modifica]

Prezzi elevati[modifica]


Sicurezza[modifica]


Come restare in contatto[modifica]

Tenersi informati[modifica]


Nei dintorni[modifica]

Teatro romano di Acinipo

Ronda è un'ottima base di esplorazione per i pueblos blancos e per i Parchi Naturali di Sierra de Grazalema e Sierra de las Nieves , anche se raggiungerli con i mezzi pubblici può essere più complicato.

  • Montejaque, ottima base per escursioni e altre attività all'aria aperta.
  • Zahara de la Sierra, Piccola città medievale con castello, splendidamente situata sul bacino idrico omonimo.
  • Grazalema, presumibilmente la città più piovosa in Spagna, nel bel mezzo del parco naturale.
  • Acinipo (Vecchia Ronda) (uscite da Ronda in direzione Siviglia, dopo 10 km prendete la MA-7402 per Acinipo e Ronda la Vieja). A 20km da Ronda si possono visitare i resti dell'antica città romana di Acinipo incluso un anfiteatro ottimamente conservato. Il sito è in mezzo alla campagna, il che lo rende un'esperienza speciale da visitare.
  • Cueva de la Pileta (uscite da Ronda in direzione Siviglia, dopo 2 km prendete la MA-7401 in direzione Benajoan. Da qui prendete la MA-8401 in direzione Cortes de la Frontera), +34 687 13 33 38. Questa grotta contiene i dipinti meglio custoditi delle grotte in Andalusia, alcuni vecchi più di 20.000 anni. Vale sicuramente la deviazione, anche se non tutti i dipinti sono accessibili a causa della loro vulnerabilità. Non c'è illuminazione dentro, perciò si usano torce elettriche. La visita guidata richiede circa un'ora.


Altri progetti

1-4 star.svg Bozza: l'articolo rispetta il template standard contiene informazioni utili a un turista e dà un'informazione sommaria sulla meta turistica. Intestazione e piè pagina sono correttamente compilati.