Francia

Da Wikivoyage.
Europa > Francia
WMA button2b.png 47°N 2°E 
Francia
Paris - Eiffelturm und Marsfeld2.jpg
Localizzazione
Localizzazione
Stemma e Bandiera
Francia - Stemma
Francia - Bandiera
In breve
Capitale: Parigi
Governo: Repubblica semi-presidenziale
Valuta: Euro (EUR)
Superficie: 547.026 km²
Abitanti: 60.87.000
Lingua: Francese
Religione: Cattolici 83%-88%, Protestanti 2%, Jewish 1%, Musulmani 5%-10%, atei 4%
Elettricità: 220V/50Hz (presa europea)
Prefisso: +33
TLD: .fr
Fuso orario: UTC+1
Sito web: Ente Turistico

Francia è una nazione dell'Europa occidentale confinante con Spagna e Andorra a sudovest, con Belgio, Lussemburgo, Germania, Svizzera e Italia a est, inoltre si affaccia sul mar Mediterraneo a sud, mare del Nord e il canale della Manica a nord e con l'oceano Atlantico ad ovest.

Introduzione[modifica]

La Francia è il paese più visitato nel mondo (per numero di visitatori stranieri, da 37 anni), e lo stesso vale per Parigi, che è la prima città turistica in termini di arrivi (da 75 anni) e, infine, la Torre Eiffel che è il monumento più visitato del mondo.

Cenni geografici[modifica]

La Francia è terzo stato più vasto d'Europa pertanto possiede una grande varietà di paesaggi, che spaziano dalle grandi pianure costiere del nord e dell'ovest, alle catene montuose che caratterizzano il sudest (Alpi) e il sudovest (Pirenei). La vetta più alta (in comune con l'Italia) è il Monte Bianco con i suoi 4.800 m. Ci sono anche altre regioni montane di più antica formazione, come le montagne della Corsica, il Massiccio Centrale, il Giura, i Vosgi, il Massiccio armoricano e le Ardenne che sono una regione molto rocciosa e boscosa.

I principali fiumi sono la Loira, il Rodano (le cui sorgenti sono in Svizzera), la Garonna (le cui sorgenti sono in Spagna), la Senna, parte del Reno, della Mosa, della Mosella, della Somme, della Vilaine.

Come eredità dell'epoca imperiale, sono molti i territori che appartenenti alla Francia situati al di fuori dell'area continentale europea.

Quando andare[modifica]

Se possibile, è opportuno evitare le vacanze scolastiche francesi e le festività nazionali, in quanto la probabilità di trovare gli alberghi completamente prenotati è molto alta, inoltre il traffico stradale terribile.

Il clima è molto variegato, ma tendenzialmente ha inverni temperati ed estati miti su gran parte del territorio, e soprattutto a Parigi e in Normandia. Inverni miti ed estati calde lungo il Mediterraneo e nel sud-ovest (quest'ultimo molto piovoso in inverno). Inverni miti (molto piovosi) ed estati fresche nel nord-ovest (Bretagna). Inverni freddi ed estati calde lungo il confine tedesco (Alsazia). Inverni freddi e particolarmente generosi di neve nelle regioni montane come Alpi, Pirenei e Alvernia.

Lingue parlate[modifica]

Esistono diverse lingue locali (basco, bretone, catalano, corso, olandese (fiammingo), alsaziano, occitano e francoprovenzale), ma il governo francese e il sistema scolastico ne hanno scoraggiato l'uso fino a poco tempo fa. Le lingue regionali vengono ora insegnate in alcune scuole, anche se il francese rimane l'unica lingua ufficiale in uso dal governo, locale o nazionale.


Territori e mete turistiche[modifica]

La Francia è divisa in 27 regioni amministrative, delle quali 22 fanno parte della Francia metropolitana. Le rimanenti sono costituite da territori d'oltremare, residuo dell'antico impero coloniale francese. Le regioni metropolitane sono raggruppate nelle seguenti 7 regioni culturali:

Mappa divisa per regioni
██ Île-de-France — La regione che circonda la capitale francese: Parigi.
██ Francia settentrionale — Comprende Nord-Passo di Calais, Piccardia e Normandia. Una regione dove le guerre mondiali hanno lasciato molte cicatrici.
██ Francia nordorientale — Comprende Alsazia, Lorena, Champagne-Ardenne e Franca Contea. Una regione dove la più ampia cultura europea (specialmente quella tedesca) si è fusa con quella quella francese, dando frutto a interessanti risultati.
██ Francia occidentale — Comprende Bretagna, Paesi della Loira (Pays de la Loire). Una regione oceanica basata sull'agricoltura con una cultura ampiamente influenzata dalle antiche popolazioni celtiche.
██ Francia centrale — Comprende Centro, Poitou-Charentes, Borgogna, Limosino e Alvernia. Una vasta regione agricolo e vinicola, che comprende alcune valli fluviali, castelli e città storiche.
██ Francia sudoccidentale — Comprende Aquitania e Midi-Pirenei. Una regione incentrata su una mescola di vino e mare, con belle spiagge atlantiche e gli alti monti Pirenei al confine con la Spagna.
██ Francia sudorientale — Comprende Rodano-Alpi, Linguadoca-Rossiglione, Provenza-Alpi-Costa Azzurra e Corsica. La primaria regione turistica nazionale escludendo Parigi, con un clima caldo e il mare azzurro che fa da contrasto alla zona delle Alpi francesi.


In aggiunta alle regioni della Francia metropolitana vanno considerati anche i dipartimenti e territori d'Oltre Mare, che sono:

Centri urbani[modifica]

Si può consultare l'elenco dei centri urbani di Francia coperti da questa guida nella pagina della categoria relativa. L'elenco seguente è circoscritto ai primi dieci centri rilevanti per numero di abitanti o per turismo.

  • Parigi — Capitale di Francia, Parigi è la città più visitata al mondo.
  • Bordeaux — Città nota per i vini.
  • Cannes — Sulla Costa Azzurra e rinomata per il suo festival internazionale del cinema, anche Cannes fu colonia greca con il nome di Kalamai che significa appunto "canne", "canneto".
  • Lione — Terza città di Francia.
  • Marsiglia — Seconda per popolazione, Marsiglia è anche il primo porto del mediterraneo per traffico di merci.
  • Montpellier
  • Nantes
  • Nizza — Maggior centro della Costa Azzurra, Nizza fu fondata da coloni greci che le diedero il nome di Niki (Vittoria).
  • Strasburgo — Sede del Parlamento e del Consiglio Europeo, Strasburgo è città fra le più ricche dell'Unione Europea per reddito pro-capite.
  • Tolosa — Quarta per numero di abitanti, Tolosa conserva un centro di impronta medievale giunto integro fino ai nostri giorni.

Altre destinazioni[modifica]


Come arrivare[modifica]

Requisiti d'ingresso[modifica]

La Francia è un membro dell'Area Schengen.

Non ci sono controlli alle frontiere tra i paesi che hanno firmato e attuato il trattato, ossia l'Unione europea (ad eccezione della Bulgaria, Croazia, Cipro, Irlanda, Romania e Regno Unito), Islanda, Liechtenstein, Norvegia e Svizzera. Allo stesso modo, un visto concesso da un qualunque membro Schengen è valido in tutti gli altri paesi che hanno firmato e attuato il trattato. Ma attenzione: non tutti i membri dell'Unione europea hanno firmato il trattato di Schengen, e non tutti i membri di Schengen fanno parte dell'Unione europea. Questo significa che ci possono essere controlli doganali a campione, ma senza controlli di immigrazione (viaggiando all'interno di Schengen, ma non da/a un Paese extra UE) o potrebbe essere necessario passare i controlli di immigrazione, ma non quelli doganali (viaggiango all'interno dell'UE, ma non da/a un Paese extra Schengen).

Gli aeroporti in Europa sono pertanto suddivisi in aree "Schengen" e "non-Schengen", che di fatto si comportano come gli equivalenti nazionali dei voli "domestici" e "internazionali". Se si vola da fuori dell'Europa verso un paese Schengen per poi continuare verso un'altro, verranno effettuati i controlli di immigrazione e doganali al primo scalo per poi continuare verso la destinazione finale senza ulteriori verifiche. Viaggiare tra un membro di Schengen e uno Stato non appartenente a Schengen darà luogo ai normali controlli di frontiera. Si noti che indipendentemente dal fatto che si viaggia all'interno dello spazio Schengen o meno, molte compagnie aeree continueranno a insistere per vedere la vostra carta d'identità o passaporto.

I cittadini dell'UE o AELS (l'"Associazione europea di libero scambio", nota in inglese come EFTA, e composta da Islanda, Liechtenstein, Norvegia e Svizzera) per l'ingresso hanno solo bisogno di una carta d'identità valida per l'espatrio o di un passaporto, entrambi ovviamente in corso di validità. In nessun caso si avrà bisogno di un visto per un soggiorno di qualsiasi durata. Gli stessi criteri si applicano anche ai cittadini stranieri. In aggiunta dovranno solo mostrare il regolare visto d'ingresso che gli ha consentito l'accesso al primo stato membro.

I cittadini non-UE/AELS in genere necessitano di un passaporto per l'ingresso in un paese Schengen e la maggior parte avranno bisogno di un visto.

Dal 2012 anche i minorenni devono essere muniti di carta d'identità per lasciare il suolo nazionale e devono essere accompagnati da almeno uno dei genitori indicati in tale documento. In assenza dei genitori il minore deve avere una "dichiarazione di accompagno" da loro firmato e convalidato dagli organi competenti, in cui si indica la persona o l'ente a cui il minore sarà affidato.

Note
(1) I cittadini di questi paesi hanno bisogno di un passaporto biometrico per godere dell'esenzione dal visto.

(2) I cittadini serbi con passaporto rilasciato dalla direzione di coordinamento serba (residenti in Kosovo con passaporto serbo) necessitano del visto.

(3) I cittadini di Taiwan hanno bisogno del loro numero identificativo da stipularsi sul passaporto di godere dell'esenzione del visto.

Solo i cittadini dei seguenti paesi non-UE/AELS non hanno bisogno di un visto per l'ingresso nello area Schengen: Albania1, Andorra, Antigua e Barbuda, Argentina, Australia, Bahamas, Barbados, Bosnia ed Erzegovina1, Brasile, Brunei, Canada, Cile, Costa Rica, El Salvador, Guatemala, Honduras, Israele, Giappone, Repubblica di Macedonia1, Malesia, Maurizio, Messico, Moldavia1, Principato di Monaco, Montenegro1, Nuova Zelanda, Nicaragua, Panama, Paraguay, Saint Kitts e Nevis, San Marino, Serbia1, 2, Seychelles, Singapore, Corea del Sud, Taiwan3 (Cina), Stati Uniti, Uruguay, Città del Vaticano, Venezuela, inoltre le persone in possesso di passaporti del British National (Overseas), Hong Kong o Macao.

I cittadini non-UE/AELS possono non possono rimanere più di 90 giorni in un periodo di 180 giorni all'interno dell'area Schengen nel suo complesso e, in generale, non possono lavorare durante il loro soggiorno (anche se alcuni paesi Schengen fanno eccezione a certe nazionalità; vedi sotto). Il conteggio inizia una volta che si entra in un paese dell'Area Schengen e continua anche quando si lascia un paese Schengen per un altro.

I cittadini non UE/AELS (anche se esenti da visto, a meno degli andorrani, monegaschi o sammarinesi), devono accertarsi che il passaporto venga timbrato sia all'ingresso che all'uscita dall'area Schengen. Senza il timbro d'ingresso, si può essere trattati come coloro che hanno ecceduto la permanenza prevista dal visto quando si tenta di lasciare spazio Schengen; inoltre a chi è privo di un timbro di uscita, può essere negato l'ingresso la successiva volta che cerca di entrare nell'area Schengen perché potrebbe risultare che ha ecceduto il soggiorno durante la visita precedente. Se non è proprio possibile ottenere un timbro apposto sul passaporto, assicurarsi di conservare documenti quali carte di imbarco, biglietti di trasporto e ricevute ATM che possono aiutare a convincere il personale d'ispezione frontaliero che della legale permanenza nell'area Schengen.

Notare che:

  • I sudditi britannici con aventi il diritto residenza nel Regno Unito e i cittadini dei Territori Britannici d'Oltremare connessi a Gibilterra, sono considerati "cittadini del Regno Unito ai fini dell'Unione europea" e quindi possono beneficiare di un accesso illimitato alla zona Schengen.
  • I sudditi britannici e i cittadini dei Territori Britannici d'Oltremare, entrambi senza diritto di residenza nel Regno Unito, necessitano il visto.

Tuttavia, tutti i cittadini dei Territori Britannici d'Oltremare ad eccezione di quelli esclusivamente collegati alle zone di sovranità di Cipro sono eleggibili per la cittadinanza britannica e, successivamente, all'accesso illimitato all'area Schengen.

In aereo[modifica]

Le compagnie aeree che al 2010 effettuavano voli da città italiane a quelle francesi erano le seguenti:


In treno[modifica]

  • TGV (Train à Grande Vitesse) gestito da VFE, la compagnia dei treni ad alta velocità. ramo della SNCF (Société nationale des chemins de fer français), il gestore nazionale delle ferrovie francesi. La rete, incentrata su Parigi, si è espansa ai paesi vicini.


Come spostarsi[modifica]

In treno[modifica]

InterRail propone un singolo pass per la Francia. Se non si è residenti in Italia o altro paese della UE si può acquistare un pass Eurail.

Entrambi i pass hanno perso in convenienza in quanto parecchi dei treni su lunga percorrenza richiedono prenotazione dei posti e il pagamento di un supplemento. Chi è detentore di un rail-pass è costretto a fare la coda alle biglietterie della stazione per prenotare un posto su un qualsiasi treno che operi sulle lunghe distanze eccezion fatta ancora per gli Intercité.

Posti e cuccette possono essere prenotati on line fino a 90 giorni prima della data prestabilita del viaggio sul sito http://www.tgv-europe.it (in italiano) o sull'altro http://www.voyages-sncf.com/ se siete già su territorio di Francia (il biglietto vi verrà spedito al vostro indirizzo in Francia).

Categorie di treni[modifica]

  • TER. Treni regionali. Sono i più lenti e fermano a quasi tutte le stazioni che incontrano sul loro percorso.
  • Corail Intercité. Questi sono i treni sui quali viaggiano i possessori di un pass Eurail o Interail. Non richiedono infatti il pagamento di un extra per la prenotazione.
  • Corail Téoz. Categoria di treni che non differisce in nulla dagli Intercité se non per il fatto che la prenotazione è obbligatoria.
  • Corail Lunéa. Il nome dei treni notturni. In genere costituiscono un ottimo affare.
  • TGV. I treni ad alta velocità (Trains à Grande Vitesse) collegano Parigi a Lilla (Lille), a varie località nel sud-est della Francia (Nizza (5-6h), Marsiglia (3h) e Avignone) (2.5 h), alle città svizzere di Ginevra (3h) e Losanna, a Dijon (1h15) e a città nell'ovest e sud-ovest del paese (Bordeaux (3h), Rennes (3h)).
  • Thalys. Un servizio di treni ad alta velocità che collegano Parigi a città dei Paesi Bassi, Belgio e Germania - È più caro rispetto ad altri tipi di treni che coprono gli stessi tragitti.
  • Intercity. I treni Intercity effettuano collegamenti notturni con località di paesi limitrofi come San Sebastian in Spagna, Porto e Lisbona in Portogallo.
  • Eurostar. Il servizio di treni Eurostar collega Parigi a Londra-St Pancras (2h15min) e a Brussels.


Cosa vedere[modifica]


Cosa fare[modifica]


Valuta e acquisti[modifica]

La valuta nazionale è l'euro (€, EUR). Si tratta di uno dei 24 paesi europei che utilizza questa valuta comune. Molti facenti parte dell'Unione Europea in particolare dell'eurozona (Austria, Belgio, Cipro, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Italia, Lettonia, Lussemburgo, Malta, Paesi Bassi, Portogallo, Slovacchia, Slovenia e Spagna), insieme ai 6 membri extracomunitari Andorra, Kosovo, Principato di Monaco, Montenegro, San Marino e Città del Vaticano che però non hanno voce in capitolo negli affari della zona euro. Globalmente questi 24 Paesi hanno una popolazione di oltre 330 milioni.

Un euro è diviso in 100 centesimi. Tutti i paesi della zona euro hanno monete emesse con un disegno nazionale che su un lato, e un disegno comune sul lato opposto. Tutte le banconote hanno esattamente la stessa fattura e tutte hanno corso legale in tutti i paesi della zona euro.

Qui di seguito i link per conoscere l'attuale cambio con le principali monete mondiali:

(EN) Con Google Finance: AUD CAD CHF GBP HKD JPY USD
Con Yahoo! Finance: AUD CAD CHF GBP HKD JPY USD
(EN) Con XE.com: AUD CAD CHF GBP HKD JPY USD
(EN) Con OANDA.com: AUD CAD CHF GBP HKD JPY USD


A tavola[modifica]

In Francia vengono consumati tre pasti al giorno: la colazione, il pranzo e la cena. La colazione è composta da succo di frutta, caffè, tè, cereali e pane con marmellata e burro. Il pranzo viene introdotto da un antipasto (entrées) costituito da verdure crude (crudités) come insalate miste con prosciutto cotto e noci sgusciate tagliati a dadini, frutta e salumi. Meno comunemente gli antipasti possono essere composti da molluschi, paté, ostriche e astice. Il pranzo poi prosegue con un piatto principale costituito da pesce, carne, verdure cotte, pasta o riso che viene seguito da un dessert a base di yogurt, frutta, dolce o formaggio. Il pranzo termina con un caffè. La cena è simile al pranzo, unica differenza che invece dell'antipasto viene servita una zuppa di crema o brodo. Inoltre il pranzo e la cena vengono accompagnati dal vino e a volte dalla birra.

Piatti tipici francesi sono vari formaggi, vini, salse e salumi, la baguette, un pane dalla forma affusolata ricoperto da una crosta croccante, la quiche, una torta salata con la base di pasta brisée servita come antipasto.

Infrastrutture turistiche[modifica]


Eventi e feste[modifica]


Sicurezza[modifica]


Situazione sanitaria[modifica]


Rispettare le usanze[modifica]


Come restare in contatto[modifica]



Altri progetti