Medina (Malta)

Da Wikivoyage.
Europa > Malta > Isola di Malta > Medina (Malta)
35°53′10″N 14°24′11″E / 35.886008°N 14.403056°E / 35.886008; 14.403056
Medina
Mdina o L-Imdina
Panorama di Medina
Stemma e Bandiera
Medina - Stemma
Medina - Bandiera
Appellativi: Città Notabile
Stato: Malta
Altitudine: 200 m s.l.m.
Abitanti: 306 (2011)
Prefisso tel: +356
CAP: MDN
Fuso orario: UTC+1
Posizione
Mappa di Malta
Medina (Malta)
Medina (Malta)

Medina è una città dell'Isola di Malta.

Introduzione[modifica]

Conserva ancora un aspetto monumentale, sebbene sia ormai abitata da poche centinaia di persone. Nonostante le sue austere mura arabe, l'interno è stato arricchito dai meravigliosi palazzi delle maggiori famiglie nobiliari maltesi.

Il nome Medina è stato conferito dagli arabi quando nel nono secolo costruirono possenti mura difensive circondate a sua volta da un profondo fossato. Infatti medina in arabo significa "città fortificata". La costruzione di queste mura ha di fatto diviso Medina dalla vicina Rabat.

Cenni storici[modifica]

I primi insediamenti in quest'area risalgono al IV millennio a.C. Intorno all'anno 1000 i Fenici fortificarono per la prima volta la città, probabilmente per via della sua posizione strategica nel punto più alto dell'isola. Sotto il dominio Romano il governatore dell'isola si insediò qui e gli diedero il nome di Melita e vi eressero il municipium. Si dice che nel 60 d.C. l'apostolo San Paolo si stabilì qui a causa del naufragio avuto durante l'ultimo suo viaggio verso Roma. La città deve il suo nome ai Saraceni che arrivarono a Malta intorno all'anno 870, circondando la città con alti muri difensivi e separandola dalla vicina Rabat. Con diploma del 20 giugno 1428, Alfonso d'Aragona, detto il Magnanimo, riunì Malta e Gozo alla corona d'Aragona (Regno di Sicilia) e le diede il nome di Città Notabile, rimanendo capitale dell'isola sino al 1530, quando, per iniziativa di papa Clemente VII e dell'imperatore Carlo V, si insediarono i Cavalieri di San Giovanni. Nel 1693 sotto il dominio dei Cavalieri di Malta un terremoto distrusse molti degli edifici di Mdina, i restauri dei danni riportati dalle mura e dalla città furono diretti dall'architetto francese François de Mondion e voluti dall'allora gran maestro Manoel de Vilhena, mentre la cattedrale, distrutta anch'essa, venne ricostruita su disegno del maltese Lorenzo Gafà.

Come orientarsi[modifica]

Veduta aerea della città


Come arrivare[modifica]

In aereo[modifica]

L'unico aeroporto dell'isola è quello internazionale di Malta (IATA: MLA) a 8 km da La Valletta.

In autobus[modifica]

  • Da Sliema o San Giuliano si arriva con il 202/203 impiegando poco meno di un'ora.
  • Da La Valletta si arriva con il 50/51/52 impiegando poco più di mezz'ora.


Come spostarsi[modifica]

Le strade sono così strette che precludono ai mezzi pubblici l'accesso, tuttavia è così piccola che si gira tranquillamente tutta a piedi. È possibile noleggiare una carrozza a cavallo.


Cosa vedere[modifica]

La chiesa di San Paolo.
  • Cattedrale (Chiesa di San Paolo), Misraħ San Pawl (Piazza San Paolo). Ecb copyright.svg 5€ (il biglietto comprende anche la visita all'antistante museo della cattedrale e al palazzo de Piro). Simple icon time.svg lun-sab 9:30-16:45, dom 15:00-16:45. Stupefacente cattedrale ricostruita intorno al 1700 in stile barocco (l'originale fu distrutta da un terremoto nel 1693), pavimentata con coloratissime lapidi di prelati e nobili maltesi (ad oggi la più recente è del 2013).
  • Museo della Cattedrale (Cathedral Museum), Misraħ San Pawl (Piazza San Paolo). Ecb copyright.svg 5€ (il biglietto comprende anche la visita all'antistante cattedrale e al palazzo de Piro). Simple icon time.svg lun-ven 9:30-16:30, sab 9:30-15:00. Oltre ad un nutrito numero di quadri a tema religioso o maltese, sono presenti xilografie, litografie e incisioni su rame di Albrecht Dürer e un'antichissima collezione di monete (sebbene alcune arrivino al dominio britannico).
  • Piazza Is-Sur (Misraħ Is-Sur). È il punto panoramico di Medina da cui si domina l'isola. Offre una veduta spettacolare a perdita d'occhio.
  • Palazzo De Piro3, Triq Is-Sur (accanto alla cattedrale), +356 2010 0560, +356 21450 560, @ . Palazzo del diciassettesimo secolo.
  • Palazzo Falson (casa Normanna), Villegaignon Street, +356 2145 4512. Ecb copyright.svg 10€ con audioguida (aprile 2013). Una casa museo ed è il secondo palazzo più antico esistente a Mdina e alcune parti risalgono al tredicesimo secolo.
  • The Knights of Malta. Ecb copyright.svg 6,50€ con audioguida (luglio 2013). Attrazione audiovisiva per apprendere la storia dei cavalieri di Malta e della città di Medina.
  • Medieval Times (Palazzo Costanzo), Villegaignon Street, +356 21 454625, +356 21 459384, fax: +356 21 450224. Attrazione storico-culturale situata nel palazzo Costanzo.
  • The Mdina Experience7 Mesquita Square, @ . Ecb copyright.svg 6€; gratis con Malta Pass (agosto 2013). Un filmato di 30 minuti che ripercorre la storia della vecchia capitale maltese.


Eventi e feste[modifica]


Cosa fare[modifica]

  • Girovagare. È la principale attività che si può svolgere all'interno di Medina e per quanto ci si possa allontanare dalle vie principali non ci sarà mai un reale rischio di perdersi. In ogni caso all'ingresso c'è un ufficio informazioni turistiche che vi potrà fornire una mappa della città con tracciato un itinerario consigliato.


Acquisti[modifica]


Come divertirsi[modifica]


Dove mangiare[modifica]


Dove alloggiare[modifica]


Sicurezza[modifica]


Come restare in contatto[modifica]

Telefonia[modifica]

La copertura della rete mobile non è ottima (specialmente la 3G), ma è comunque presente in quasi tutta la città.



Nei dintorni[modifica]

  • Rabat — A poche decine di metri dall'ingresso delle mura.



Altri progetti