Scarica il file GPX di questo articolo

Da Wikivoyage.
Tematiche turistiche > Destinazioni a tema > Patrimoni mondiali dell'umanità > Patrimoni mondiali dell'umanità in Bahrein

Patrimoni mondiali dell'umanità in Bahrein

Jump to navigation Jump to search

Questa è la lista dei Patrimoni mondiali dell'umanità presenti in Bahrein al 2019.

Introduzione[modifica]

Logo UNESCO
Bandiera nazionale

Il Bahrein ha accettato la Convenzione UNESCO per i Beni dell'Umanità il 28 maggio 1991.

Lista dei patrimoni dell'umanità[modifica]

Sito Anno Tipo Criteri Descrizione Immagine
1 Sito archeologico di Qal'at al-Bahrain 2005 Culturale (ii)(iii)(iv) Il sito è un tipico tell, ossia, una collinetta artificiale creata da molti strati successivi di occupazione umana. Questi strati 300×600 m testimoniano la continua presenza umana da circa il 2300 a.C. fino al XVI secolo d.C. Circa il 25% del sito è stato scavato, rivelando strutture di diverse tipologie: residenziale, pubblico, commerciale, religioso e militare. Essi testimoniano l'importanza del sito, un porto commerciale, nel corso dei secoli. Sulla parte superiore del tumulo alto 12 m, si trova l'imponente fortezza portoghese, che ha dato il suo nome a tutto il sito, Qal'a (forte). Il sito era la capitale del Dilmun, una delle più importanti civiltà antiche della regione. Esso contiene i più ricchi resti inventariati di questa civiltà, che è stata conosciuta finora solo attraverso i riferimenti sumeri scritti. Bahrain Fort 8.jpg
2 La raccolta delle perle, testimonianza dell'economia di un'isola 2012 Culturale (iii) Il sito si compone di diciassette edifici in Al Muharraq, tre strutture per l'allevamento delle ostriche al largo, parte del litorale e la fortezza Qal'at Bu Mahir sulla punta meridionale dell'isola di Muharraq, da dove le barche sono solite per raccogliere le ostriche. Gli edifici storici includono residenze dei ricchi mercanti, negozi, magazzini e una moschea. Il sito è l'ultimo completo esempio rimasto della tradizione culturale della raccolta di perle e della ricchezza ha generato in un momento in cui il commercio ha dominato l'economia del Golfo (dal II secolo al 1930, quando il Giappone ha sviluppato la coltivazione di perle). Essa costituisce anche un esempio eccezionale del tradizionale utilizzo delle risorse del mare e l'interazione umana con l'ambiente, che forma sia l'economia e l'identità culturale della società dell'isola. Isa Bin Ali House.jpg
3 Tumuli sepolcrali della cultura Dilmun 2019 Culturale (iii)(iv) I tumuli di sepoltura di Dilmun, costruiti tra il 2050 e il 1750 a.C., si estendono su 21 siti archeologici nella parte occidentale dell'isola. Sei di questi siti sono campi di tumuli costituiti da poche decine a diverse migliaia di tumuli. In tutto ci sono circa 11.774 tumuli, originariamente sotto forma di torri cilindriche basse. Gli altri 15 siti includono 17 tumuli reali, costruiti come torri sepolcrali a due piani. I tumuli sono la testimonianza della prima civiltà Dilmun, intorno al II millennio a.C., durante la quale il Bahrein divenne un centro commerciale la cui prosperità consentì agli abitanti di sviluppare un'elaborata tradizione funeraria applicabile a tutta la popolazione. Queste tombe illustrano caratteristiche uniche a livello globale, non solo in termini di numero, densità e scala, ma anche in termini di dettagli come le camere di sepoltura dotate di nicchie. A'ali Burial Mounds.jpg
Legenda Unesco
(i) Rappresentare un capolavoro del genio creativo dell'uomo.
(ii) Mostrare un importante interscambio di valori umani in un lungo arco temporale o all’interno di un'area culturale del mondo, sugli sviluppi dell'architettura, nella tecnologia, nelle arti monumentali, nella pianificazione urbana e nel disegno del paesaggio.
(iii) Essere testimonianza unica o eccezionale di una tradizione culturale o di una civiltà vivente o scomparsa.
(iv) Costituire un esempio straordinario di una tipologia edilizia, di un insieme architettonico o tecnologico o di un paesaggio che illustri uno o più importanti fasi nella storia umana.
(v) Essere un esempio eccezionale di un insediamento umano tradizionale, dell’utilizzo di risorse territoriali o marine, rappresentativo di una cultura (o più culture) o dell’interazione dell’uomo con l’ambiente, soprattutto quando lo stesso è divenuto per effetto delle trasformazioni irreversibili.
(vi) Essere direttamente o materialmente associati con avvenimenti o tradizioni viventi, idee o credenze, opere artistiche o letterarie dotate di un significato universale eccezionale.
(vii) Presentare fenomeni naturali eccezionali o aree di eccezionale bellezza naturale o importanza estetica.
(viii) Costituire una testimonianza straordinaria dei principali periodi dell’evoluzione della terra, comprese testimonianze di vita, di processi geologici in atto nello sviluppo delle caratteristiche fisiche della superficie terrestre o di caratteristiche geomorfiche o fisiografiche significative.
(ix) Costituire esempi significativi di importanti processi ecologici e biologici in atto nell’evoluzione e nello sviluppo di ecosistemi e di ambienti vegetali e animali terrestri, di acqua dolce, costieri e marini.
(x) Presentare gli habitat naturali più importanti e significativi, adatti per la conservazione in situ della diversità biologica, compresi quelli in cui sopravvivono specie minacciate di eccezionale valore universale dal punto di vista della scienza o della conservazione.

Altri progetti