Réunion

Da Wikivoyage.
21° 5' 56" S 55° 28' 44" E
Réunion
Manapany
Localizzazione
Localizzazione
Stemma e Bandiera
Réunion - Stemma
Réunion - Bandiera
In breve
Capitale: Saint-Denis
Governo: Dipartimento francese d'oltremare
Valuta: Euro (EUR)
Superficie: 2.512 km²
Abitanti: 839.500 (2011)
Lingua: Francese
Religione: Cattolicesimo (85%), Induismo (7%), Islam (2%) il resto atei o religioni minori (1995)
Elettricità: 230V/50Hz (presa francese)
Prefisso: +262
TLD: .re
Fuso orario: UTC +4
Sito web: Sito ufficiale del turismo

Réunion o Riunione è un dipartimento francese d'oltremare nell'oceano Indiano.

Introduzione[modifica]

Cenni geografici[modifica]

L'Isola di Riunione è situata tra il Madagascar (circa 400 km ad est) e Mauritius (circa 200 km ad ovest). È un'isola montuosa di origine vulcanica; il punto più alto è il piton des Neiges, con i suoi 3.069 metri.

Quando andare[modifica]

Réunion - Valle di Takamaka

Si distinguono due stagioni nettamente differenziate tra loro:

Stagione secca — Va da maggio a novembre e corrisponde all'inverno australe. In questo periodo il cielo è generalmente terso e le temperature sono attestate su valori primaverili (21 — 28 °C). Sulle alture del centro la temperatura può scendere sottozero. Negli altopiani centrali il clima è quasi alpino. Non è raro assistere a precipitazioni di carattere nevoso.

Stagione umida — Decorre da dicembre ad aprile e comporta piogge frequenti con temperature un po' più alte (tra i 26 e 32 °C). Questo è infatti il periodo dell'estate australe. Questa stagione è anche a rischio ciclonico

Bisogna ancora tener presente altri fattori come l'altitudine. Réunion è un'isola montuosa che raggiunge i 3070 m. di altitudine nel suo punto culminante, il "Piton des Neiges"; più si sale di quota più si abbassa la temperatura.

La catena montuosa centrale funge inoltre da barriera ai venti alisei che soffiano da est ad ovest. Ne consegue che la costa occidentale è più soleggiata di quella orientale durante tutto l'arco dell'anno. La prima è infatti detta "Costa Sotto Vento" e accoglie i principali centri balneari. L'altra, invece, detta Côte-au-vent o anche Cabesterre riceve precipitazioni di gran lunga più abbondanti. La differenza si riflette nel paesaggio: I fianchi dei monti del versante orientale sono coperti da vegetazione rigogliosa tra la quale si fa largo una miriade di ruscelli e cascate.

Cenni storici[modifica]

I marinai arabi erano soliti chiamare quest'isola, un tempo disabitata, Dina Morgabin (“isola dell'occidente”). Il portoghese Pedro de Mascarenhas fu il primo europeo a visitarla nel 1513. Quando venne occupata dai francesi nel 1642, il re di Francia Luigi XIII la soprannominò Île Bourbon (dal nome della famiglia regnante, i Borbone). Fu ribattezzata Réunion durante la rivoluzione francese (1793), per ricordare la riunione dei federati di Marsiglia con la guardia nazionale parigina durante la marcia sul palazzo delle Tuileries, nella storica giornata del 10 agosto 1792.

A partire dal XVII secolo giunsero sull'isola molti immigrati provenienti da svariati paesi tra cui Africa, Cina, India, Malesia conferendo all'isola l'eterogeneità etnica che la caratterizza.

Nel 19 marzo 1946 divenne un dipartimento d'oltremare francese..

Lingue parlate[modifica]

Oltre alla lingua ufficiale è molto diffuso anche il creolo; derivato principalmente dal francese, cui si sono aggiunti pochi vocaboli importati da altre lingue (hindi, cinese, inglese e malgascio).

Cultura e tradizioni[modifica]

Sono due le forme di espressione musicale che storicamente compongono la tradizione popolare di Réunion.

Se uno qualsiasi, il sega è una variante quadriglia creola, l'altro, Maloya, come il blues, Stati Uniti dall'Africa, guidata dalla nostalgia e dolore schiavi sradicati dalle loro terre e deportati nativo.

  • Sega — Una variante della quadriglia creola danzata in costume e nelle sale da ballo, punteggiata da strumenti tradizionali occidentali (e.g. fisarmonica, armonica, chitarra). Mostra l'intrattenimento civile durante la società coloniale del tempo. È tutt'oggi il ballo tipico dell'isola e dell'arcipelago delle Mascarene in generale.
  • Maloya (o Maloya degli schiavi) — Danze e canti rituali, che ricordano il blues americano che fonda le sue radici nella nostalgia e dolore degli schiavi sradicati dalle loro terre native e deportati. Diffusa al di fuori delle sale da ballo quasi clandestinamente di notte intorno al fuoco, con pochi strumenti di accompagnamento realizzati con elementi naturali quali bambù, zucche, ecc.


Regioni e mete turistiche[modifica]

██ Réunion settentrionale — Comprende Saint-Denis, Saint-Marie e Sainte-Suzanne.
██ Réunion occidentale — La regione della laguna.
██ Réunion meridionale — Zone selvagge del sud che comprendono Saint-Joseph e Saint-Philippe.
██ Réunion orientale — Si estende da Sainte-Rose a Saint-André.
██ Réunion centrale — Cuore selvaggio e montuoso dell'isola.

Centri urbani[modifica]

Statua di Roland Garros au Barachois a Saint-Denis

Nella costa settentrionale, nota come côte au vent, si possono trovare i seguenti centri urbani:

  • Saint-Denis — Il capoluogo isolano, sulla costa settentrionale.
  • Sainte-Rose — Il villaggio di Sainte-Rose segna la fine del "Sud Sauvage" e dei campi di lava e l'inizio della costa orientale esposta ai venti alisei e quindi più umida come attestano le piantagioni di ananas e di canna da zucchero.
  • Saint-Benoît
  • La Possession & Le Port — Un centro industriale e il suo porto mercantile.


Nella costa occidentale, nota come costa sottovento, si possono trovare i seguenti centri urbani:

  • Saint Paul — Centro turistico della costa occidentale al riparo dei venti, Saint Paul è attorniata da molte spiagge dotate di alberghi e locali notturni.
  • Saint Gilles-les-bains — Maggior centro balneare della costa sottovento, Saint Gilles-les-bains è famosa per la bellezza dei suoi fondali marini ma è anche una località affollata oltre misura.
  • Saint Leu — A 16 km da Saint-Gilles, Saint Leu attrae surfisti ma soprattutto appassionati di parapendio.


Nella costa meridionale si possono trovare i seguenti centri urbani:

Surf a Saint Pierre
  • Saint Pierre — Il maggior centro urbano del sud. Da Saint Pierre ha inizio la strada che attraversa l'interno passando per Le Tampon. Proseguendo invece sulla litoranea scopriremo il tratto di costa detto "Sud Sauvage" che va fino alla località di Sainte-Rose.
Cascate Langevin a Saint-Joseph
  • Langevin — Situata dubito dopo il villaggio di Saint-Joseph, Langevin è la base per l'escursione alle cascate di Grande Ravine, celebrate come le più belle di Réunion. Si può risalire in auto il corso del fiume Langevin fino alla località di Grand-Galet dopodiché occorrerà percorrere l'ultimo tratto a piedi.
  • St-Philippe — Da questo villaggio ha inizio un sentiero di 1 km e 1/2 che si inoltra tra una foresta particolarmente fitta. Dopo il paesaggio cambia all'improvviso e la litoranea attraversa campi coperti da immense colate di lava.
  • Bois-Blanc — All'altezza di Bois-Blanc, una strada secondaria conduce a Anse des Cascades sul bordo dell'oceano. Proseguendo sulla strada principale si incontrerà la chiesetta di Notre-Dame des laves, completamente circondata da campi di lava. Durante l'eruzione del 1977, la lava si arrestò proprio all'altezza della cappella. Il fatto fu considerato dagli abitanti come miracoloso.
Chiesa a Tampon

All'interno dell'isola si possono trovare i seguenti centri urbani:

  • Le Tampon — Un borgo di 70,000 abitanti.
  • Bourg Murat, donde di dirama una strada per il Piton de la Fournaise.
  • La Plaine des Palmistes — Superato il passo di Bellevue à 1606 m si scende fino a raggiungere Plaine des Palmistes un villaggio rurale di epoca coloniale da dove si parte per escursioni alle foreste di Bébour e Bélouve nonché al più famoso Trou-de-Fer, una valle molto stretta e profonda circa 300 m.
  • Cilaos — Uno dei tre crateri (gli altri sono Mafate e Salazie). Base per escursioni al "Piton des Neiges", massima vetta dell'isola (3069 m.)


Altre destinazioni[modifica]

  • Isole dell'Oceano Indiano —
  • Piton de la Fournaise — Vetta vulcanica che domina l'isola (circa 2600 m). È situato nelle Cilaos, nel sudest dell'isola. Essendo uno dei vulcani più attivi al mondo, è considerato l'attrazione principale dell'isola.
  • Mafate —


Come arrivare[modifica]

In aereo[modifica]

Roland Garros (IATA: RUN) è il nome dell'aeroporto internazionale. Al 2011 vi operavano le seguenti compagnie:

Un altro aeroporto internazionale sta a Saint Pierre, nel sud dell'isola. Porta il nome ufficiale di Saint-Pierre Pierrefond. Vi atterrano gli aerei Air Austral dopo aver effettuato scalo all'aeroporto Roland Garros.

In nave[modifica]

Dalle vicine Madagascar e Mauritius è possibile arrivare salendo a bordo di uno dei traghetti o aliscafi che fanno la spola tra le due isole.

Come spostarsi[modifica]

In auto[modifica]

Gli ingorghi sono frequenti pertanto è sconsigliato di viaggiare negli orari di punta. A causa del vulcano, capita che le strade ad est vengano temporaneamente chiuse. Le strade interne all'isola sono strade di montagna ricche di tornanti e per quanto l'isola possa sembrare piccola non bisogna sottostimare i tempi di percorrenza.

È possibile spostarsi anche in taxi ma non sono economici.

In autobus[modifica]

Gli autobus extraurbani non sono frequenti e per girare l'isola a proprio piacimento occorrerà noleggiare una vettura.

Cosa vedere[modifica]

Takamaka

Itinerari[modifica]

Una difficile strada a tornanti collega Saint Pierre a Saint-Benoît tagliando in diagonale l'isola. Ai lati della strada stanno canali senza protezione che raccolgono l'acqua piovana. Attenzione dunque a non stringere troppo a destra perché ci finirete dentro. La strada (N3) permette l'accesso alle località descritte di seguito:

  • Le Tampon.
  • Bourg Murat
  • La Plaine des Palmistes
  • Cilaos


Cosa fare[modifica]


Valuta e acquisti[modifica]

La valuta nazionale è il Euro (EUR). Réunion è infatti Dipartimento d'Oltremare francese e fa parte dell'Unione Europea. Proprio a Réunion, dato il suo fuso orario, è stato speso il primo Euro. Qui di seguito i link per conoscere l'attuale cambio con le principali monete mondiali:

(EN) Con Google Finance: AUD CAD CHF GBP HKD JPY USD
Con Yahoo! Finance: AUD CAD CHF GBP HKD JPY USD
(EN) Con XE.com: AUD CAD CHF GBP HKD JPY USD
(EN) Con OANDA.com: AUD CAD CHF GBP HKD JPY USD


A tavola[modifica]

Specialità prevalentemente europee adattate e modificate dalla cultura creola locale: pesce, cacciagione, formaggi, salumi tipici, paté particolari, ed inoltre frutta, marmellate, cioccolato, spezie molto profumate. Il cari (a base di riso bollito sgocciolato) è il piatto che la popolazione indigena, e non solo, cucina abitualmente. Il cari si accompagna con pollo, pesce, verdure varie ecc. La cucina della Réunion è particolarmente piccante. Nelle grandi occasioni viene servito il pâté réunionnais.

Bevande[modifica]

Specialità dell'isola è senz'altro il Rum arrangè, ovvero rum bianco aromatizzato con la macerazione al suo interno di prodotti tipici della Réunion: vaniglia, caffè, zenzero e frutta tropicale. Altra specialità è la Birra Reunion (comunemente chiamata "Dodò").


Infrastrutture turistiche[modifica]

Sull'isola ci sono una sessantina di alberghi, 3 ostelli, numerosi Bed&Breakfast, appartamenti e fattorie sparsi nelle principali località turistiche.

Eventi e feste[modifica]

  • Grand Raid — Si tiene ad ottobre e consiste in 160 km di trekking estremo sul Piton de la Fournaise, passaggio dai circhi naturali, infine arrivo a Saint-Denis. I più ardimentosi coprono questa distanza in circa 20 ore!

Festività nazionali[modifica]

Data Festività Note
1 gennaio Capodanno Festività internazionale
marzo/aprile Pasqua, Lunedì dell'angelo Festività cristiana
1 maggio Festa dei lavoratori Festività internazionale
8 maggio Festa della vittoria Memoriale della resa incondizionata della Germania che decretò la fine della II° guerra mondiale (1945)
maggio/giugno Ascensione, lunedì di pentecoste Festività cristiana
14 luglio Festa della presa della Bastiglia Memoriale (1789)
15 agosto Assunzione Festività cristiana
1 novembre Ognissanti Festività cristiana
11 novembre Festa dell'armistizio Memoriale della firma dell'armistizio con la Germania che ha segnato la fine della I° guerra mondiale (1918)
20 dicembre Festa dell'abolizione della schiavitù Memoriale (1848)
25 dicembre Natale Festività cristiana che segna la nascita di Cristo



Essendo un dipartimento francese, molte delle feste nazionali derivano da quelle della Francia.

Sicurezza[modifica]

Nei periodi che vanno da novembre ad aprile, è opportuno tenersi aggiornati con gli avvisi sui cicloni che possono impattare l'isola mediante giornali, radio o TV. Gli avvisi possono essere di tre tipi:

  • Vigilance cyclonique — nessun impatto previsto nelle prossime 24h. È comunque opportuno fare scorta di viveri.
  • Alerte orange (allarme arancione) — impatto previsto nelle prossime 24h. Sono sconsigliati lunghi spostamenti.
  • Alerte rouge (allarme rosso) — impatto previsto nelle prossime ore. È consigliato restare all'interno di un edificio sicuro.


Situazione sanitaria[modifica]

Réunion, a differenza di altri luoghi tropicali, non presenta situazioni di pericolo dal punto di vista sanitario o vaccinazioni consigliate. In tutti i principali centri dell'isola è molto facile trovare studi medici moderni e sempre molto affollati (trovandosi a tutti gli effetti in territorio francese, la sanità è pubblica).

Rispettare gli usi locali[modifica]


Come restare in contatto[modifica]


Altri progetti