Scarica il file GPX di questo articolo

Europa > Italia > Italia nordoccidentale > Lombardia > Pianura padana lombarda > Alto Mantovano > Acquanegra sul Chiese

Acquanegra sul Chiese

Da Wikivoyage.
Jump to navigation Jump to search
Acquanegra sul Chiese
Acquanegra sul Chiese - Basilica di San Tommaso
Stato
Regione
Territorio
Altitudine
Superficie
Abitanti
Nome abitanti
Prefisso tel
CAP
Fuso orario
Patrono
Sito istituzionale

Acquanegra sul Chiese è un centro della Lombardia.

Da sapere[modifica]

Cenni geografici[modifica]

Nella fertile plaga padana a nord dell'Oglio, vicino al Chiese, Acquanegra dista 7 km da Asola, 18 da Castel Goffredo, 25 da Casalmaggiore, 31 da Mantova, 37 da Cremona, 50 da Parma.

Cenni storici[modifica]

Il territorio ha dato reperti di insediamenti preistorici, a cui seguirono insediamenti romani, epoca in cui si formò il primo nucleo organizzato. La zona tuttavia, acquitrinosa e malsana, non consentiva un grande sviluppo abitativo fino a quando l'arrivo dei monaci benedettini diede il via ai lavori di risanamento del territorio che venne gradualmente strappato alle acque che furono regolate e irregimentate.

La bonifica regalò fertili terreni allo sfruttamento agricolo; i benedettini arricchirono ed ampliarono il convento (non più esistente) che divenne assieme a quelli di Leno e di San Benedetto Po uno dei più potenti e ricchi della zona centro padana. Rimane l'abbazia di San Tommaso, pur profondamente trasformata, a testimoniare l'importanza dell'insediamento monastico.

Nell'alto medioevo il borgo era libero comune e si opponeva alle rivendicazioni di possesso del Sacro romano impero. Una tradizione afferma che nella chiesa di San Zenone di Mosio, ora frazione di Acquanegra, sia stata creata la seconda lega dei comuni lombardi; altri collocano invece l'avvenimento in un centro del veronese.

Nel Duecento passò sotto la giurisdizione di Brescia per divenire poi nel Quattrocento dominio dei Gonzaga, famiglia della quale seguì il destino. Incorporata nel Lombardo Veneto, confluì infine nel regno d'Italia.

Come orientarsi[modifica]

Quartieri[modifica]

Il suo territorio comunale comprende anche il paese di Mosio.

Come arrivare[modifica]

Italian traffic signs - direzione bianco.svg Sono aeroporti lombardi:

L'area è interessata anche dagli scali di:

In auto[modifica]

I caselli autostradali più vicini sono quelli di

Avviso di viaggio! ATTENZIONE: Per chi proviene da Brescia e Verona raggiungendo Acquanegra sul Chiese fare attenzione! Il ponte in ferro sul fiume Oglio è stretto e con portata limitata a 3,5 Ton.
  • Strada Statale 343 Italia.svg Si trova sulla ex strada statale 343 Asolana Brescia - Parma

In treno[modifica]


Come spostarsi[modifica]


Cosa vedere[modifica]

Interno di San Tommaso apostolo
  • 1 Chiesa di San Tommaso Apostolo. L'edificio è una chiesa monastica romanica. Buona parte dei muri perimetrali sono originali, ma la facciata, le cappelle laterali, il campanile e la zona absidale sono frutto di rielaborazioni successive. La chiesa, pertanto, presenta un interno e un esterno particolarmente modificati rispetto alla facies dell'epoca di costruzione. I muri esterni conservano interventi di opus spicatum.
Alcuni elementi esterni sono stati confrontati con le chiese di S. Fiorentino a Nuvolato Quistello, di S. Lorenzo a Pegognaga, di S. Benedetto a Gonzaga; pertanto l'edificio romanico di Acquanegra potrebbe essere vicino a quella serie di luoghi di culto romanici mantovani, nati durante la stagione della Riforma gregoriana del Papa Gregorio VII sostenuta da Matilde di Canossa – fine XI – inizio XII secolo -.
L'interno è a croce latina a tre navate, con un transetto sporgente. Le attuali volte però, costruite successivamente, impediscono la lettura dell'ambiente nel suo aspetto antico. Il tetto molto probabilmente era a capriate decorate, con mensole d'appoggio, ancora visibili nel sottotetto. La navata centrale comunica con quelle laterali attraverso archi retti da pilastri in cotto, costruiti a sacco, che poggiano su elementi marmorei e sono coronati da capitelli a cubo scantonato. Alla crociera sono poi quattro arconi che si aprono sull'abside, sulla navata e sul transetto; quelli che immettono nel transetto risultano più bassi degli altri. Elementi della cripta sono visibili attraverso l'accesso, collocato a sinistra presso l'unico pilastro poligonale. L'edificio, orientato, per le caratteristiche evidenziate è databile alla fine del secolo XI: una datazione che collima con la documentazione scritta sul monastero.
Il profondo presbiterio e il largo transetto rivelano inoltre la funzione di chiesa per i monaci che San Tommaso ospitava; il complesso abbaziale quasi sicuramente si sviluppava sul lato meridionale dell'attuale edificio.
Affreschi
Le figure rappresentate nella navata sono quarantaquattro; attraverso l'analisi dei nomi scritti accanto ad esse o attraverso l'identificazione dei versetti biblici scritti sui cartigli che esse mostrano, è stato possibile identificare i seguenti personaggi: Malachia, Sofonia, Nahum, Michea, Giuda Maccabeo, Giuditta. Si è inoltre notato che la loro collocazione in serie segue la sequenza dei testi biblici e rappresentano, in ordine, i testi dell'Antico Testamento.
Nella narrazione continua, sopra gli archi della parete sinistra per chi entra è rappresentata la storia del leone di San Girolamo, accusato ingiustamente di aver mangiato un asino ad esso affidato. Sopra gli archi della parete di destra per chi entra è raffigurata la storia di Balaam e l'asina. In controfacciata, è raffigurato il Giudizio universale.
Sull'arco trionfale sono raffigurate molto probabilmente scene tratte dalla Genesi: la creazione di Adamo ed Eva, la cacciata di Adamo ed Eva dal Paradiso Terrestre e il loro lavoro. Sull'arco esterno del presbiterio, il profeta Elia che viene rapito in cielo, e la salita al cielo di Enoc. Non sono identificabili le rappresentazioni sull'arco esterno e sul muro a nord del presbiterio.
Gli affreschi romanici sono ora solo parzialmente visibili: le cadute antiche di intonaco, l'inserimento delle volte, delle finestre, dell'organo e la stesura successiva di intonaco hanno reso frammentario l'insieme. Per tecnica esecutiva e per colori sono divisibili in due cicli: uno più antico, sull'arco trionfale e sull'arco esterno del presbiterio, e un altro immediatamente successivo e comprendente l'aula della navata centrale.
Il primo ciclo è caratterizzato da una tecnica esecutiva a secco, rapida, stesa direttamente sulla parete, senza segni guida, a parte i segni a compasso per le aureole. L'effetto è di grande freschezza, ma la lettura risulta difficile perché gli affreschi sono ormai poco visibili, e non sempre è agevole comprendere l'iconografia. Lo stile però è lombardo, con evidenti arcaismi.
L'altro ciclo della navata della chiesa e della controfacciata è leggermente posteriore. Gli elementi sono propri dello stile lombardo con influssi tedeschi e bizantini.
Sono inoltre stati fatti confronti con gli affreschi della Basilica benedettina di Sant'Angelo in Formis, di S. Pietro e S. Calocero a Civate, del battistero di Concordia Sagittaria, di S. Antonino a Piacenza, del refettorio di Nonantola, di S. Severo a Bardolino e della Parrocchiale di Fossacaprara a Casalmaggiore. I due cicli appaiono comunque riferirsi sempre al codice lombardo, e sono collocabili al primo quarto del secolo XII.
  • 2 Chiesa di San Fortunato. Santuario settecentesco.
  • Palazzo Ricciardelli.
  • Villa Azzini.
  • 3 Municipio.

Siti di interesse ambientale[modifica]

  • Riserva naturale Le Bine. Ecb copyright.svg L'ingresso a Le Bine è possibile tutto l'anno ed è gratuito. La riserva è inserita nel Parco dell'Oglio Sud e si trova a metà strada fra Mantova, Cremona, Parma e Brescia lungo il fiume Oglio ed in particolare tra Calvatone ed Acquanegra sul Chiese. Si sviluppa attorno ad un vasto meandro del fiume Oglio ancora collegato ad esso ma anche con apporti d'acqua sorgentiferi. La parte più importante dal punto di vista naturalistico è quella palustre dove proliferano numerose specie animali tra cui anatre, limicoli, aironi, rapaci, passeriformi, tassi.
  • Parco dell'Oglio Sud — Acquanegra è interessata al Parco dell'Oglio Sud (sede a Calvatone), area regionale protetta. Costituiscono il Parco Oglio Sud le aree fluviali dei territori di Acquanegra sul Chiese • Canneto sull'Oglio • Casalromano • Marcaria • OstianoVolongo sulla sponda sinistra; BozzoloCalvatoneCommessaggioDrizzonaGazzuoloIsola DovaresePessina CremonesePiadenaSan Martino dall'ArgineViadana sulla sponda destra.


Eventi e feste[modifica]


Cosa fare[modifica]


Acquisti[modifica]


Come divertirsi[modifica]


Dove mangiare[modifica]

Prezzi medi[modifica]

  • 1 La Capannina, Via Matteotti, 731 (sulla strada statale asolana), +39 0376 79610.
  • 2 Ristorante pizzeria sport, Via Brunelli, 110, +39 0376 79174.
  • 3 Trattoria Beverara, Strada Beverara, +39 0376 727331.
  • 4 Trattoria Ever Green, Via G. Matteotti, 460, +39 0376 79361.


Dove alloggiare[modifica]

Prezzi medi[modifica]


Sicurezza[modifica]

  • Italian traffic signs - icona farmacia.svg 6 Farmacia Montecchio, Via Canneti, 33, +39 0376 79106.


Come restare in contatto[modifica]

Poste[modifica]


Nei dintorni[modifica]

  • Mantova — Capitale dei Gonzaga, emana ancora il suo sottile fascino di grande città d'arte per la quale la nomina a Patrimonio Mondiale dell'Umanità UNESCO è stata non tanto un riconoscimento, quanto una doverosa presa d'atto. Ineguagliabili le sue atmosfere antiche, i profili dei palazzi e delle cupole che si stagliano nella foschia padana avvolti dallo specchio dei suoi laghi, la sua sterminata reggia gonzaghesca che ingloba numerosi edifici nel centro città.
  • Castel Goffredo — Fu una delle "capitali" dei Gonzaga, al tempo in cui Aloisio Gonzaga fu signore di Castel Goffredo, Castiglione e Solferino. Oggi è conosciuta come "città della calza", per le sue innumerevoli industrie ed è sede del "Distretto industriale tessile numero 6", composto da 15 comuni mantovani, bresciani e cremonesi.
  • Asola — L'imponente cattedrale di Sant'Andrea, il Palazzo Municipale e la Loggia contraddistinguono il suo centro storico di sapore veneziano, retaggio dei 350 anni di appartenenza alla Serenissima, alla quale la città si diede nel 1440.

Itinerari[modifica]

Colline moreniche del lago di Garda
  • Nelle terre dei Gonzaga — Un itinerario attraverso i centri, grandi e piccoli, che furono capitali dei rami Gonzaga cadetti: principati, marchesati, ducati che, all'interno della compagine statale mantovana, godevano di una vera e propria indipendenza, spesso battevano moneta e tenevano corti raffinate che rivaleggiavano con quella mantovana, abbellivano i propri centri urbani dotandoli di eleganti architetture – chiese, piazze, palazzi, mura, torri - e di caratteristici scorci urbani come i tipici portici gonzagheschi.
  • Luoghi della battaglia di Solferino e San Martino — L'itinerario percorre i luoghi nei quali si svolse, il 24 giugno 1859, la storica battaglia di Solferino e San Martino.
  • Riserva naturale Le Bine


Altri progetti

2-4 star.svg Usabile: l'articolo rispetta le caratteristiche di una bozza ma in più contiene abbastanza informazioni per consentire una breve visita alla città. Utilizza correttamente i listing (la giusta tipologia nelle giuste sezioni).