Scarica il file GPX di questo articolo

Europa > Italia > Italia centrale > Toscana > Quarrata

Quarrata

Da Wikivoyage.
Jump to navigation Jump to search
Quarrata
panorama
Stemma
Quarrata - Stemma
Stato
Regione
Altitudine
Superficie
Abitanti
Nome abitanti
Prefisso tel
CAP
Posizione
Mappa dell'Italia
Quarrata
Quarrata
Sito istituzionale

Quarrata è una città nella Toscana in provincia di Pistoia.

Da sapere[modifica]

Cenni geografici[modifica]

Quarrata si sviluppa sulle pendici del Montalbano, lo sviluppo urbano è per lo più pianeggiante, ma alcune delle frazioni più caratteristiche e storiche si trovano sulla collina, la principale frazione di interesse turistico è Tizzana, che un tempo dava il nome al comune.

Quando andare[modifica]

Nel mese di settembre si svolge la festa paesana, ma il clima mite rende la cittadina perfettamente godibile durante tutto l'anno, la facilità e la rapidità con cui si raggiunge Firenze, la rende una valida alternativa per il pernottamento, negli agriturismi.

Cenni storici[modifica]

Le zone collinari furono abitate fin da epoca etrusca, mentre le zone più a valle, con ogni probabilità paludose vennero urbanizzate solo tardivamente, il comune venne portato a Quarrata solo nel 1959, fino ad allora il comune era Tizzana, oggi una piccola frazione. La zona fu territorio di caccia per la famiglia dei Medici, la Villa Màgia ancora oggi è una delle maggiori attrattive del comune, che la gestisce.

Come orientarsi[modifica]


Come arrivare[modifica]

In aereo[modifica]

L'aeroporto più vicino è quello di Firenze, all'aeroporto è facile poter noleggiare un auto, o raggiungere con i mezzi pubblici la stazione ferroviaria, dalla quale è possibile prendere l'autobus diretto.

In auto[modifica]

L'uscita autostradale più vicina è Prato Ovest della A11 (detta Firenze Mare), è in fase di ultimazione un collegamento diretto con la città, ma anche gli attuali collegamenti sono veloci.

Villa La Màgia, veduta su Quarrata

In treno[modifica]

La stazione ferroviaria più vicina è quella di Montale Agliana, dalla quale è possibile raggiungere Quarrata con autobus di linea. Tuttavia i collegamenti autobus più frequenti sono con la stazione ferroviaria di Pistoia e quindi è preferibile scegliere questa tappa.

In autobus[modifica]

È presente un frequente collegamento da e per Firenze e da e per Pistoia

Come spostarsi[modifica]

Nella zona centrale è facile spostarsi a piedi, o in bicicletta, infatti sono presenti 12 km di piste ciclabili divisi in due direttrici principali: Villa la Màgia-La Querciola e Periferia Sud-Centro-Periferia Nord (Frazione di Olmi), la scarsità di traffico rende la zona centrale perfettamente percorribile. Meno accessibili sono invece le zone collinari, che pur servite dai mezzi pubblici sono servite solo in alcuni orari, in tutte le frazioni passano comunque mezzi pubblici.

Con mezzi pubblici[modifica]

Il centro è collegato per tutto il giorno con le frazioni principali.


Cosa vedere[modifica]

Villa Medicea La Magia
  • 1 Villa Medicea La Magia. Il corpo più antico di Villa La Magia risale alla prima metà del Trecento, edificata dai panciatichi come casa-torre. Nel secolo successivo, in seguito ad ampliamenti considerevoli divenne un’importante residenza, luogo di importanti visite, feste, e cacciagioni come quella del 1536 in onore dell'imperatore Carlo V. Nel 1584 venne acquistata dal granduca Francesco I de' Medici che ne affidò la ristrutturazione all'architetto di corte Bernardo Buontalenti. L'architetto diede una nuova impronta alla Villa. Rimase di proprietà della famiglia Medici fino al 1645. In quello stesso anno, venne acquistata da Pandolfo Attavanti di Castelfiorentino. Il nuovo proprietario e poi i suoi eredi dedicarono particolare attenzione al giardino grande terrazzamento, completato in forma di parterres dagli architetti Jacopo e Carlo Antonio Arighi. Tra il 1708 e il 1716 la villa fu ampliata e decorata in maniera significativa: è di quest’epoca lo scalone ela decorazione pittorica e plastica di varie sale al piano terreno e al piano nobile. Nel 1766 la Magia fu acquistata dalla famiglia Amati che, sul finire del ‘700 fece sistemare gli spazi esterni trasformando il "selvatico" cinquecentesco in giardino paesaggistico secondo i canoni del landscape gardening. Estinta la famiglia Amati nell'Ottocento la Villa passò a Giulio di Luigi Cellesi. L'amministrazione comunale acquistò infine nel 2000 l’intero complesso, avviando un lavoro di recupero e conservazione e conferendo alla Villa Medicea una destinazione culturale per la riqualificazione del patrimonio storico locale. Villa la Magia è inserita nel gruppo di Ville e Giardini Medicei, presenti in Toscana, riconosciute dall’UNESCO come Patrimonio Mondiale dell'Umanità. Villa La Magia su Wikipedia "Villa La Magia" su Wikidata
  • Opere d'arte contemporanea. Sparse per il centro cittadino sono presenti varie opere di arte contemporanea di artisti come Vittorio Corsini, Jorio Vivarelli e Agenore Fabbri del quale sono presenti il "Monumento ai caduti di tutte le guerre" in piazza Risorgimento e "Il mito di Orfeo" al Polo Tecnologico di piazza Fabbri. Inoltre molte altre opere d'arte contemporanea di artisti internazionali quali Fabrizio Corneli, Anne e Patrick Poirier, Marco Bagnoli, Hidetoshi Nagasawa, Maurizio Nannucci e Daniel Buren sono presenti nel parco e nel giardino di Villa La Màgia.
Villa la Costaglia
  • 2 Villa la Costaglia, via Fiorentina ll Tr., 148.. Costruita agli inizi del XVII secolo per la famiglia Lenzoni-Medici, che ne è ancora oggi proprietaria, è situata al centro di un parco secolare di 3 ettari e una zona agricola per la produzione di vino e olio. La villa vera e propria, accessibile da un viale fiancheggiato da pini, ha una forma a "U", con al centro un cortile, che è in asse con un giardino all'italiana dotato di fontana e siepi geometriche. Altri edifici sono la limonaia, oggi usata anche come rimessa, e un casolare. Il parco invece ha una forma all'inglese, dove si trova anche una cappellina con le tombe di famiglia.


Eventi e feste[modifica]

  • Monumento ai caduti, Piazza Risorgimento
    Settembre Quarratino (Festa patronale). Simple icon time.svg Settembre. Ogni anno in coincidenza con la festa del patrono comunale, il Settembre Quarratino, manifestazione che include varie iniziative, tra cui concerti, luna park, mercati, sport e tanto altro. Il giorno più importante di tutto il settembre quarratino è il primo martedì del mese, festa del patrono, nel quale si svolge l'antica fiera del bestiame al mattino, la fiera del gusto, con prodotti tipici locali, al pomeriggio, il concerto della Filarmonica G. Verdi di Quarrata alla sera, e per concludere la serata lo spettacolo pirotecnico alla mezzanotte. Una serata viene dedicata ad artisti di fama nazionale e internazionale, negli anni per il concertone si sono succeduti nel palco centrale di Piazza Risorgimento artisti come: Edoardo Bennato, Cristiano De André, Niccolò Fabi, Alberto Fortis, Simone Cristicchi, Nada, Eugenio Finardi, Paola Turci e Ron. Mentre un'altra serata è dedicata al ballo liscio con, sul palco, artisti come: Orchestra Castellina Pasi, Orchestra Casadei, Roberto Polisano Band, Matteo Tarantino.

Mercati[modifica]

  • Mercato settimanale, Piazza Risorgimento (In centro città, nell'area ex Lenzi). Simple icon time.svg Sabato mattina. Numerosi banchi di differenti settori merceologici animano il mercato fra cui spiccano l'abbigliamento e gli articoli per la casa.
  • Mercato di Campagna Amica, Piazza Risorgimento. Simple icon time.svg Giovedì mattina. Il mercato sperimentale dei produttori è stato realizzato grazie all'accordo con Coldiretti e l'Associazione "Agrimercato" di Pistoia, ha trovato una forte partecipazione da parte dei cittadini ed è diventato un appuntamento settimanale. La decisione di offrire il mercato biologico e di "filiera corta", in cui i produttori agricoli locali vendono i propri prodotti freschi e di stagione, è frutto della voglia di potenziare un'economia diversa nella quale gli operatori dell'agricoltura non vengano schiacciati dal sistema della grande distribuzione. Il fine è quello di accorciare la filiera d'acquisto, eliminando così i canali intermedi, per riuscire a garantire freschezza e convenienza dei prodotti.
  • Mercatino dell'antiquariato, Piazza Risorgimento. Simple icon time.svg Terza domenica del mese. Il mercato dell'antiquariato è un appuntamento caro a tutti gli appassionati di collezionismo, di antiquariato e modernariato. Le produzioni tipiche locali di imbottiti, tappezzeria, biancheria e ricamo, che caratterizzano per qualità l'artigianato quarratino da quasi un secolo, trovano qui un posto che esalta la loro storia e riportando vitalità al nostro passato.

Eventi vari[modifica]

  • Marcia per la Giustizia. Simple icon time.svg Secondo sabato di settembre. Organizzata dal 1994 dalla Rete Radie' Resh di Quarrata. Inizialmente la partenza era situata nella frazione di Vignole; in seguito, con l'ingrandirsi dell'evento, fu deciso di spostarla nel limitrofo comune di Agliana. Hanno partecipato a questa marcia importanti personaggi come il missionario comboniano Alex Zanotelli, l'ex presidente del Brasile Luiz Inácio da Silva detto Lula, il comico Beppe Grillo, Luigi Ciotti presidente di Libera, Cécile Kyenge ex ministro italiano, la teologa Antonietta Potente, il segretario generale di Fiom e CGIL Maurizio Landini, alcuni sindaci di città italiane come Renato Accorinti, ed altri personaggi di rilievo politico e umanitario.
  • Processione pasquale. Simple icon time.svg Ogni tre anni, durante il Venerdì Santo. Si svolge per la città una solenne processione in costume, che rievoca la passione di Gesù.
  • Palio dei Rioni di Quarrata. Simple icon time.svg D'estate. Evento sportivo che coinvolge tutte le frazioni del Comune, che si sfidano in competizioni di calcio a 11, beach soccer, basket, beach volley, podismo e ciclismo.
  • Quarrata Folk Festival. Simple icon time.svg Fine di giugno. Una rassegna musicale di tre giorni nella Villa La Magia, e che prevede concerti e visite guidate al complesso monumentale della villa e al bosco. Al festival hanno partecipato artisti di fama internazionale come Hevia, Fanfara Tirana, Ginevra Di Marco, Canzoniere Grecanico Salentino, Riccardo Tesi, Lucilla Galeazzi, Orchestra popolare Notte della Taranta ecc.


Cosa fare[modifica]


Acquisti[modifica]

La principale attività produttiva è data dal comparto del mobile, a Quarrata descritta come "città del mobile", si trovano molte importanti aziende produttrici del mobile di alta qualità. Tra i prodotti tipici, si trova il Chianti Montalbano DOCG, l'olio IGT del Montalbano, e un importante produttore di cioccolato artigianale di qualità.

Come divertirsi[modifica]


Dove mangiare[modifica]


Dove alloggiare[modifica]


Sicurezza[modifica]


Come restare in contatto[modifica]


Nei dintorni[modifica]

  • La Querciola — Area naturale protetta di interesse locale, nel Comune di Quarrata collocata al centro dell’area metropolitana di Firenze, Prato e Pistoia. Zona umida che ha mantenuto il proprio carattere rurale nonostante la forte urbanizzazione di ogno zona circostante. Tra grandi prati e lo storico reticolo di fossi si trovano due laghi: il Lago di Zela, il Lago di Bigiana che costituiscono un habitat eccezionali per numerose specie di uccelli acquatici e non come gli aironi rossi e cinerini, il falco della palude, la gallinella d’acqua, il cavaliere d’Italia, il martin pescatore, la civetta, upupa. Percorsi pedonali favoriscono l’osservazione dell’avifauna soprattutto dai due capanni di osservazione.
Al suo interno si trova la Casa di Zela, donata al Comune dalla famiglia Banchelli, che ne ha curato il recupero mantenendone le caratteristiche originarie ospita una collezione ricchissima di testimonianze degli antichi mestieri e della civiltà contadina a disposizione dal collezionista Ernesto Franchi. La Casa di Zela ha di un’aula didattica nella quale si svolgono convegni e corsi ed una foresteria con circa 20 posti letto.
  • Il Montalbano — Il Montalbano circonda Quarrata in una cornice possente e maestosa ricca di testimonianze di un lontano passato, di una lunga storia legata ad eventi ed alle attività della sua gente. Borghi storici, boschi di querce e castagni interrompono il paesaggio terrazzato di vigne ed olivi, colture di grande tradizione e grande qualità. In questo paesaggio si può praticare trekking e cicloturismo nei tanti sentieri che si snodano in questa collina. Percorsi nei boschi o nel fitto reticolo di strade che collegano i tanti paesi che animano ancora questa terra. Negli ultimi anni molte strutture di ospitalità hanno avviato attività sulle colline riscoprendo le antiche tradizioni culinarie ed i prodotti tipici di questa zona.

Itinerari[modifica]


Altri progetti

1-4 star.svg Bozza: l'articolo rispetta il template standard contiene informazioni utili a un turista e dà un'informazione sommaria sulla meta turistica. Intestazione e piè pagina sono correttamente compilati.