Brașov

Da Wikivoyage.
Europa > Balcani > Romania > Transilvania > Brașov
(Reindirizzamento da Brasov)
Braşov
Kronstadt
Piaţa Sfatului, la piazza principale del centro storico.
Stemma e Bandiera
Braşov - Stemma
Braşov - Bandiera
Stato: Romania
Regione: Transilvania
Altitudine: ca. 600 m s.l.m.
Superficie: 267,32 km²
Abitanti: 253.200 (2011)
Prefisso tel: +40 0268
CAP: 500000
Posizione
Mappa della Romania
Brașov
Braşov
Sito del turismo di Braşov
Sito istituzionale di Braşov

WMA button2b.png 45°39'14"N 25°36'31"E 

Braşov è una città della Transilvania.

Introduzione[modifica]

Panorama innevato del centro storico

Brașov, conosciuta anche con il nome tedesco di Kronstadt, è un importante centro economico e turistico situato nella parte centrale della Romania.

Sin dal Medioevo ha avuto una grande rilevanza mercantile, grazie alla sua posizione strategica, ma soprattutto alla presenza di numerose botteghe di artigiani e di negozianti, che un tempo si estendevano lungo le arterie principali del centro storico. La posizione centrale all'incrocio delle principali vie di comunicazione tra l'Impero ottomano e l'Europa occidentale, ha contribuito notevolmente alla crescita culturale ed economica della città sin dalla sua fondazione, avvenuta secondo la tradizione nell'anno 1203.

La città viene considerata al giorno d'oggi come una delle mete turistiche principali, sia estive che invernali, della Romania. Il paesaggio montano, il clima fresco, il patrimonio culturale ed architettonico e l'accoglienza della gente contribuiscono ad attirare ogni anno moltissimi turisti, sia dalla stessa Romania che dall'estero, tanto da risultare essere la seconda città più visitata del paese dopo Bucarest. (2013)

Cenni storici[modifica]

Brașov, come del resto molte città della Transilvania (in tedesco Siebenbürgen), è stata fondata in seguito all'Ostsiedlung, ovvero la colonizzazione dell'Est da parte di popolazioni germaniche. In Romania si stabilirono i cosiddetti Sassoni della Transilvania, influenzando notevolmente sia la cultura che le tradizioni locali, sia l'architettura, ma anche la toponomastica dei luoghi. Tuttavia, nel tempo la presenza sassone è diminuita, lasciando spazio ad altre nazionalità; in primis quella rumena e in secondo luogo quella ungherese, che oggi costituisce la minoranza linguistica più grande della città. Esistono anche gruppi di zingari, di russi e di greci. Tutte queste caratteristiche rendono Brașov un piccolo centro cosmopolita, in cui ciascun gruppo etnico ha la sua degna importanza.

Nota dapprima col nome di Corona e poi col nome tedesco di Kronstadt, la città si è subito assicurata un posto di rilievo nel quadro transilvano, formando uno dei primi avamposti per la diffusione del protestantesimo a partire dal XV secolo. Figura molto importante è perciò quella di Iohannes Honterus, che aiutò alla diffusione della religione protestante in Transilvania con la fondazione tra l'altro di una scuola.

Il teologo e umanista Iohannes Honterus

La storia successiva di Brașov è caratterizzata da numerosi avvenimenti, come la nascita della prima scuola di tipografia della Romania (1558), la fondazione del primo giornale in lingua rumena e della prima scuola con insegnamento in lingua rumena. Queste particolarità danno alla città anche una certa importanza sul piano linguistico rumeno.

Nel periodo interbellico e dopo il secondo scontro mondiale, Brașov diventa un importante polo industriale, vantando molte industrie nel settore aeronautico, in quello dell'industria pesante (raffineria, metallurgia, meccanica), farmaceutica, cosmetica e tessile.

Quando andare[modifica]

La città può essere visitata in qualsiasi periodo dell'anno. D'estate si possono ammirare le bellezze architettoniche del centro storico, visitandone musei e chiese. Consigliata è la passeggiata per la Strada Republicii, una strada interamente adibita ai pedoni, che parte dalla Piaţa Sfatului per finire nel parco di fronte alla prefettura. Attraversando questa strada si possono incontrare negozi di moda, botteghe antiche ma anche numerosi ristoranti. D'inverno come d'estate, la città offre una vasta gamma di attività. Vi si possono trovare piste di pattinaggio e impianti sportivi, fra i quali gli impianti sciistici delle vicine località Poiana Braşov e Raşnov. Inoltre l'inverno contribuisce a costituire il tipico paesaggio montano della zona, che assieme alle case coperte da coltri di neve, conferisce un che di fiabesco alla città.

Tramonto invernale su Brașov

Cenni geografici[modifica]

Brașov si trova nel centro del paese, e più precisamente nell'omonima depressione situata tra i monti Carpazi. Il centro storico è come incastonato in una conca delimitata da montagne di media altezza, mentre il resto della città si è sviluppato alla base di questa conca, circondando il monte Tâmpa: una montagna che si addentra nella città e dalla quale si può godere un'ottima visuale.



Come orientarsi[modifica]

Quartieri[modifica]

Brașov ha in totale 17 quartieri qui sotto elencati:

  • Astra
  • Bartolomeu
  • Blumăna
  • Brașovechi
  • Centrul Civic
  • Cetatea
  • Craiter
  • Dârste
  • Florilor
  • Noua
  • Poiana Brașov
  • Scriitorilor
  • Stupini
  • Timiș-Triaj
  • Tractorul
  • Valea Cetății
  • Șcheii Brașovului

Come arrivare[modifica]

In aereo[modifica]

Brașov non ha ancora il suo aeroporto, ma è attualmente in costruzione nella vicina località di Ghimbav. L'apertura è prevista per il 2016 e sarà un aeroporto internazionale. Al momento gli aeroporti più vicini sono quelli di Bucarest e Sibiu.

In auto[modifica]

La città è al centro di un nodo stradale importante, dove confluiscono e da cui partono le strade nazionali:

  • DN1 (Oradea - Sibiu - Făgăraș - Brașov - București)
  • DN1A (Brașov - Săcele - pasul Bratocea - Vălenii de Munte - Ploiești)
  • DN10 (Brașov - Hărman - pasul Buzău - Buzău)
  • DN11 (Brașov - Hărman - pasul Oituz - Onești)
  • DN12 (Brașov - Sfântu Gheorghe - Băile Tușnad - Miercurea-Ciuc - Toplița)
  • DN13 (Brașov - Rupea - Sighișoara - Bălăușeri - Târgu Mureș)
  • DN73 (Brașov - Bran - Câmpulung - Pitești)

Al momento non vi è un'autostrada, ma è in fase di costruzione.

In treno[modifica]

La città è collegata alla rete nazionale ferroviaria ed è servita da treni con partenze giornaliere da Bucarest.

Come spostarsi[modifica]

Con mezzi pubblici[modifica]

Brașov è servita da una vasta rete di trasporti urbani, formata da 47 linee di autobus e filobus urbani. Per usufruirne, bisogna comprare il biglietto nelle apposite biglietterie, a volte situate nei chioschi vicini alle fermate. I bambini sotto i 5 anni possono viaggiare gratis, mentre gli adulti devono pagare la somma di due Lei per un biglietto di sola andata. Si possono comprare anche abbonamenti per due o più linee di trasporto, per l'intervallo di 1/7/30 giorni.

In taxi[modifica]

A Brașov ci sono 7 grandi compagnie di taxi. In generale, in città la tariffa è di 1,35 Lei per chilometro.

Cosa vedere[modifica]

Per la sua posizione geografica, Brașov è un ottimo luogo da cui partire per visitare l'intera Romania. Di seguito sono elencate le attrazioni principali della città:

La Chiesa Nera in inverno
  • Biserica Neagră (La Chiesa Nera). Simple icon time.svg La chiesa è visitabile previa prenotazione. forse la maggiore attrazione della città, la Chiesa Nera è il più grande esempio di architettura gotica in Romania - la costruzione è datata al 1477 ed acquisì il suo odierno nome dopo che le pareti sono state annerite dal grande incendio del 1689. Attualmente custodisce la più grande campana ed il più grande organo della Romania, oltre ad una prestigiosa collezione di tappeti turchi databili al XVI secolo.
  • Casa Sfatului (Il vecchio municipio). L'amministrazione di Brașov è stata eseguita in questo edificio per più di 500 anni. Oggi la costruzione è adibita a museo cittadino. Ogni giorno, a mezzogiorno si può assistere al cambio delle guardie, a suon di trombe.
  • Biserica Sf. Nicolae (Chiesa di San Nicola). databile al XIV secolo. Essa è stata persino citata in una bolla papale di Papa Bonifacio IX.
La Chiesa di San Nicola
  • La prima scuola rumena. un museo contenete la prima stampa rumena, oltre ad altri interessanti pezzi.
  • Strada Sforii (La Strada della Corda). la strada più stretta della Romania. La sua esistenza può essere attestata sin dal XVII; essa aveva la funzione di facilitare il lavoro dei pompieri.
  • Șchei. il quartiere vecchio della città, situato al di fuori delle mura. In esso si trova la Chiesa di San Nicola.
  • Le mura della città. assieme ai possenti bastioni, fra i quali si possono citare il Bastione Graft, il Bastione dei Tessitori. Quest'ultimo contiene il Museo delle Fortificazioni della città: un interessante viaggio nella storia di Brașov.
La Torre Bianca
  • La Torre Bianca e la Torre Nera. due torri che sorvegliano la città vecchia in posizione sopraelevata.due torri che sorvegliano la città vecchia in posizione sopraelevata.
  • La Porta Caterina. l'unica porta della città rimasta ancora in piedi dal Medioevo. Essa è abbellita da quattro torrette, che le conferiscono una certa maestosità. Sopra la porta vi è lo stemma della città: la corona con le radici.
  • La Porta Schei. , situata vicino alla Porta Caterina, venne costruita nel 1827.
  • Muzeul Prima Carte Românească. un museo con una grande raccolta di libri, fra cui il primo in lingua rumena.
  • Tâmpa. il monte che si erge nel mezzo della città. La sua punta è raggiungibile mediante una funivia, da lì si può ammirare un panorama mozzafiato della città.


Eventi e feste[modifica]

Brașov offre ai suoi cittadini un'ampia gamma di eventi temporanei, di ciascun tipo, che possono essere consultati su questo sito.

Oltre agli eventi temporanei, vi sono feste annuali, come la Festa della Città, festeggiata in primavera per la durata di una settimana. Nel periodo natalizio, a Brașov vi è un mercantino di Natale, la cui organizzazione è nelle mani dei famosi mercatini natalizi di Norimberga. Inoltre, dal 2009 viene organizzato l'Oktoberfest nell'area dell'impianto sportivo della città vecchia. Il festival ha luogo ai piedi del monte Tâmpa, in una grande tenda, con specialità bavaresi, fra le quali non può mancare la birra. Quest'anno verrà organizzato nel periodo 4-14 settembre 2014.

Cosa fare[modifica]


Acquisti[modifica]


Come divertirsi[modifica]


Dove mangiare[modifica]


Dove alloggiare[modifica]

Prezzi modici[modifica]

Prezzi medi[modifica]


Sicurezza[modifica]


Come restare in contatto[modifica]


Nei dintorni[modifica]

Il Castello di Dracula
Poiana Brasov

Escursioni[modifica]

Da Brașov, si possono visitare le chiese fortificate della Transilvania, inserite nel patrimonio mondiale UNESCO. Prejmer è facilmente raggiungibile in autobus o sennò mediante autovettura noleggiata.

  • Castello di Bran, il famoso Castello di Dracula, descritto nel libro di Bram Stocker. La fortezza si trova a pochi chilometri da Brașov ed è raggiungibile in autobus e macchina.
  • Poiana Brașov, la stazione sciistica situata a quasi dodici chilometro da Brașov, è famosa in tutto l'Est Europa e attira ogni inverno migliaia di turisti da tutta Europa. La stazione può essere raggiunta con l'autobus numero 20 da Brașov. La stazione possiede 12 piste da sci e numerosi impianti sciistici, fra i quali 2 funivie aeree, una cabinovia ed 8 seggiovie.

Itinerari[modifica]

  • A Sinaia (44 km) - Un impianto sciistico rinomato, più distante di Poiana Brașov. Nelle sue vicinanze si trova il Castello di Peleș, un gioiello in stile neorinascimentale costruito tra il 1873 e il 1914 dalla famiglia reale rumena, oggi adibito a museo.
  • A Sighișoara (118 km) - Si passa per piccoli villaggi sassoni arroccati sulle colline, attorno alle tipiche chiese fortificate della zona.
  • A Sibiu (145 km) — Si passa per Făgăraş, al centro di una zona nota come "Alpi di Transilvania" le cui valli sono disseminate di villaggi pastorali di origine sassone.
  • A Bucarest (168 km) - La capitale può essere raggiunta sia in macchina che col treno. Anche se quest'ultimo dura di più, si possono ammirare i paesaggi montani della valle di Predeal.


Altri progetti