Scarica il file GPX di questo articolo

Europa > Benelux > Belgio > Bruxelles > Pentagono > Quartiere del Centro (Bruxelles)

Quartiere del Centro (Bruxelles)

Da Wikivoyage.
Jump to navigation Jump to search
Quartiere del Centro
(Bruxelles)
La Grand Place ricoperta del tappeto floreale.
Stato
CAP

Quartiere del Centro è uno dei nove quartieri che compongono il "Pentagono", termine di uso comune indicante il centro storico di Bruxelles.

Da sapere[modifica]

È in questo piccolo quartiere che nacque la città di Bruxelles. La costruzione più antica di cui si ha notizia è l'oratorio di S. Michele, sorto alla fine del VII secolo su un'altura ove si incrociavano due strade importanti. Quest'oratorio divenne in seguito la cattedrale dei Santi Michele e Gudula. Altra costruzione documentata fu un fortilizio sull'isola di Saint-Géry, corrispondente, grosso modo, all'odierna piazza dello stesso nome. Il forte fu fatto costruire nella seconda metà del X secolo dal duca della Bassa Lotaringia che qui si trasferì con la sua corte nel 979 d.C,.

Cenni geografici[modifica]

Orientamento
Quais Marais-Jacqmain Libertés
Senne Rosa dei venti it 08p.svg Royal
Midi-Lemonnier Sablons


Come orientarsi[modifica]

Il riferimento del distretto è certamente la Grand Place con l'importante patrimonio di edifici.

Quartieri[modifica]

  • 1 Îlot Sacré — Il quartiere a nord della Grand Place caratterizzato da una altissima concentrazione di ristorantini mirati a turisti di passaggio. Il quartiere si concentra tra: a nord, la Rue de l'Ecuyer, a est, la Rue d'Arenberg e la Rue de la Montagne, a sud, il mercato delle erbe e, a ovest, rue Marché aux Herbes e rue des Fripiers.


Come arrivare[modifica]

In treno[modifica]

Stazione di Bruxelles Centrale
  • 1 Stazione di Bruxelles Centrale. Una delle stazioni principali della città. Stazione di Bruxelles Centrale su Wikipedia stazione di Bruxelles-Central (Q800588) su Wikidata

In metro[modifica]

  • 2 Stazione Gare Centrale. Linee STIB-MIVB Line 1.svg e STIB-MIVB Line 5.svg Brussels Central (Q3095502) su Wikidata
  • 3 Stazione De Brouckère. Linee STIB-MIVB Line 1.svg e STIB-MIVB Line 5.svg De Brouckère metro station (Q3020106) su Wikidata

In tram[modifica]

  • 4 Fermata Bourse. Linee STIB-MIVB Line 3.svg STIB-MIVB Line 4.svg STIB-MIVB Line 31.svg STIB-MIVB Line 32.svg
  • 5 Stazione De Brouckère. Linee STIB-MIVB Line 3.svg STIB-MIVB Line 4.svg STIB-MIVB Line 31.svg STIB-MIVB Line 32.svg


Come spostarsi[modifica]

Essendo il quartiere piuttosto piccolo ci si può spostare agevolmente a piedi.

Cosa vedere[modifica]

La cappella Sainte-Anne contigua alla cappella della Maddalena.
La casa più piccola di Bruxelles
  • 1 Cappella della Maddalena (Chapelle de la Madeleine), Rue de la Madeleine, 21 (Stazione Brussels metro icon.svg "Gare central" sulle linee STIB-MIVB Line 1.svg e STIB-MIVB Line 5.svg, fermata Brussels tramway icon.svg "Bourse" STIB-MIVB Line 3.svg STIB-MIVB Line 4.svg STIB-MIVB Line 31.svg STIB-MIVB Line 32.svg). Ecb copyright.svg Ingresso libero. Simple icon time.svg Lun - sab: 12:00 - 20:00. Dom: 07:15 - 20:00. Una mescolanza di stile Gotico del Brabante, la parte in mattoni con lo stile barocco, la parte in pietra, non è dovuta alla trasformazione e allo sviluppo di uno stesso edificio. La parte meridionale e in mattoni costruita sulle fondamenta di un santuario più antico risale al XV secolo; tuttavia, il campanile risale al 1697 e il portico barocco risale al XVIII secolo. La cappella a nord, che è collegata ad esso da un altro santuario, la cappella di Sainte-Anne, risalente agli inizi del XVII secolo, che è stata rimossa dal suo luogo di origine e rimontata qui nel 1957-1958 durante la costruzione del nodo ferroviario Nord-Midi. Mary Magdalene Chapel (Q2957320) su Wikidata
  • 2 La casa più piccola di Bruxelles (Plus petite maison de Bruxelles), Rue du Marché aux Fromages, 19 (Stazione Brussels metro icon.svg "Gare central" sulle linee STIB-MIVB Line 1.svg e STIB-MIVB Line 5.svg, fermata Brussels tramway icon.svg "Bourse" STIB-MIVB Line 3.svg STIB-MIVB Line 4.svg STIB-MIVB Line 31.svg STIB-MIVB Line 32.svg). Ecb copyright.svg casa privata. Costruita nel XVII secolo, la sua dimensione al piano terra, è di 2,75 metri di profondità e solo 1,75 metri di facciata per un passaggio che conduce a un piccolo spazio della corte. Oltre al piano terra, la casa ha due piani e un tetto ciascuno di 16 mq. Per la cronaca, è stata venduta a 215.000 € nel febbraio 2013 ad un acquirente anonimo.
Cattedrale dei Santi Michele e Gudula
  • 3 Cattedrale dei Santi Michele e Gudula (Cathédrale Saints-Michel-et-Gudule), Parvis Sainte-Gudule (Stazione Brussels metro icon.svg "Gare central" sulle linee STIB-MIVB Line 1.svg e STIB-MIVB Line 5.svg, fermata Brussels bus icon.svg "Gare central" n° STIB-MIVB Line 29.svg STIB-MIVB Line 38.svg STIB-MIVB Line 63.svg STIB-MIVB Line 65.svg STIB-MIVB Line 66.svg STIB-MIVB Line 71.svg), +32 2 2197530. Ecb copyright.svg cattedrale: gratis, scavi archeologici: 1 €, tesoro: 1 €, cripta romanica (su appuntamento) 3 € (gratuito per i bambini sotto i 14 anni).. Simple icon time.svg Lun - ven: 07:30 - 18:00. Sab: 7:30 - 15:30. Dom: 14:00 - 18:00. Costruita in sostituzione di un oratorio del VII secolo e dedicato all'arcangelo Saint-Michel, l'attuale cattedrale fu costruita in pietra di Gobertange e in stile gotico brabantino, tra il 1226 per il coro e il 1485 per le due torri. Tuttavia, alcune cappelle furono aggiunte nel XVI secolo, per la cappella del Santissimo Sacramento, e nel XVII secolo, per la cappella di Nostra Signora della Liberazione e la Cappella di Maes. Originariamente, questo luogo di culto era dedicato solo a San Michele. Fu solo nel 1407, quando le reliquie di Santa Gudula furono trasportate dalla chiesa di Saint-Géry, che prese il nome di collegiata di Saints-Michel-et-Gudule prima di diventare, nel 1962, la una delle due cattedrali dell'Arcidiocesi di Mechelen-Bruxelles. Oltre alle magnifiche vetrate, la cattedrale contiene alcune opere d'arte religiose superbe tra cui un reliquiario anglosassone risalente intorno all'anno 1000. Il grande organo con 4.300 canne, 4 tastiere costruito nel 2000. Oltre agli uffici ordinari, è in questa cattedrale che si svolgono i matrimoni e i funerali reali. Dal 1999, ha la sua replica a grandezza naturale, all'aperto, presso la Grand Peace Hall della Kyung Hee University di Seoul. Concattedrale di San Michele e Santa Gudula su Wikipedia concattedrale di San Michele e Santa Gudula (Q269654) su Wikidata
Jeanneke-Pis
  • 4 Jeanneke-Pis, Impasse de la Fidélité, 10-12. È, allo stesso tempo, una statua di circa 50 cm e una fontana che rappresenta una ragazzina che urina, nuda e accovacciata. Questa statua è la controparte femminile di Manneken-Pis. Inaugurata nel 1987, è diventato tradizionale gettare monete nel bacino della fontana. Jeanneke Pis su Wikipedia Jeanneke Pis (Q152360) su Wikidata
Chiesa di San Nicola
  • 5 Chiesa di San Nicola (Église Saint-Nicolas), Rue au Beurre (Fermata Brussels tramway icon.svg "Bourse" STIB-MIVB Line 3.svg STIB-MIVB Line 4.svg STIB-MIVB Line 31.svg STIB-MIVB Line 32.svg, fermata Brussels bus icon.svg "Bourse" linee STIB-MIVB Line 48.svg STIB-MIVB Line 95.svg). Simple icon time.svg Lun-dom: 11:00 - 18:00. È richiesto di astenersi dalle visite durante le funzioni religiose. La chiesa risale nella sua conformazione attuale, al 1714 è la quarta chiesa parrocchiale più antica di Bruxelles perché ricostruita su una cappella, dedicata prima a Santa Gudula e poi a San Nicola risalente dal 1125. La chiesa ha conservato il suo "involucro" del Medioevo e durante l'era moderna ha inglobato case private e negozi su tre delle sue facciate. Tra i tesori custoditi, ospita le reliquie dei martiri di Gorcum, molti dipinti di maestri e mobili ecclesiastici del XVII e XVIII secolo.
Sopra il terzo pilastro sinistro della navata, si può vedere una palla di cannone incastrata e risalente al bombardamento di Bruxelles da parte delle truppe di Luigi XIV del 1695. Saint Nicholas Church (Q2762071) su Wikidata
  • 6 Panorama, Parking 58 - rue de l’Évêque, 1. Uno dei rari panorami della città nel centro storico di Bruxelles.
Palazzo della borsa
  • 7 Palazzo della Borsa (Bourse de Bruxelles), Place de la Bourse (Fermata Brussels tramway icon.svg "Bourse" STIB-MIVB Line 3.svg STIB-MIVB Line 4.svg STIB-MIVB Line 31.svg STIB-MIVB Line 32.svg, fermata Brussels bus icon.svg "Bourse" linee STIB-MIVB Line 48.svg STIB-MIVB Line 95.svg). Simple icon time.svg Solo durante la durata di mostre temporanee o concerti. Eretto tra il 1868 e il 1873 in uno stile eclettico che combina stili con prestiti neo-rinascimentali e del secondo impero, l'edificio ospita le attività belghe del mercato Euronext. Borsa di Bruxelles su Wikipedia Borsa di Bruxelles (Q1146518) su Wikidata
Halles Saint-Géry
  • 8 Halles Saint-Géry, Place Saint-Géry (Fermata Brussels tramway icon.svg "Bourse" STIB-MIVB Line 3.svg STIB-MIVB Line 4.svg STIB-MIVB Line 31.svg STIB-MIVB Line 32.svg, fermata Brussels bus icon.svg "Bourse" linee STIB-MIVB Line 48.svg STIB-MIVB Line 95.svg), +32 2 502 4424. Mercato coperto completato nel 1882 secondo uno stile rinascimentale. Al suo centro sta una fontana di forma piramidale del 1767. Dal 1999 si svolgono esposizioni e diverse eventi culturali. Halls of Saint-Géry (Q3126123) su Wikidata
Église Notre-Dame aux Riches Claires
  • 9 Église Notre-Dame aux Riches Claires (Chiesa di Nostra Signora delle Clarisse), Rue des Riches Claires, 23 (Fermata Brussels tramway icon.svg "Bourse" STIB-MIVB Line 3.svg STIB-MIVB Line 4.svg STIB-MIVB Line 31.svg STIB-MIVB Line 32.svg, fermata Brussels bus icon.svg "Bourse" linee STIB-MIVB Line 48.svg STIB-MIVB Line 95.svg), +32 2 511 5099. Chiesa in stile rinascimentale-fiammingo realizzata nel 1665 su progetto dell'architetto Lucas Faydherbe, uno dei discepoli di Rubens. All'interno vi è custodito un altare ritenuto il più antico di Bruxelles che un tempo ornava la cappella di Saint-Géry del IX secolo, una bella statua di San Gery del XVII secolo, nonché un elegante pulpito in legno di quercia e, nel coro, l'altare maggiore in marmo risalente al 1706. Chiesa di Nostra Signora delle Clarisse su Wikipedia chiesa di Nostra Signora delle Clarisse (Q3580452) su Wikidata
Manneken-Pis
Tour de Villers, mura interne
  • 10 Manneken-Pis (Petit Julien, Ketje de Bruxelles), incrocio di rue de l'Étuve con rue du Chêne (fermata Brussels bus icon.svg "Parlement bruxellois" direzione "Bourse", oppure "César De Paepe" in direzione opposta, linee STIB-MIVB Line 48.svg STIB-MIVB Line 95.svg). Manneken-Pis significa letteralmente "il bambino [che] piscia" in olandese. Si tratta di una statuetta posta in una fontana in bronzo di 55,5 cm di altezza e 17 kg costruita nel 1619 dallo scultore Jerome Duquesnoy il Vecchio. Simbolo dello spirito da burlone di Bruxelles, su cui circolano molte leggende. Quella più comune è che "la fontana sia stata commissionata da un ricco cittadino della città, dopo aver perso in un festival l'unico figlio di età compresa tra tre e quattro anni e lo ha trovato dopo cinque giorni occupato... a fare ciò che fa ancora." A partire dal 2017, Manneken-Pis ha avuto più di mille costumi diversi, il primo è stato offerto nel maggio 1698 da Massimiliano II Emanuele, e che tutti possono ammirare presso il museo a loro dedicato. Trentasei volte all'anno in date fisse, uno di questi abiti (vedi il calendario) viene aggiunto alla statua. Dalla fontana non esce sempre acqua ma a volte vino o persino birra in occasione di feste particolari. Manneken Pis su Wikipedia Manneken Pis (Q152072) su Wikidata
  • 11 Torre di Villers (Tour de Villers), Rue de Villers (fermata Brussels bus icon.svg "Parlement bruxellois" direzione "Bourse", oppure "César De Paepe" in direzione opposta, linee STIB-MIVB Line 48.svg STIB-MIVB Line 95.svg, fermata Brussels bus icon.svg "Chapelle" linee STIB-MIVB Line 27.svg STIB-MIVB Line 48.svg). Costruito nel XIII secolo, la torre e la cortina di Villers formano insieme una delle vestigia meglio conservate del primo recinto di Bruxelles. Integrate tra le case nel XVII secolo, furono demolite negli anni '60 per mettere in mostra le vestigia. Il lato esterno delle mura può essere visto dal cortile del Sint-Jorisinstituut situato al n. 16 di rue des Alexiens mentre il lato interno può essere visto da rue de Villers. Tour de Villers (Q3533470) su Wikidata

Grand-Place[modifica]

La Grand Place
Pianta degli edifici della Grand Place
  • attrazione principale 12 Grand-Place (olandese: Grote Markt) (Stazione Brussels metro icon.svg "Gare central" sulle linee STIB-MIVB Line 1.svg e STIB-MIVB Line 5.svg, fermata Brussels tramway icon.svg "Bourse" STIB-MIVB Line 3.svg STIB-MIVB Line 4.svg STIB-MIVB Line 31.svg STIB-MIVB Line 32.svg). unesco Nella sua forma attuale, la Grand Place è posteriore al bombardamento del mese di agosto 1695, dalle truppe di Luigi XIV, seguito da un vasto incendio che ha distrutto più di un terzo della città. Solo il municipio, costruito tra il 1402 e il 1455, è precedente. La piazza è considerata dai brussellesi e da Victor Hugo, che ci ha vissuto per sette mesi nel 1852 al n° 16 (casa del mulino a vento) e poi al n° 26-27 (Casa del piccione) come "la più bella del mondo ". Il complesso è classificato come bene culturale patrimonio mondiale dell'Unesco dal 1998 e comprende il municipio in stile Gotico brabantino, la Casa del re di stile neo-gotico e 34 case in stile barocco brabantino. Molti festeggiamenti si svolgono qui, compreso il tappeto di fiori biennale o Fioritura, lo spettacolo finale dell'Ommegang, parte della Brussels Jazz Marathon, la piantagione di alberi di Natale e un suono con le luci durante il Plaisirs d'Hiver. Grand Place (Bruxelles) su Wikipedia Grand Place (Q215429) su Wikidata
Monumento a Everard t'Serclaes
  • 13 Monumento a Éverard t'Serclaes, Rue Charles Bulls (Sulla fiancata della Casa della Stella « Maison de L’Étoile » la cui facciata prospetta sulla Grand Place). Monumento che evoca la liberazione della città, il 24 ottobre 1356, da Everard t'Serclaes dalle truppe del conte delle Fiandre. Posta nel 1902 su un muro della casa dove morì per le sue ferite il 31 marzo 1388 dopo un'aggressione commessa dal balivo di Gaasbeek, il monumento dovette essere restaurato nel 2008 e nel 2011 in seguito all'incessante sfregamento per mano dei turisti sul monumento. La leggenda narra che quando si sfrega, si possa esprimere un desiderio o di realizzare di tornare a Bruxelles (Q3323409) su Wikidata
Hôtel de ville
Particolare della ricca decorazione della facciata
  • attrazione principale 14 Palazzo comunale (Hôtel de ville), Grand-Place, + 32 2 5480447. Ecb copyright.svg Adulti 5€. Ridotto a 3€ per senior e studenti. Gratuito per bambini fino a 6 anni di età. Solo visite guidate in francese. Ci si iscrive 1/4 d'ora prima dell'inizio della visita. Simple icon time.svg Mercoledì: ore 13:00 Dom: ore 12:00 e 14:00. unesco Il più ammirato dei palazzi che circondano la Grand Place è il palazzo municipale, l'unica costruzione medievale sopravvissuta al bombardamento dell'artiglieria francese del 1695. È considerato un capolavoro del gotico brabantino. È costituito da due stili architettonici differenti. La facciata principale e il lato che prospetta sulla via Charles Buls risalgono al XV secolo mentre il fianco sulla rue d'Amigo e sulla rue de la Tête d'Or sono posteriori di due secoli. Il campanile che si affaccia sulla Grand Place per 96 metri (91 metri per la parte superiore del braccio oltre 5 metri per la statua banderuola di San Michele che uccide il drago). Uno zwanze ( "scherzo") vuole che la torre si trova esattamente al centro della costruzione, l'architetto che aveva progettato l'edificio si suicidò per la vergogna saltando dalla cima del campanile. Tuttavia, questa leggenda non si basa su fatti concreti poiché l'ala sinistra e la base del campanile furono costruiti dal 1401 al 1421 in comune con tre architetti mentre l'ala destra fu costruita tra il 1444 e il 1449 da un altro architetto e che, infine, la costruzione della parte superiore e la guglia del campanile fu fornita da un quinto architetto dal 1449 al 1455.
Sul selciato del cortile interno è raffigurata la rosa dei venti aristotelica che segna il km zero da cui si misurano le distanze dalla capitale alle altre località del Belgio. Municipio di Bruxelles su Wikipedia municipio di Bruxelles (Q1255327) su Wikidata
Maison du Roi
  • 15 Casa del Re (Maison du Roi), Grand-Place, +32 2 279 4350. Ecb copyright.svg tariffe. Simple icon time.svg Mar - dom: 10:00 - 17:00. Un palazzo in stile neo gotico eretto nel 1873 sul sito di un altro andato distrutto nel 1695 sotto i colpi d'arma da fuoco dell'artiglieria francese. L'edificio medievale fungeva da ufficio di ricezione delle imposte del ducato di Brabante. Oggi è la sede del museo civico che ripercorre la storia della città di Bruxelles. Vi è custodita anche la collezione di costumi con cui si veste la statua di Manneken-Pis , simbolo della città in concomitanza di eventi e ricorrenze speciali. Maison du Roi su Wikipedia Maison du Roi (Q14505682) su Wikidata

Musei[modifica]

Maison de l'Arbre d'Or 01
  • 16 Museo del Costume e del Merletto (Musée du costume et de la dentelle), Rue de la Violette, 12 (Stazione Brussels metro icon.svg "Gare central" sulle linee STIB-MIVB Line 1.svg e STIB-MIVB Line 5.svg, fermata Brussels tramway icon.svg "Bourse" STIB-MIVB Line 3.svg STIB-MIVB Line 4.svg STIB-MIVB Line 31.svg STIB-MIVB Line 32.svg), +32 2 213 4450, @ . Ecb copyright.svg 4 €. Ridotto a 3 € per studenti e senior. Bambini al disotto dei 12 anni " €. Questo museo è stato creato nel 1977 per evidenziare il ricco e variegato patrimonio tessile della città di Bruxelles. Le collezioni vanno dal XVIII al XIX secolo. Museum of Costume and Lace (Q2193737) su Wikidata
  • 17 Museo dei Birrai Belgi (Musée des brasseurs belges), Grand-Place, 10, +32 2 511 4987, @ . Ecb copyright.svg 5€. Simple icon time.svg Dal 1 gennaio al 31 marzo, aperto il sabato e la domenica 12:00-17:00 Il resto dell'anno, Lun-Dom 10:00-17:00. Il museo occupa il piano interrato della casa dell'Albero d'Oro (Maison de l'Arbre d'Or) che è un pregevole edificio del 1696 con decori dorati e una statua equestre in cima. Vi sono esposti materiali provenienti da un birrificio del XVIII secolo. Una sezione spiega le tecniche moderne di produzione della birra avvalendosi di tecniche multimediali Maison des Brasseurs (Q3279636) su Wikidata
  • 18 Museo Jacques Brel, Place de la Vieille Halle aux Blés, 11 (fermata Brussels bus icon.svg "Parlement bruxellois" direzione "Bourse", oppure "César De Paepe" in direzione opposta, linee STIB-MIVB Line 48.svg STIB-MIVB Line 95.svg), +32 2 511 1020, @ . Ecb copyright.svg museo con audioguida: 5 €, museo + passeggiata in città sulle orme di Jacques Brel con audioguida: 10 €.. Simple icon time.svg Mar-Dom 10:00-17:00. Scoperta di tutto il lavoro dell'artista attraverso numerosi documenti, un percorso itinerante e la proiezione di film.
  • 19 Museo del Cacao e del Cioccolato (Musée du cacao et du chocolat), Rue de la Tête d'or, 9-11, +32 2 5142048.
  • 20 Museo della Banca Nazionale del Belgio (Musée de la Banque nationale de Belgique), Boulevard du Berlaimont, 3, +32 2 2212206, @ . Collezioni che ripercorrono la storia della banca belga e dei mezzi di pagamento in generale. Il tema delle altre due collezioni è il ruolo della moneta nell'economia e la moneta come fenomeno culturale Banca nazionale del Belgio su Wikipedia Banca nazionale del Belgio (Q685918) su Wikidata
  • 21 Guardaroba di Manneken-Pis, Rue du chêne, 19, +3222794350. Ecb copyright.svg (prezzo unitario con ingresso alla Maison du roi) adulto: 8 €, senior: 6 €, studente maggiore di 18 anni: 4 €, bambino meno di 18 anni: gratuito.. Simple icon time.svg Mar-Dom 10:00-17:00. Il museo espone, ruotando, i circa 120 costumi di Manneken-Pis tra cui una riproduzione del più antico conservato che è un costume offerto nel 1747 dal re Luigi XIV.

Art nouveau[modifica]

Monument à Charles Buls
  • 22 Antichi magazzini dei fratelli Wolfers (Anciens magasins Wolfers frères), Rue d'Arenberg 11-13. è un edificio "Art Nouveau" costruito dall'architetto Victor Horta. anciens magasins Wolfers frères (Q2845946) su Wikidata
  • 23 Grande Maison de Blanc, Rue du Marché aux Poulets 32-34. Grande Maison de Blanc (Q3114974) su Wikidata
  • 24 Magasin Marjolaine, Rue de la Madeleine 7. È un negozio geometrico Art Nouveau costruito dall'architetto Léon Sneyers. (Q3276551) su Wikidata
  • 25 Monument à Charles Buls, Rue Charles Buls. Ua stele costruita dall'architetto Victor Horta e dallo scultore Victor Rousseau (Q48756465) su Wikidata
  • 26 Pharmacie du Bon Secours, Boulevard Anspach 160. (Q42417061) su Wikidata
  • 27 Taverne-restaurant Falstaff, Rue Henri Maus 17-19. È un caffè di Bruxelles la cui facciata e decorazione Art Nouveau è stata realizzata dal falegname e designer d'interni E. Houbion. (Q3516289) su Wikidata


Cosa fare[modifica]

Théâtre de la Monnaie
  • 1 Teatro La Monnaie (Théâtre de la Monnaie), Place de la Monnaie, 1 (In metro stazione De Broukere linee STIB-MIVB Line 1.svg e STIB-MIVB Line 5.svg, in tram fermata "De Broukere" linee STIB-MIVB Line 3.svg STIB-MIVB Line 4.svg STIB-MIVB Line 31.svg STIB-MIVB Line 32.svg, in bus fermata "De Broukere" linee STIB-MIVB Line 29.svg STIB-MIVB Line 38.svg STIB-MIVB Line 46.svg STIB-MIVB Line 47.svg STIB-MIVB Line 63.svg STIB-MIVB Line 66.svg STIB-MIVB Line 71.svg STIB-MIVB Line 86.svg STIB-MIVB Line 88.svg), + 32 2 2291211. Ecb copyright.svg Maggiore di 29 anni: 12 €, tra 6 e 29 anni: 6 €. Simple icon time.svg visita guidata ogni sabato da settembre a maggio alle 12 (durata: circa un'ora e mezza). Inaugurato nel 1856 per sostituire il vecchio edificio costruito nel 1700 e diventato troppo fatiscente, il teatro La Monnaie deve il suo nome al fatto che il primo teatro fu costruito sulle rovine dell'hotel dove battevano denaro. Per la grande storia, è da qui che, il 25 agosto 1830, sono iniziati i primi scontri contro il potere in atto e che scatenerà la rivoluzione del 1830. È dopo aver assistito a una rappresentazione de La muta di Portici e soprattutto dopo aver ascoltato la canzone "L'amore sacro della patria" che gli spettatori si precipitarono in strada con le grida di "Alle armi, alle armi! E "lunga vita alla libertà!"
Il teatro offre un interessante cartellone di opere cui poter assistere. La Monnaie/De Munt su Wikipedia La Monnaie/De Munt (Q551479) su Wikidata


Acquisti[modifica]

Galeries royales Saint-Hubert
  • 1 Galeries royales Saint-Hubert, Galerie de la Reine, galerie du Roi et galerie des Princes. Complesso di tre gallerie commerciali, tra le prime ad essere realizzate in Europa. Furono infatti inaugurate nel 1847. Gallerie Reali Saint-Hubert su Wikipedia Gallerie Reali Saint-Hubert (Q1491935) su Wikidata


Come divertirsi[modifica]

  • 1 Au Bon Vieux Temps, Impasse Saint-Nicolas 8/4. Birreria.
  • Café Mort Subite, Rue Montagne aux Herbes Potagères 7, +32 2 513 13 18. Simple icon time.svg Lun-Dom 12:00-23:00. Birreria.


Dove mangiare[modifica]

Il ristorante "Chez Léon" sulla rue des Bouchers
  • 1 Aux Armes de Bruxelles, Rue des Bouchers, 13, +32 2 5115598. Simple icon time.svg Lun - dom : 12:00 - 22:45. Birreria di antica tradizione inaugurata nel 1921. Tra i suoi clienti del passato Jacques Brel, Fernandel, Johnny Halliday e lo stesso re Léopold III. Piatti tradizionali della cucina belga
  • 2 Chez Léon, Rue des Bouchers, 18, +32 2 511 1415. Simple icon time.svg Lun - mar : 11:30 - 23:00. Altro rinomatissimo locale sulla Rue des Bouchers, inaugurato nel 1887. Ristorante stile birreria che propone piatti tipici della cucina belga
  • 3 La Brasserie de Bruxelles, Place de la Vieille Halle aux Blés, 39, +32 2 513 9812. Simple icon time.svg Lun - dom: 12:15 - 19:15. Birreria con cucina tradizionale belga. Segnalata dalla guida Michelin del 2015.
  • 't Kelderke, Grand-Place, 15, + 32 2 513 7344. 't Kelderke significa "grottino" in dialetto brabantino. Si tratta di un locale stile birreria situato sulla Grand Place e ricavato dalla terrazza panoramica dell'Hôtel Saint-Michel.
  • 4 Taverne du Passage, Galerie de la Reine, 30, + 32 2 512 3731. Simple icon time.svg Lun - dom: 12:00 - 24:00. Altro ristorante segnalato dalla guida Michelin del 2015
  • 5 Cécilia, Rue des Chapeliers, 16, +32 2 503 4474. Cucina Fusion
  • 6 El Greco, Grand-Place, 36, +32 2 511 8982. Ecb copyright.svg Circa 30 € anno 2015. Simple icon time.svg Lun - dom : 11:30 - 02:30. Locale con vasta terrazza panoramica sulla Grand Place. Propone piatti tipici della cucina greca
  • 7 L'Altro Mondo, Rue Gretry, 46, +32 2 219 6990. Ecb copyright.svg Circa 30 € anno 2015. Simple icon time.svg Lun - dom :12:00 - 24:00. Cucina italiana
  • 8 Pasta Divina, Rue de la Montagne, 16, +32 2 511 2155. Ecb copyright.svg 30/45 € anno 2015. Simple icon time.svg Lun - dom : 11:30 - 15:00 e 18:30 - 22:00. Paste asciutte alla maniera italiana
  • 9 Pizzerie, Rue du Marché aux Fromages. La rue du Marché aux Fromages annovera parecchie pizzerie e ristoranti che si fregiano del titolo "cucina italiana" .
  • 10 O Bifanas, Rue des Dominicains, 30, +32 2 502 2548. Simple icon time.svg Lun - sab: 11:30 - 24:00. Cucina portoghese
  • 11 Tapas Locas, Rue du Marché au Charbon, 74, +32 2 502 1268. Cucina spagnola. La sua specialità sono i piatti(ni) di tapas.
  • 12 Kokob, Rue des Grands Carmes, 10, +32 2 5111950. Simple icon time.svg Lun - gio : 18:00 - 23:00. Ven - dom: 12:00 - 15:00 e 18:00 - 23:00. Cucina etiope
  • 13 La Cantina Cubana, Rue des Grands Carmes, 6, +32 2 502 6540. Ecb copyright.svg Circa 30 € anno 2015. Simple icon time.svg Lun - sab: 19:00 - 23:00. Cucina cubana. Specialità:mojitos
  • 14 Kabuki, Rue du Marché aux Poulets, 32, +32 2 218 8696. Ecb copyright.svg 25 - 60 € anno 2015. Simple icon time.svg Lun - dom: 12:00 -14:00 e 18:00 - 23:00. Ristorante giapponese. Il sushi è ancora servito tramite un trenino in miniatura sui tavoli.
  • 15 Bombay Inn, Rue de la Fourche, 38, +32 2 219 5954. Ecb copyright.svg listino. Simple icon time.svg Lun - sab : 12:00 - 14:00 e 18:00 - 22:00. Il più rinomato ristorante di cucina indiana a Bruxelles con un buon punteggio da parte di siti specializzati e altrettanto buone recensioni individuali.
  • 16 Caspian, Rue de la Violette, 26, +32 2 513 1511. Ecb copyright.svg Meno di 25€ anno 2015. Cucina iraniana.


Prezzi modici[modifica]

  • 17 Mac Donald, Place de la Bourse, 3, +32 2 513 4213. Simple icon time.svg Lun - dom: 07:00 - 01:00. Fast Food universalmente conosciuto che non ha bisogno di presentazioni.
  • 18 Pizza Hut, Boulevard Anspach, 69, +32 2 5122194. Simple icon time.svg Lun - dom: 12:00 - 22:00. Fast food che serve pizze e paste asciutte interpretate alla maniera americana.
  • 19 Chi-Chi, =Boulevard Anspach, 5, +32 2 223 1470. Ecb copyright.svg =. Simple icon time.svg Lun - dom: 12:00 - 22:00. Fast food con una vasta terrazza ove trovano posto un centinaio di tavoli.
  • 20 Exki, Place de la Bourse, 2, +32 2 512 3350. Simple icon time.svg Lun - Ven: 07:00 - 20:00. Sab: 08:00 - 20:00. Dom: 09:00 - 20:00. Fast food che si avvale di prodotti freschi e/o bio.


Dove alloggiare[modifica]


Come restare in contatto[modifica]


1-4 star.svg Bozza: l'articolo rispetta il template standard e ha almeno una sezione con informazioni utili (anche se di poche righe). Intestazione e piè pagina sono correttamente compilati.