Scarica il file GPX di questo articolo

Da Wikivoyage.
Jump to navigation Jump to search

Bardejov
Piazza principale
Stemma
Bardejov - Stemma
Stato
Regione
Territorio
Altitudine
Superficie
Abitanti
Prefisso tel
CAP
Fuso orario
Posizione
Mappa della Slovacchia
Bardejov
Bardejov
Sito istituzionale

Bardejov è una città della Slovacchia orientale situata nella regione di Šariš .

Da sapere[modifica]

Bardejov è una città termale, citata la prima volta nel 1241. Vanta numerosi monumenti e palazzi entro i limiti del suo centro storico, in perfetto stato di conservazione e inseriti nel novembre del 2000 nella lista UNESCO dei Patrimoni dell'umanità.

Cenni storici[modifica]

Il territorio dell'odierna Bardejov ha attirato coloni fin dall'età della Pietra. Il primo scritto che parla della città risale al 1240. In quel periodo era già stata eretta un'importante chiesa dedicata a Sant'Egidio. La città venne fortificata nel XIV secolo, e divenne un nodo commerciale con la Polonia. Oltre 50 corporazioni controllavano la fiorente economia cittadina. Bardejov si guadagnò lo status di città reale nel 1376, ed in seguito divenne libera città imperiale. L'età d'oro di Bardejov terminò nel sedicesimo secolo, quando molte guerre, pandemie e altre catastrofi colpirono lo stato.

La prima menzione scritta della città risale al 1247, quando i monaci di Bardejov si lamentarono con re Béla IV per una violazione dei confini della città da parte di coloni di lingua tedesca provenienti dalla vicina città di Prešov.

Nel 1320, il re Carlo Roberto d'Angiò estese ai coloni i privilegi della cittadinanza e Bardejov iniziò a crescere rapidamente. Bardejov era un centro commerciale di una certa importanza trovandosi sulla strada dal Mar Nero al Mar Baltico. Nel 1352 la città ottenne il privilegio di allestire il 1 settembre una fiera annuale (jarmok) dedicata a Sant'Egidio. L'atto menziona l'ordine di re Luigi I di erigere mura per la difesa della città. Furono innalzati bastioni nei punti strategici e furono aperte tre porte.

Nel 1376 il re Ladislao I concesse a Bardejov lo statuto di città libera. Oltre 50 corporazioni controllavano una fiorente economia. Sigismondo del Lussemburgo concede il diritto ai mercanti di Bardejov erano anche liberi di viaggiare in tutto il paese fino alla Dalmazia senza pagare dazi o tasse. Una seconda fase di fortificazione ebbe luogo tra il 1420 e il 1474.

Nel XV secolo, Bardejov era una città vivace con una grande crescita economica. Contava circa 500 case e 3.000 abitanti. L'attività più importante era la produzione e la vendita di lino del quale la città aveva il monopolio. All'epoca, nell'attuale territorio della Slovacchia, solo Bratislava, Košice e Levoča avevano più artigiani e corporazioni di Bardejov. La città prosperò e acquisì vigneti nella regione di Tokaj. Furono costruiti il monastero e la chiesa dell'ordine agostiniano. Alla fine del 15° secolo, la città perse il monopolio del lino e il commercio si deteriorò gradualmente.

All'inizio del XVI secolo, la città istituì una scuola latina dove insegnò l'umanista Leonard Stockel (soprannominato il Maestro d'Ungheria), un discepolo di Martin Lutero. Riforma e l'umanesimo fecero molti proseliti non solo tra la popolazione di lingua tedesca, ma anche tra gli slovacchi. Nel 1581 la tipografia di Gutgesell stampò il catechismo di Lutero in lingua ceca.

L'inizio del XVI secolo vide un ulteriore sviluppo: il municipio fu ricostruito e fu avviata la fase finale dei lavori di fortificazione, con l'ammodernamento dei bastioni e lo scavo di un fossato. Tuttavia i disordini nell'ex Regno di Ungheria nella prima metà del XVI secolo portarono Bardejov in un periodo di recessione. Guerre, epidemie e altre calamità colpirono il paese. Le azioni dell'esercito dell'imperatore contro le forze armate ribelli anti-asburgiche del Regno di Ungheria tra il 1671 e il 1711 ebbero un effetto negativo sulla prosperità della città. Bardejov fu saccheggiata e la peste del 1710 rese la situazione ancora più critica. Le popolazioni tedesche e ungheresi, decimate dalla guerra e dalla peste, furono lentamente sostituite da una popolazione slovacca.

Dal primo quarto del 18° secolo, la situazione iniziò a migliorare. Slovacchi ed ebrei chassidici affluirono a Bardejov in gran numero. Alla fine del secolo, la popolazione della città era ritornata ai livelli del XVI secolo. Le case borghesi furono ricostruite o modificate secondo la moda architettonica del momento. Furono costruiti un quartiere ebraico con una sinagoga, nuove chiese e ponti.

Nonostante gli incendi nell'ultimo quarto del XIX secolo, la città continuò a prosperare, grazie a importanti progetti di industrializzazione della regione. Nel 1893 fu inaugurata la ferrovia per Prešov. Un ulteriore declino ebbe luogo dopo la creazione della prima Repubblica cecoslovacca. La seconda guerra mondiale ha visto un peggioramento della situazione economica, ma pochi danni diretti dalla guerra. Bardejov fu liberata dalle truppe sovietiche il 20 gennaio 1945.

Nel 1950 il centro storico di Bardejov fu protetto e iniziò un restauro del suo patrimonio culturale. Il 20 novembre 2000, il centro storico e il quartiere ebraica di Bardejov sono stati riconosciuti dall'UNESCO Patrimoni mondiali dell'Umanità.

Come orientarsi[modifica]


Come arrivare[modifica]

In aereo[modifica]

Gli aeroporti più vicini sono quelli di Košice e Rzeszów in Polonia.

In treno[modifica]

  • 1 Stazione ŽSR. La stazione è al capolinea di un tronco ferroviario proveniente da Prešov. Il treno percorre il tragitto abbastanza lentamente, infatti percorre i circa 45 km di percorso in poco più di un'ora, ma il paesaggio è suggestivo. La frequenza dei treni è ogni due ore.

In autobus[modifica]


Come spostarsi[modifica]

Mappa turistica di Bardejov

Il centro della città è relativamente piccolo e per lo più pedonale. I visitatori di passaggio o che si fermano a Bardejov solo per pochi giorni non dovrebbero aver bisogno di alcun mezzo di trasporto se non delle proprie gambe. Fanno eccezione le terme (Bardejovké kupele) situate a 5 km a nord del centro, raggiungibili grazie alla rete di autobus urbani.

Le 10 linee numerate da 1 a 12 (non ci sono le linee 5 e 11) hanno una frequenza molto variabile: alcune linee hanno un bus all'ora altre anche 3 per ora. Le linee 1, 2, 7, 8, 10 e 12 hanno come capolinea Bardejovké kupele. Le linee 1 e 12 sono quelle con una frequenza più alta.

Coloro che volessero raggiungere le terme a piedi non devono fare altro che seguire il sentiero segnato con i cartelli rossi Stripe-marked trail red dalla stazione. Il tragitto di circa 5 km si percorre in circa 1 ora e 20 minuti.

Cosa vedere[modifica]

  • 1 Chiesa monumentale di Sant'Egidio. Si tratta di una basilica composta da tre navate e numerose cappelle, e completata nel XV secolo. Contiene undici altari in stile gotico dipinti.
  • 2 Radničné námestie. La piazza centrale, che in passato fu un mercato medievale, è ora circondata da case in stile gotico e rinascimentale. Uno degli edifici più importanti è il municipio, costruito nel 1505.
  • 3 Municipio. La parte inferiore del palazzo, costruito nel 1505, venne eretta in stile gotico, mentre quella superiore è rinascimentale.


Eventi e feste[modifica]


Cosa fare[modifica]

Le terme di Bardejovké kupele


Acquisti[modifica]


Come divertirsi[modifica]


Dove mangiare[modifica]


Dove alloggiare[modifica]


Sicurezza[modifica]


Come restare in contatto[modifica]


Nei dintorni[modifica]


Altri progetti

  • Collabora a Wikipedia Wikipedia contiene una voce riguardante Bardejov
  • Collabora a Commons Commons contiene immagini o altri file su Bardejov
1-4 star.svg Bozza: l'articolo rispetta il template standard contiene informazioni utili a un turista e dà un'informazione sommaria sulla meta turistica. Intestazione e piè pagina sono correttamente compilati.