Scarica il file GPX di questo articolo

Asia > Asia del Sud > Bhutan > Bhutan occidentale > Paro (Bhutan)

Paro (Bhutan)

Da Wikivoyage.
Jump to navigation Jump to search

Paro
སྤ་རོ་
Dzong di Paro
Stato
Prefisso tel
Fuso orario
Posizione
Mapap del Bhutan
Paro (Bhutan)
Paro

Paro (སྤ་རོ་) è una città del Bhutan occidentale.

Da sapere[modifica]

Paro, dalle case linde e coloratissime, sembra uscita da un mondo fiabesco; inoltre vi si trovano i più grandi e spettacolari dzong del regno, simbolo dell'architettura bhutanese. È una città storica con molti siti sacri ed edifici storici sparsi nella sua area. Inoltre, la valle di Paro è ampia e verdeggiante ed è riconosciuta come una delle più belle di tutto il Bhutan. Paro tipicamente viene scelta dagli appassionati della natura che vogliono trascorrere un periodo tranquillo e pacifico. Tuttavia, a parte la strada principale (che è costruita con strutture tradizionali in legno), l'area del bazar è un miscuglio anonimo di edifici in cemento che è totalmente privo di fascino e carattere. Insieme a Jakar e Punakha, Paro forma il "triangolo d'oro" delle destinazioni turistiche più popolari del Bhutan.

Molte scene del film Piccolo Buddha di Bernardo Bertolucci furono ambientate nel Rinpung Dzong, il principale dzong della città.

L'ottima posizione sui nodi stradali nazionali ha reso Paro il più grosso ed importante centro commerciale del Bhutan.

Veduta aerea di Paro

Cenni geografici[modifica]

Paro si trova ad est del monte Jomolhari, la montagna sacra per i bhutanesi.

Cenni storici[modifica]

Rinpung Dzong un monastero-fortezza che domina la valle Paro ha una lunga storia. All'inizio del X secolo un monastero fu inizialmente costruito sul sito da Padma Sambhava, ma fu solo nel 1644 che Ngawang Namgyal costruì un monastero più grande sulle vecchie fondamenta; per secoli questo imponente edificio di cinque piani è servito da difesa efficace contro numerosi tentativi di invasione da parte dei tibetani.

Costruito con pietre invece di argilla, lo Dzong fu chiamato Rinpung, che significa "cumuli di gioielli", ma Rinpung e tutti i suoi tesori furono distrutti dall'incendio nel 1907. Fu salvato solo un thangka, noto come Thongdel. Lo dzong di Paro è stato ricostruito dal Penlop Dawa Penjor dopo l'incendio. Ospitata all'interno delle sue mura c'è una collezione di maschere e costumi sacri. Alcuni risalgono a diversi secoli fa; altri sono stati conferiti da Dawa Penjor e dal suo successore Penlop Tshering Penjor negli ultimi tempi.

Sulla collina sopra il dzong si trova un'antica torre di avvistamento chiamata Ta Dzong che dal 1967 è stata il Museo nazionale del Bhutan. Attraverso un ponte medievale sotto lo dzong si trova il Palazzo Ugyen Pelri, una residenza reale costruita dal penlop Tshering Penjor.

Come orientarsi[modifica]

Strada cittadina
Uno scorcio della strada principale

Lungo la strada principale c'è un complesso di architettura tradizionale con edifici riccamente decorati che ospitano piccoli negozi, istituzioni e ristoranti.

Come arrivare[modifica]

In aereo[modifica]

Paro vanta l'unico 1 aeroporto internazionale (IATA: PBH) del Paese, situato in una valle profonda. Druk Air (Royal Bhutan Airlines) è la principale compagnia aerea che serve l'aeroporto e offre voli da e per Bangkok, Delhi, Dacca, Kathmandu e Calcutta. Bhutan Airlines invece serve Paro da Kathmandu, Delhi e Calcutta.

L'aeroporto di Paro è stato descritto come "uno degli aeroporti commerciali più impervi del mondo". L'aeroporto ha una sola pista. Gli aeroplani in avvicinamento sovrastano di 5.500 m le vette himalayane e la lunghezza della pista di 1.980 m rappresenta una doppia sfida. Di conseguenza, solo una manciata di piloti di linea aerea (8 a dicembre 2014) sono certificati per operare qua gli aeroplani commerciali. Ogni anno arrivano all'aeroporto circa 30.000 persone.

In auto[modifica]

Si può noleggiare un taxi da Thimphu e raggiungere Paro in circa 45 minuti. Il tragitto di 30 km è molto piacevole, poiché le strade continuano a dipanarsi ad ogni curva.


Come spostarsi[modifica]

In taxi[modifica]

I taxi sono disponibili per il noleggio all'interno del bazar principale.

In auto[modifica]

Poiché i principali siti turistici di Paro sono sparsi in tutta la valle, è necessario un veicolo per spostarsi.

Cosa vedere[modifica]

Monastero di Taktsang
Dzong di Drukgyel
  • 1 Monastero di Taktsang (Tana della Tigre). Precariamente arroccato sul bordo di una rupe di 1.200 metri, questo monastero crea uno spettacolo impressionante ed è il simbolo non ufficiale del Bhutan. Si tratta di un'escursione da 2/3 ore, totalmente in salita, dal parcheggio al monastero, anche se c'è un bar situato sul crinale di fronte al Taktsang (circa 90 minuti a piedi) che offre un'opportunità gradita per riposarsi e acquistare spuntini. Taktsang fu stabilito come luogo sacro per la meditazione da Guru Rinpoche che visitò il sito durante la sua seconda visita in Bhutan nel 747 d.C., anche se il primo monastero non fu costruito fino al 1694. Nel 1998 un tragico incendio distrusse la maggior parte degli edifici originali, ma questi da allora sono stati faticosamente riportati al loro antico splendore.
  • 2 Museo nazionale del Bhutan. Situato in un'antica torre di guardia (che già di per sé è un pezzo da museo) sopra lo dzong, il museo espone manufatti della storia del Bhutan, nonché esempi indigeni di flora e fauna.
  • 3 Rinpung Dzong (Dzong di Paro). Costruito nel 1646.
  • 4 Drukgyel Dzong. Questo dzong fu costruito nel XVI secolo per commemorare una vittoria sulle forze invasori tibetane. La fortezza oggi giace in rovina, le intemperie e un incendio negli anni intorno al 1950 hanno danneggiato al sito. Drukyel dzong è a circa 15 km da Paro.
  • Drakhapo (Sopra Shaba, tenendo la scuola di Shaba a destra, seguendo poi la strada sterrata fino alla fine. Il complesso è a cinque minuti a piedi da qui). Drakhapo è un complesso monastico arroccato su una rupe. Guru Rinpoche trascorse due mesi qui dopo aver completato un ritiro nella vicina Taktsang e durante il suo soggiorno mise molti tesori (terma) nella rupe. L'area ha anche diverse impronte di mani e piedi incastonate nella roccia.
  • Kichu Lhakang (Si trova appena fuori strada tra Paro bazar e Taktsang). È uno dei 108 monasteri che si dice siano stati miracolosamente costruiti dal re Songten Gampo in una notte.
  • Jangsarbu Lhakhang (Situato dietro lo Dzong di Paro). Questo piccolo tempio dall'aspetto insignificante è sede di una magnifica statua del Buddha Sakyamuni portata da Lhasa e che ospita anche la divinità protettrice di Paro. La leggenda narra che la statua di Sakyamuni fosse destinata allo Dzong di Paro e che fosse semplicemente collocata nel tempio per la custodia durante la notte. Tuttavia, quando arrivò il momento di spostare la statua, si dimostrò impossibile sollevarlo. Di conseguenza, divenne una caratteristica permanente del Lhakhang.


Eventi e feste[modifica]

  • Paro Tsechu. Simple icon time.svg Intorno a febbraio-marzo. Festival religioso.


Cosa fare[modifica]

  • Trek al monastero di Taktsang. Camminata di tre ore fino al monastero situato in cima a una rupe verticale. Il percorso è abbastanza intuitivo una volta raggiunto il punto di partenza, inoltre ci sono molte persone che vanno/tornano dallo stesso. Il trekking ti porta attraverso aree boschive verdissime e punti molto panoramici. Parlare con coloro che fanno lo stesso percorso, specialmente i locali e i lama (monaci), è un ottimo modo per conoscere, comprendere e assorbire la loro bella cultura. C'è una caffetteria a circa metà strada, nel caso si abbia bisogno di un rinfresco o un pasto un po' costoso ma gustoso.
  • 1 Freccette. È possibile guardare la gente del posto giocare e praticare un diverso tipo di gioco di freccette durante le serate sulla riva del fiume vicino all'ufficio Bhutan Telecom.


Acquisti[modifica]

Negozi a Paro
  • Kiras. L'elegante abito tradizionale composto da un panno avvolto intorno come una gonna con una giacca per la parte superiore indossata dalle donne bhutanesi. I kira sono molto più economici nei negozi che sono "negozi generali", dato che è qui dove la gente del posto va a far compere.
  • Souvenir. La città è costellata di negozi di souvenir. Si consiglia la contrattazione, soprattutto se si acquistano articoli di valore superiore a 400 Nu.


Come divertirsi[modifica]

Locali notturni[modifica]

  • Champaca Café, Main Street, +975 77212057. Un caffè rilassante situato in una tradizionale casa bhutanese. Ottimo caffè e pasticcini.
  • Zhiwa Ling Hotel. Ha un bel bar che serve liquori occidentali di prim'ordine e birre internazionali. Inoltre, l'hotel dispone di una discoteca al piano terra.


Dove mangiare[modifica]

Prezzi modici[modifica]

  • Hotel Peljorling (Vicino alla torre dell'orologio), +975 8 271-365. Ottima cucina locale e indiana a prezzi ragionevoli.
  • Hotel First Floor (Al bazaar principale). Piatti bhutanesi semplici, senza fronzoli e grandi porzioni a prezzi ragionevoli.
  • Hotel Tandin, +975 8-272016. Contattarli per gli gnocchi freschi (momo), piatti bhutanesi, noodle. Prezzo ragionevole.

Prezzi medi[modifica]

  • Sonam Trophel Restaurant (Sulla strada principale), +975 8 28287, +975 17602292. Non è un ristorante molto grande, ma uno dei migliori in città. Si consiglia di chiamare e prenotare in anticipo. Alcuni piatti consigliati (che non sono sul menu ma possono essere ordinati) sono patate allo zenzero, curry di zucca e momo di pollo marinato.


Dove alloggiare[modifica]

Monaci a Paro durante lo tshechu

Prezzi modici[modifica]

  • Sonam Trophel Hotel (Situato nel cuore della città). L'hotel è un punto di riferimento familiare e distintivo, architettura tradizionale e dipinti in legno, a parte la conformità di vetro e cemento degli altri hotel. Ci sono 10 camere di cui 2 suite di lusso. Le camere sono dotate di comfort moderni di base tra cui ampi bagni annessi con acqua corrente calda/fredda, TV a colori con canali satellitari, linea diretta STD/ISD, lavanderia. Sono disponibili anche la connettività WiFi e parcheggio.

Prezzi medi[modifica]

  • Hotel KK. Belle camere ma servizio estremamente lento nel cibo e personale scortese.
  • Hotel Jor-yangz (Sulla collina sopra l'aeroporto). Belle camere con alcune di loro con una splendida vista sulla valle Paro, un servizio efficiente.
  • Hotel Holiday Inn (Situato vicino alla fine del complesso aeroportuale), +975 8 272-101, @ . Un hotel col solo piano terra comodo per l'aeroporto e vicino alla città principale. Servizio cordiale ed efficiente. Camere piacevoli

Prezzi elevati[modifica]


Sicurezza[modifica]


Come restare in contatto[modifica]

Internet[modifica]

Ci sono un paio di internet cafè nel bazar principale. Il più comodo è sulla strada dietro la piazza principale, vicino alla panetteria. Tuttavia, le connessioni Internet a Paro sono notoriamente lente quindi preparatevi ad un'attesa molto lunga.

Nei dintorni[modifica]



Altri progetti

1-4 star.svg Bozza: l'articolo rispetta il template standard contiene informazioni utili a un turista e dà un'informazione sommaria sulla meta turistica. Intestazione e piè pagina sono correttamente compilati.